Qualificazioni Euro 2012 – Cassano-Pazzini-Pepe l’attacco anti-Estonia

Il CT ha provato con insistenza questo tridente nell’ultima seduta: contro l’Estonia a guidare l’attacco azzurro dovrebbe essere il centravanti della Sampdoria con sugli esterni Cassano, che ha smaltito il problema alla schiena, e il neo-juventino Pepe

- 0

Seduta di lavoro, della durata complessiva di circa un’ora e venti, a ranghi completi, questo pomeriggio a Coverciano per la Nazionale italiana guidata da Cesare Prandelli, impegnata nella preparazione del primo dei due impegni di qualificazione per i prossimi europei del 2012, quello di venerdì prossimo a Tallin contro l’Estonia.

Nell’allenamento a porte chiuse il CT azzurro ha schierato quella che molto probabilmente sarà la formazione titolare fra poco più di quarantotto ore, provando sia nelle esercitazioni tattiche che nella partitella un 4-3-3 con Sirigu in porta, difesa da destra a sinistra con Cassani, Chiellini, Bonucci e Molinaro, Pirlo nel ruolo di regista, con Montolivo e De Rossi ai suoi fianchi, alternati nella posizione di interni sinistro e destro. In attacco al fianco di Pazzini, sulla sinistra Cassano e sulla destra Pepe.

La seduta era iniziata con una parte atletica fatta di torelli e giri di campo, con lavoro supplementare, sul campo principale del centro tecnico federale alle porte di Firenze per Lazzari e Cigarini, con il preparatore atletico Venturati. Nella parte finale della seduta esercitazioni offensive per Pazzini, Cassano, Gilardino e Quagliarella, con cross che provenivano dalla loro destra eseguiti da De Silvestri e Bonucci.

Sessione supplementare di punizioni contro una barriera mobile per Pirlo, De Rossi, Palombo, Cigarini, Pepe, Giuseppe Rossi e Bovo. Domani unica seduta mattutina, a partire dalle ore 10, con partenza della squadra, nel pomeriggio da Pisa, alla volta di Tallin.

Italpress

Qualificazioni Euro 2012 – Cassano-Pazzini-Pepe l’attacco anti-Estoniaultima modifica: 2010-09-02T10:03:30+02:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento