Capaccio, schianto mortale dopo la festa-incastrata tra le lamiere, muore 32enne

med_20100920_emanuela_polito_incidente_capaccio.jpg

CAPACCIO (20 settembre) – Amava il suo lavoro e sognava di raggiungere un ruolo di prestigio. Per questo, nonostante il forte legame con la sua famiglia e l’amore per la sua città natale, aveva deciso, ancora giovanissima, di andare a lavorare fuori, lontano chilometri. Eppure un destino beffardo ha voluto che proprio qui, a pochi chilometri da casa, dove forse il papà Vincenzo e la mamma Carmela pensavano che fosse più al sicuro perché più vicina a loro, è rimasta vittima di un terribile incidente che ha messo fine ai suoi sogni, alle sue ambizioni e alla sua vita.
Emanuela Polito, 32 anni, di Capaccio, è morta sabato sera, mentre un’ambulanza a sirene spiegate la conduceva all’ospedale di Battipaglia. Un tentativo disperato di salvarle la vita perché i soccorritori, quando l’hanno prelevata dall’auto e le hanno prestato le prime cure, hanno capito subito che era gravissima.

Emanuela aveva trascorso una delle sue ultime serate di vacanza con le amiche di sempre, quelle con le quali, nonostante vivesse ormai da una decina d’anni a Firenze, non aveva mai perso i contatti.
Sabato sera erano andate a cena al ristorante La Fabbrica di Sapori, in località Spineta. La comitiva era composta da una decina di persone. Poco dopo l’una hanno lasciato il locale. Emanuela era seduta sul sedile posteriore di una Toyota Yaris blu, al lato opposto a quello del guidatore. In macchine erano in quattro.
A quanto sembra erano nei pressi di un incrocio poco illuminato e dovevano svoltare verso Battipaglia quando dalla parte della litoranea è arrivata una Seat Leon con a bordo una coppia di fidanzati di Battipaglia che ha centrato in pieno la Yaris proprio sul lato in cui sedeva Emanuela.
L’auto dopo l’urto è finita in una cunetta. Attoniti e impotenti hanno assistito all’incidente gli altri amici che viaggiavano nell’auto che seguiva la Yaris. Sono stati loro a precipitarsi per primi a soccorrere le quattro ragazze e a chiamare i soccorsi. Sul posto in breve tempo sono arrivati ambulanze, vigili del fuoco e i carabinieri della compagnia di Battipaglia guidati dal capitano Giuseppe Costa a cui toccherà stabilire l’esatta dinamica dell’incidente ed eventuali responsabilità. Le condizioni di Emanuela sono apparse subito disperate. Nonostante la corsa in ospedale, il suo cuore ha cessato di battere durante il tragitto. Le altre ragazze nell’auto sono state tutte portate in ospedale, hanno riportato fratture varie, ma nessuna è in pericolo di vita. Illesi i due giovani a bordo della Seat.

Capaccio, schianto mortale dopo la festa-incastrata tra le lamiere, muore 32enneultima modifica: 2010-09-20T17:06:55+02:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento