Bunga Bunga, le foto di Barbara Guerra, la droga della Polanco. Iris Berardi: “800 euro? Sono pochi”

barbara-guerra--1-1.jpg

Manca poco più di un mese al 6 aprile, giorno dell’inizio del processo immediato per Silvio Berlusconi. E ancora, a distanza di settimane, emergono nuovi dettagli dalle 782 pagine che compongono la richiesta di giudizio. Tre sono le ragazze che sembrano avere una frequentazione assidua delle ville del premier: Barbara Guerra, Marysthell Garcia Polanco e Iris Beradri (che ad Arcore andò anche prima di compiere 18 anni). Presenze immancabili alle serate del Cavaliere.

LA DROGA E LA POLANCO – Ad agitare l’entourage di Berlusconi, pare, è soprattutto Marysthell Garcia Polanco. L’arresto del suo convivente, il 3 agosto scorso, nel suo appartamento di via Olgettina (in cantina sono stati rinvenuti 12 chili di cocaina), ha fatto intendere che anche lei non fosse all’oscuro del giro di droga. Ascoltata a verbale il 5 agosto, l’ex ballerina di Colorado Café sottolinea il rapporto con Nicole Minetti, “è la mia migliore amica”. Quello che però ha insospettito i militari del reparto speciale del Goa (quelli che hanno arrestato il fidanzato sono “le inadeguate e frammentarie giustificazioni addotte dalla Polanco circa il possesso di 4.800 euro in contanti”. La somma, si legge nel verbale “è indicativamente la cifra necessaria all’acquisto di 100 grammi di cocaina sulla piazza milanese”.

Il 14 gennaio scorso, durante la perquisizione delle abitazioni di via Olgettina, la polizia rinviene “sul comò della camera dal letto” di Marystelle, “tracce non quantificabili di marijuana”. “La stessa Polanco dichiarava essere marijuana, del peso lordo di 1,3 grammi, dicendo che la deteneva per uso personale”.

LE FOTO AD ARCORE – Con le perquisizioni del 14 gennaio, sono state analizzate anche le schede dei pc delle ragazze di Arcore. I risultati hanno certificato che Barbara Guerra ha scattato nove fotografie durante una serata del bunga bunga. Gli investigatori raggiungono la certezza “che le immagini sono state ritratte utilizzando un terminale iPhone, data degli scatti 24 ottobre 2010 a partire dalle ore 4.51”. Le celle telefoniche dicono che la Guerra, quella notte, era ad Arocre. Le immagini allegate alla richiesta di immediato inviato dalla procura di Milano al gip Cristina Di Censo, sono due, appartenenti al telefonino della showgirl. Una ritrae una camera da letto, l’altra una libreria con due foto di Silvio Berlusconi giovane.

800 EURO? SONO POCHI – La terza è Iris Berardi. C’è chi chiedeva, secondo le carte, fino a mille euro a incontro, oppure riceveva inviti a Dubai piuttosto che nel Principato di Monaco. Le ospiti della Dimora Olgettina potevano permettersi anche il lusso di scegliere i clienti, rifiutare inviti perché la cifra offerta era poco congrua. Iri Berardi al telefono: “800 euro? No, sono cambiati i tempi tesoro”, risponde la ora 20enne a un’offerta di tale Ciro.

Sempre Iris, in mezzo ai numerosi cellulari del premier, battezzati come Silvio, Silvio B, oppure Papi, elenca anche nomi di battesimo di uomini assolutamente sconosciuti, etichettati sotto la rubrica “cliente”. In alcuni casi la diciannovenne brasiliana specifica anche “buono”. Il 26 aprile, da un numero che lei memorizza con il nome di “Elisa Troia 2”, riceve l’sms: “Ei amore come stai! Ci sei stasera per 500 con me a Monaco? Cena e hotel?”.

E quando le serate del bunga bunga non sono ancora certe, le habituè di Villa San Martino cercano alternative. Sempre Iris, al telefono, si lamenta con Imma De Vivo “per il fatto che ancora non sa se vi sarà la cena quella sera oppure la sera dopo. Infatti questa incertezza non le permette di vedersi con una persona, con la quale si è vista la sera precedente, e fare sesso”. “A volte – confida la diciottenne brasiliana – penso e dico cazzo… mi sembro Papi… qua sempre a voler trombare…”.

 


fonte:affaritaliani.it                        

Bunga Bunga, le foto di Barbara Guerra, la droga della Polanco. Iris Berardi: “800 euro? Sono pochi”ultima modifica: 2011-02-28T12:30:00+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento