Anziani uccisi e gettati nel lago-il figlio confessa il duplice delitto

0L91VCYR--190x130.jpg

L’omicidio sarebbe avvenuto nel garage di famiglia a Carpi e poi i corpi trasportati in Veneto. I carabinieri hanno identificato le vittime grazie ad uno scontrino

VERONA – Sono due coniugi di Carpi, nel Modenese, i due anziani trovati morti tra domenica e lunedì nel canale di Mezzo a Peschiera del Garda. Ad ucciderli è stato il figlio 46enne, Daniele Bellarosa che ha confessato dopo un lungo interrogatorio. Portato dai carabinieri in caserma a Carpi per essere interrogato, in un primo momento l’omicida avrebbe negato di essere il responsabile dell’omicidio dei genitori. Nessun dubbio fin dall’inizio invece sul luogo del delitto, ossia il garage della famiglia, in via Ragazzi del ’99 a Carpi. Con la competenza territoriale che è passata così sotto la Procura di Modena, in quanto l’omicidio è il reato più grave della serie di crimini commessi, l’ultimo dei quali è l’occultamento di cadavere.

L’uomo trovato morto nel lago si chiamava Enzo Bellarosa, 75 anni, e la moglie (originaria di Novellara, Reggio Emilia) Francesca Di Benedetti, 76 anni. A loro i carabinieri sono risaliti grazie ad uno scontrino per l’acquisto di farmaci in una farmacia di Carpi trovato nelle tasche di uno dei due. La maglietta indossata dalla donna è stato l’elemento che ha condotto i carabinieri di Peschiera del Garda e del nucleo investigativo di Verona fino a Daniele Bellarosa. I militari dell’arma, che paiono certi di aver chiuso il cerchio sul presunto responsabile dei due omicidi, hanno scoperto che l’indumento era fatto da una ditta di Carpi (Modena) e hanno chiesto all’azienda l’elenco di tutti i dipendenti. Da questo sono risaliti anche ai familiari e poi, attraverso un controllo in Comune, hanno scoperto che le foto in due carte d’identità corrispondevano alla fisionomia delle due vittime. È stato quindi identificato il figlio. I carabinieri hanno anche accertato che i rapporti di questi con i genitori erano piuttosto tesi. Non è chiaro il movente all’origine dei delitti. (Ansa)

 

Anziani uccisi e gettati nel lago-il figlio confessa il duplice delittoultima modifica: 2010-09-21T18:52:23+02:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento