Berlusconi incassa la fiducia di Senato e Camera, riferisce a Napolitano, chiude con Fini e apre all’Udc

berlusconi-casini-671.jpg

Voto favorevole al governo da parte del Pdl e della Lega Nord. Per Fabrizio Cicchitto: «il ciclo Berlusconi non è finito». Duro invece il giudizio di Marco Reguzzoni sul comportamento «senza coerenza e senso di responsabilità» di Fli che nel voto si allea «con la sinistra e Di Pietro». Per Reguzzoni «è legittimo criticare anche il governo, ma la Lega si batte per il paese per il federalismo. Da vent’anni diciamo le stesse cose, dietro di noi non abbiamo il palazzo e i poteri forti. Dietro di noi ci sono milioni di voti e di cittadini che ci chiedono di migliorare questo paese. Fare il federalismo fiscale è abbassare le tasse è l’obiettivo numero uno, soprattutto per i lavoratori. È l’obiettivo ambizioso di questo governo».

Senza sorprese anche il disco rosso al governo da parte del Pd. Per Pierluigi Bersani: «Noi dell’opposizione siamo tranquillissimi perchè, comunque vada, per voi sarà una sconfitta». «Questa giornata passerà – ha aggiunto Bersani – ma non possiamo non vedere i bagliori di un tramonto».

Voto contrario al governo pure dal partito di Pier Ferdinando Casini. Che spiega: «Il premier metta fine al delirio di autosufficienza e si rivolga alle forze responsabili del parlamento in nome dell’Italia».

Durissima requisitoria di Antonio Di Pietro contro Berlusconi e il suo governo. Il leader dell’Idv ha spiegato così il voto contrario all’attuale premier: «Lei si è messo a fare politica non certo per servire il paese, ma solo i suoi affari personali, soprattutto quelli giudiziari». Fuori delle aule parlamentari, ha continuato Di Pietro, «ogni giorno vi sono persone di ogni categoria sociale che protestano e non ne possono più di essere presi in giro da lei e dal suo governo».

Voto a favore di Berlusconi da parte dei repubblicani. Il segretario del Pri, Francesco
Nucara ha così spiegato il voto favorevole al premier da parte del suo partito: «I repubblicani hanno a cuore le sorti dell’Italia prima ancora che quelle del governo. Non vorremmo che la battaglia a Berlusconi ci facesse trovare il cadavere dell’Italia».

L’Api ha votato invece la sfiducia al governo alla Camera. Così come pure la deputata dei Liberaldemocratici Daniela Melchiorre e il suo collega Italo Tanoni. Semaforo rosso al premier anche dal deputato dell’Mpa, Carmelo Lomonte, con queste motivazioni: «Il sud non é stato al centro del programma anzi é stato danneggiato: sono cresciuti gli squilibri, distolti i fondi fas, nessuna infrastruttura è stata avviata. Nel governo sono prevalse le spinte egoistiche e il federalismo come si sta attuando rischia di diventare un federalismo del nord contro quello sud». A favore del premier invece Arturo Iannaccone di Noi Sud: «Berlusconi ha fatto bene a non dimettersi e non ha fatto un gesto di arroganza ma di rispetto degli italiani», ha detto il meridionalista spiegando che «la crisi sarebbe solo il tentativo di realizzare un ribaltone contro la volontà della maggioranza degli italiani».

I radicali hanno votato no alla fiducia al governo. Come pure il deputato liberale, Paolo Guzzanti. Mentre Domenico Scilipoti, Bruno Cesario e Massimo Calearo hanno votato contro la sfiducia al governo.

Alle richieste di dimissioni rivolte da esponenti del Pdl al presidente della Camera ha risposto il portavoce di Gianfranco Fini, ribadendo che il presidente della Camera non si dimetterà.

Berlusconi incassa la fiducia di Senato e Camera, riferisce a Napolitano, chiude con Fini e apre all’Udcultima modifica: 2010-12-15T07:35:15+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento