Social network/ I manager italiani li usano più per spiare i dipendenti che per fare marketing

Attenti al capo voyeur che vi controlla mentre navigate e commentate su Facebook o Twitter. L’avvertimento arriva da un’indagine condotta on line dall’Associazione italiana per il marketing, le vendite e la comunicazione (Adico) che ha analizzato i comportamenti di 412 marketing manager italiani. Oltre il 30% degli intervistati, infatti, ammette di utilizzare i social network per spiare o controllare dipendenti … Continua a leggere

I ragazzi uccisi a Villaricca, su Facebook-addii e lacrime: «Dio ha preso i più belli

Il dolore è ancora palpabile in via Enrico Fermi. Per tutta la mattina di ieri incessante il viavai di amici, parenti e conoscenti sul marciapiede dell’asse viario dove ancora sono visibili i segni dell’incidente che ha listato a lutto la domenica di Villaricca e Qualiano. L’assurda morte di Giuseppe, Gennaro e Ugo, amici per la pelle, trio inseparabile, ha sconvolto … Continua a leggere

Troppa spontaneità su Facebook può costare il posto di lavoro, anche in Italia

Basta un commento di troppo su Facebook per subire provvedimenti disciplinari. O perdere il posto di lavoro. Anche in Italia. Alcuni casi sono ormai celebri. Tra gli ultimi, il licenziamento di una cameriera, Ashley Johnson, in una pizzeria di New York. Ha servito un tavolo di clienti per un’ora e mezzo, ricevendo una mancia di cinque dollari: poi, ha protestato … Continua a leggere

L’anonimato, su internet, è soltanto nel nome. Ecco perché

Occhio a cosa scrivi su Facebook, consiglia l’amico scaltro prima di un colloquio di lavoro. Controlla il tuo nome su Google, insomma, attenzione all’identità digitale e alla reputazione. Fin qui nulla di nuovo. Nell’era dell’ipercondivisione in rete c’è chi è felice di sentirsi dire “che belle le foto delle vacanze che hai postato ieri” e chi invece avverte un brivido … Continua a leggere

Pomigliano-Facebook, annuncia suicidio

Una donna minaccia il suicidio su facebook salvata: il suo inquietante annuncio parte da Pomigliano d’Arco, nel Napoletano. Una internauta di Cecina (Livorno), iscritta al social network, legge però della sua intenzione e allerta i carabinieri, che intervengono subito sul posto e la salvano. I militari del comando provinciale di Napoli sono riusciti infatti, attraverso la data di nascita e … Continua a leggere

Facebook/ Superato il mezzo miliardo di iscritti. E per festeggiare, gli utenti raccontano le loro “storie da social network”

Facebook taglia il traguardo dei 500 milioni di iscritti e festeggia proprio con il contributo dei suoi utenti: il social network più popolare al mondo lancerà infatti “Facebook Stories“, un sito che raccoglierà le storie più significative dei suoi membri e i temi più “gettonati” fra le bacheche negli ultimi anni. E’ quanto riportano alcuni blog, secondo i quali l’annuncio … Continua a leggere

Usa, fa sesso con il figlio. Madre condannata

Aimee Louise Sword divenne madre a 19 anni. Troppo giovane per occuparsi del suo bambino, che decise così di dare in affidamento, ad una famiglia di Waterford. Due anni fa però, 14 anni dopo la nascita, il suo bambino non era più un bambino, ma un ragazzo adolescente, appassionato di Internet. Ed è stato proprio grazie ad Internet, in particolare … Continua a leggere

Foto osé su Facebook: «Si è suicidata

Emma Jones temeva l’arresto. La madre accusa l’ex fidanzato di aver pubblicato le immagini su internet MILANO – Si è uccisa ingerendo del liquido detergente per paura della galera, dopo che il suo ex fidanzato aveva messo su Facebook delle foto di lei nuda. Questa pare essere stata la tragica fine di Emma Jones, un’insegnante inglese di 24 anni che … Continua a leggere

Moda/ H&M distrugge i vestiti invenduti, polemica negli Usa

Tagliati e messi in sacchetti della spazzatura per essere buttati. Così la catena di abbigliamento svedese H&M, con negozi in tutto il mondo, si disfa dei capi d’abbigliamento rimasti invenduti. E scoppia la polemica per questa prassi ritenuta quantomeno singolare. Gli abiti non protebbero essere donati alle persone povere? E’ questo che si chiedono infatti in molti su Facebook. Le denunce … Continua a leggere

Carcere fino a 12 anni a chi su internet istiga alla violenza o ne fa apologia

ROMA – Chi istiga a commettere delitti contro la vita e l’incolumità delle persone o ne fa apologia, sarà punito con la reclusione da tre a dodici anni. Se il fatto è commesso avvalendosi di comunicazione telefonica o telematica (internet e social network), la pena è aumentata. È quanto contenuto nel disegno di legge presentato dal senatore Raffaele Lauro (Pdl). … Continua a leggere