ROMA OK A LECCE -VIDEO. MONTELLA: “STRADA GIUSTA

roma.jpg

LECCE – Questa volta la ‘zona Roma’, che sinora aveva visto svanire più di qualche successo, regala sorrisi e punti nella settimana più difficile per gli uomini di Montella. Avanti con una gran giocata di Vucinic nel primo tempo, raggiunti da un volitivo Lecce nella ripresa, proprio sul finire della gara la Roma trova, grazie ad un rigore gentilmente concesso da un braccio galeotto di Munari e trasformato da Pizarro, una vittoria che proietta gli uomini di Montella con maggiore serenità alla sfida di Champions prima e alla stracittadina contro la Lazio domenica prossima. Adesso il quarto posto non sembra più un miraggio. E proprio Pizarro, accantonato da Ranieri, si prende una clamorosa rivincita realizzando la rete decisiva: segno che, forse, la rinascita della Roma coincide con quella del cileno. Il Lecce deve recitare solo il ‘mea culpà, ma la disattenzione al novantesimo viene pagata a prezzo davvero caro. De Canio piazza il rientrante Vives davanti alla difesa, che registra a sorpresa l’utilizzo sulla corsia destra di Rispoli in luogo di Donati. Centrocampo a quattro e in avanti il solo Jeda, Montella conferma le previsioni della vigilia: recupero-lampo per Pizzaro, Burdisso preferito a Juan e Borriello terminale offensivo dei capitolini. Sarà per l’alta posta in palio, con la Roma alla rincorsa Champions e con la mente alla sfida di martedì con lo Shaktar, e per il Lecce che cerca conferme in chiave-salvezza, ma il primo tempo al ‘Via del Marè è abbastanza deludente, con la Roma troppo lenta e imprecisa (Borriello, Cassetti e Taddei sprecano davvero tanto) ma brava a trovare il gol (32′) con l’ex Mirko Vucinic in uno dei rari momenti di accelerazione: lungo lancio, il montenegrino stoppa al volo liberandosi dell’uomo, punta Rispoli e Gustavo che non intervengono e dal limite calcia rasoterra infilando alla sinistra di Rosati. Un gol d’autore (il 99/o in Italia e 8/o in campionato), che l’attaccante non festeggia. De Canio getta nella mischia Corvia (43′) al posto di un evanescente Grossmuller e nel finale il Lecce, troppo attendista e abbastanza distratto in difesa, prova a rispondere con capitan Giacomazzi di testa, ma un attento Doni devia in angolo. Il duplice fischio di Damato, dopo 5’ di recupero, mette fine ad una prima frazione ‘illuminatà dalla perla di Vucinic. Si ricomincia e il Lecce, con De Canio che avrà fatto sentire la sua voce, sembra colpito da un sano furore agonistico. Prima Olivera (58′), con un sinistro al volo da venti metri, scheggia l’incrocio dei pali, subito dopo Corvia (59′) di testa costringe ad una super-parata Doni. Sempre Corvia (65′) con un gran sinistro al volo fa correre un altro brivido sulla schiena del portiere ospite. A furia di pressare il Lecce (75′) raggiunge il pari. Splendido il cross di Munari, da applausi lo stacco di capitan Giacomazzi. Palla sotto il sette, Doni stavolta non ci arriva e Lecce che meritatamente ottiene l’1-1. I soliti fantasmi sembrano annidarsi all’ombra del Tevere, ma questa volta ci pensa il Lecce a far tornare in partita gli ospiti. Corre il 90’ e Munari con un braccio galeotto in area regala il rigore alla Roma. Penalty ineccepibile e Pizarro, dopo un’animata discussione con Borriello, trasforma per il vantaggio della Roma. Il recupero non sortisce effetti per i salentini. La Roma ringrazia e sbanca Lecce. Shaktar martedì e Lazio domenica ora fanno meno paura.

MONTELLA SORRIDE «Perdere così – prosegue De Canio – lascia l’amaro in bocca, anche perchè non è la prima volta che concediamo queste occasioni nei minuti finali. È necessario stare più attenti». Anche Semeraro, presidente del Lecce, ‘bolla’ la direzione di Damato. «Arbitraggio spocchioso, con due rigori non concessi. Forse per la Roma viene applicato un regolamento diverso». Sulla sponda romanista Vincenzo Montella ritrova il sorriso che la gara contro il Parma gli aveva strozzato in gola e riconosce subito i meriti degli avversari. «Abbiamo affrontato un Lecce organizzatissimo, che dispone di giocatori molto abili. Nel primo tempo abbiamo rischiato pochissimo e siamo passati avanti. Nella ripresa, poi, ci siamo abbassati un po’ troppo, giocando con meno pressione a centrocampo: inevitabile il pareggio. Ma la voglia di vincere era davvero tanta, proprio come voglio io. Abbiamo vinto con merito, grazie alla qualità del nostro gioco». Il gol di Pizarro e la vittoria conseguita regala l’ottimismo ad una formazione che in una settimana si gioca davvero tanto: prima la Champions, poi il derby. Ma Montella spegne subito i facili entusiasmi. «Sette punti in tre gare sono tanti, siamo sulla strada giusta, ma dobbiamo ancora migliorare tutti e tanto. Sappiamo quali sono i nostri obiettivi ed è necessario concentrarci su questi. Andiamo avanti in questo modo, con la consapevolezza di aver imboccato la strada giusta, ma sapendo che possiamo fare ancora meglio». Sulla gara contro lo Shaktar, Montella taglia corto: «Ci giocheremo le nostre possibilita» e non ci arrenderemo in partenza«.

TABELLINO E PAGELLE
Lecce (4-1-4-1): Rosati 6, Rispoli 5 (33′ st Chevanton sv), Gustavo 5.5, Fabiano 6, Brivio 6, Vives 6, Munari 6, Giacomazzi 7, Olivera 6.5, Grossmuller 5.5 (43′ pt Corvia 6.5), Jeda 5.5. (81 Benassi, 2 Donati, 11 Mesbah, 19 Piatti, 91 Bertolacci). All.: De Canio 6
Roma (4-2-3-1): Doni 6.5, Cassetti 6 (29′ pt Juan 5.5), Mexes 6, N. Burdisso 6, Riise 5.5, Pizarro 6.5, De Rossi 5.5, Taddei 5 (24′ st Brighi sv), Perrotta 5.5, Vucinic 7 (35′ st Menez sv), Borriello 5.5. (27 Julio Sergio, 30 Simplicio, 3 Castellini, 47 Caprari). All.: Montella 6
Arbitro: Damato di Barletta 5
Reti: 32′ pt Vucinic, 30′ st Giacomazzi, 45′ st Pizarro (rigore)
Angoli: 5-2 per il Lecce
Recupero: 5′ e 4′
Ammoniti: De Rossi, Perrotta, Brighi per gioco falloso, Rispoli, Munari per comportamento non regolamentare
Spettatori: 10.450
I GOL – 32′ pt: vantaggio della Roma con un gran gol dell’ex Vucinic, che non esulta. Rispoli non lo tiene quando il montenegrino, sfruttando un rinvio della difesa, agisce da solo nella metà campo del Lecce, giunge al limite dell’area, punta il suo avversario e infila Rosati con uno splendido esterno destro; – 30′ st: Giacomazzi firma il pareggio del Lecce. Cross di Munari e perfetto stacco in area del capitano giallorosso: pallone nel ‘settè con Doni che non ci arriva; – 45’ st: fallo di mano in area di Munari. Rigore ineccepibile e Pizarro insacca alla sinistra di Rosati per il vantaggio della Roma.

LA CLASSIFICA Classifica del campionato di calcio di Serie A dopo l’anticipo della 28/a giornata Lecce-Roma. Milan 58 Inter 53 Napoli 52 Lazio 48 Udinese 47 Roma 46 Juventus 41 Palermo 40 Cagliari 38 Genoa 35 Bologna 35 Fiorentina 34  Chievo 31 Sampdoria 31Catania 29 Parma 28 Lecce 28  Cesena 25 Brescia 24 Bari 16 – Bologna penalizzato di 3 punti per inadempienze finanziarie.

BORRIELLO-PIZARRO, RIGORE CONTESO Ancora sprazzi di nervosismo in campo per la Roma, nei minuti finale dell’anticipo col Lecce, con una contesa tra Borriello e Pizarro per chi doveva calciare il rigore. Quando all’89’, sull’1-1, l’arbitro Damato ha fischiato un o a favore della Roma per un fallo di mani di Munari su colpo di testa di Borriello, la palla è stata piazzata sul dischetto da Pizarro, rigorista d’occasione vista l’assenza di Totti, squalificato. Ma mentre il cileno preparava la rincorsa, si è ‘infilato’ Borriello, pronto a tirar lui il penalty del possibile vantaggio. A quel punto è intervenuto De Rossi, capitano, e ha portato via il centravanti lasciando tirare a Pizarro, per il gol del 2-1 poi definitivo.

MONTELLA: “VITTORIA MERITATA” «Ho visto una bella partita, giocata a buon ritmo, il Lecce è stato abile, non era facile fare il gioco. Abbiamo rischiato pochissimo e creato qualche occasione con un Lecce organizzatissimo: nel secondo tempo ci siamo abbassati un pò, facevamo meno pressione a centrocampo. I ragazzi però hanno voluto vincere la partita e ci siamo riusciti anche per merito: perchè la Roma per gioco espresso e qualità dei giocatori ha fatto meglio del Lecce». Vincenzo Montella analizza così il successo dei giallorossi a Lecce. «Il gol della vittoria fatto al novantesimo – spiega l’allenatore della Roma ai microfoni di Sky -, anche se su rigore, spero ci dia forza. Io devo ritrovare la Roma e fare in modo di avere la nostra continuità, facciamo la corsa su noi stessi». Montella spiega anche la ‘contesà tra Borriello e Pizarro per calciare il rigore decisivo. «Pizarro aveva deciso di lasciare il rigore a Marco e poi ha cambiato idea: avevano voglia di tirarlo tutti e due, significa che non si nascondono dalle responsabilità – dice l’allenatore della Roma -. Borriello ha fatto comunque una buona gara, ha lottato, ha fatto salire la squadra: possiamo migliorare tutti e può fare molto meglio anche lui, come tutti. Sappiamo quali sono i nostri obiettivi e concentriamoci su quelli: abbiamo raccolto sette punti, siamo sula strada giusta e possiamo fare molto meglio». Ora la Roam deve affrontare lo Shaktar nel ritorno degli ottavi di Champions e serve un’impresa per rimontare il ko dell’andata: e poi ci sarà il derby. «Pensiamo a una gara alla volta – dice Montella – penso che questa squadra ce la possa fare, andremo per vincere perchè abbiamo le possibilità di farlo e perchè ci crediamo».

DE CANIO: “NEGATI TRE RIGORI” «Damato è un grande arbitro, ma qualcosa ha sbagliato. C’erano almeno tre rigori per il Lecce, e la gara è stata decisa da episodi». È polemico il tecnico del Lecce, De Canio al termine della partita persa 2-1 al 90′ con la Roma: l’allenatore dei salentini analizza il match dicendo che è dipeso «dagli episodi, a volte gira bene, a volte no» e poi si lascia andare a una battuta: «Ora parliamo con i nostri parlamentari e faremo un’interrogazione parlamentare… – dice De Canio ai microfoni di Sky – Gli episodi sono chiari, in un’occasione l’arbitro mette il fischietto in bocca e poi non se la sente di assegnare il rigore».

fonte:leggo           

visita il mio blog

http://calcionapoli.positanonews.it

PROSSIMA PARTITA DEL NAPOLI DOMANI ORE 15,00

 

 

ROMA OK A LECCE -VIDEO. MONTELLA: “STRADA GIUSTAultima modifica: 2011-03-05T07:36:38+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento