Bernanke fa autocritica e prevede:Qualche grande gruppo si spezzerà

Il presidente della Fed ammette le manchevolezze dei controllori. “Se la riforma della finanza sarà ben applicata ridolverà il problema delle banche troppo grandi per fallire”

Una severa attuazione della nuova legge finanziaria Usa sarà cruciale per evitare che l’eventuale collasso di una banca o di una impresa di grosse dimensioni possa mettere a repentaglio l’intera economia. Lo ha detto il presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke, nel corso dell’audizione davanti alla Commissione parlamentare d’inchiesta sulla crisi finanziaria.

“Se la crisi ha dato una lezione, è quella che il problemma “too big to fail” deve essere risolto” ha detto Bernanke. Ma aggiunto di credere che, anche senza bisogno che il governo intervenga, è probabile che qualche grande istituzione finanziaria si dividerà e che comunque la complessità di questi gruppi si ridurrà. Le istituzioni di controllo dovranno in ogni caso intervenire e chiuderli qualora minaccino la stabilità del sistema.

Il numero uno della Fed e il presidente della Federal Deposit Insurance Corp, Sheila Bair, hanno sostenuto che una forte attuazione delle nuove norme finanziarie sono essenziali per prevenire il ripetersi delle recenti difficoltà economiche.

“Se l’implementazione non è debitamente effettuata, le riforme potrebbero essere inefficaci nel prevenire future crisi o contenere perturbazioni dei mercati finanziari nel caso si verifichino”, ha detto Beir. Bisogna ricordare che la riforma ha bisogno che vengano definiti un gran numero di complessi regolamenti per essere attuata.

Bernanke ha anche fatto autocritica: “La Federal reserve fu lenta nell’individuare e gestire gli abusi nella concessione dei prestiti subprime, specialmente quelli che la Fed regola direttamente”, ha ammesso. “Avremmo dovuto fare di più nel tentare di identificare i rischi per il sisetma finanziario”.repubblica.it

Bernanke fa autocritica e prevede:Qualche grande gruppo si spezzeràultima modifica: 2010-09-03T10:26:09+02:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento