Le gare venivano irregolarmente aggiudicate ad alcuni imprenditori della zona

Con l’accusa di truccare le gare d’appalto, il direttore dei servizi generali amministrativi dell’istituto scolastico d’arte “F. Grandi” di Sorrento, Catello Coda, e suo figlio Gennaro, titolare di un’azienda informatica, sono finiti agli arresti domiciliari. Misure interdittive sono state emesse anche nei confronti di sette imprenditori della penisola sorrentina. Secondo la procura di Torre Annunziata, che coordina le indagini e … Continua a leggere