Drogato e senza patente uccide 7 ciclisti-Dramma in Calabria: arrestato marocchino

260x01291550125757ciclisti2.jpg

Due feriti in gravi condizioni. L’incidente alle 12 sulla statale 18 durante un sorpasso. Feriti anche l’autista dell’auto, positivo alla cannabis e senza patente, e il nipote di 8 anni, con lui su una Mercedes. L’uomo è in ospedale in stato di arresto per omicidio colposo plurimo.

 

Un gravissimo incidente mortale è avvenuto questa mattina sulla Ss 18 a Lamezia Terme, nel Catanzarese. Una Mercedes guidata da un marocchino drogato e senza patente, è sbandata travolgendo un gruppo di ciclisti. Sette persone, tutte appartenenti ad un gruppo di ciclisti della domenica, sono morte. Il gravissimo incidente è avvenuto in località Marinella a Sant’Eufemia.

GUARDA LE IMMAGINI CHOC

Alla guida marocchino regolare ma drogato. È un immigrato regolare – Chafik Elketani, 31 anni – il marocchino, che era alla guida dell’automobile che stamattina ha travolto ed ucciso a Lamezia Terme sette ciclisti. Elketani, che è residente a Gizzeria (Catanzaro), dopo essere stato arrestato con l’accusa di omicidio colposo plurimo e dopo avere ricevuto le prime cure nell’ospedale di Lamezia Terme, è stato trasferito nel centro clinico del carcere di Catanzaro. L’extracomunitario, che secondo quanto si apprende era sotto l’effetto di stupefacenti, dopo avere investito i ciclisti, ha perso il controllo della vettura, una Mercedes, ed è finito fuori strada, rimanendo ferito.

Le vittime. Tra le vittime c’è anche il titolare di una palestra del quartiere Sambiase di Lamezia Terme. Si tratta di Fortunato Bernardi, che gestiva la palestra Atlas. Gli altri componenenti del gruppo, tutti di Lamezia Terme, erano ciclisti amatoriali. Tra loro c’era anche un avvocato. Le generalità di tutte le vittime, al momento, non sono state rese note.

C’è anche lo zio di Natalino dell’Inter. Fortunato Bernardi, uno dei sette ciclisti morti, era lo zio del giocatore dell’Inter Felice Natalino, di 18 anni. Natalino, che è di Lamezia Terme ed è un difensore, ha esordito quest’ anno in serie A ed è stato schierato da Benitez anche nell’anticipo di venerdì scorso contro la Lazio. Bernardi, inoltre, era il padre di un altro calciatore, Alessandro, che milita nel Cosenza (Prima divisione Lega Pro).

Le accuse. Il marocchino è stato arrestato con l’accusa di omicidio colposo plurimo aggravato dalla guida in stato di alterazione da sostanze stupefacenti. L’uomo è risultato positivo al test della cannabis. L’arresto è stato eseguito dai vigili urbani insieme ai carabinieri dopo che l’uomo è stato sottoposto alle cure nell’ospedale di Lamezia Terme per le ferite riportate nell’incidente.

Senza patente. Era senza patente dopo che gli era stata ritirata sette mesi fa a causa di un sorpasso azzardato il marocchino. Lo hanno reso noto i vigili urbani di Lamezia Terme, che stanno svolgendo gli accertamenti sull’incidente.

La dinamica. Stava effettuando una manovra di sorpasso il marocchino. La Mercedes, che viaggiava a velocità elevata, durante il sorpasso, ha incrociato frontalmente il gruppo di ciclisti, che viaggiavano in direzione opposta e non ha avuto il tempo di frenare. Le conseguenze dell’impatto, di conseguenza, sono state devastanti.

Feriti. Ci sono anche tre feriti gravi nell’incidente che ha provocato a Lamezia Terme la morte di otto ciclisti travolti da un’automobile. I tre feriti sono stati ricoverati nell’ospedale di Lamezia Terme ed uno, il più grave, a Catanzaro.

Ferito un bimbo. C’è anche un bambino di dieci anni tra i feriti dell’incidente. Il piccolo è il figlio del marocchino che era alla guida dell’auto che ha investito il gruppo. Il bambino è stato portato in ospedale per accertamenti, ma le sue condizioni non sono gravi.

Lutto cittadino. Il Comune di Lamezia Terme proclamerà il lutto cittadino in occasione dei funerali dei ciclisti. Il sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza, si è recato sul luogo dell’incidente ed ha incontrato alcuni dei familiari dei ciclisti morti. «La città è sgomenta – ha detto Speranza – e si stringe intorno alle famiglie delle persone scomparse. Il lutto è di tutti. Da oggi la città è in lutto anche se formalmente il sarà proclamato per il giorno dei funerali».

ilmattino.it

Drogato e senza patente uccide 7 ciclisti-Dramma in Calabria: arrestato marocchinoultima modifica: 2010-12-06T08:43:38+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento