inizia oggi il Il Ramadan. Il Ramadan nell’era multiculturale

fotohome4rana.jpg

L’inizio del mese di Ramadan – di digiuno per l’intera comunità musulmana – rappresenta l’occasione per riflettere sull’odierno modificarsi del paesaggio religioso in Europa, sulla società multiculturale e sul significato della ritualità nelle società contemporanee.
Le preghiere durante il Ramadan talvolta richiedono, a motivo del grande numero di fedeli che vi partecipano, grandi spazi che spesso le istituzioni locali o le associazioni non sono in grado di mettere a disposizione; la festa del sacrificio di Abramo, alla fine del Ramadan, che prevede il sacrificio di un agnello, è spesso biasimata dagli animalisti.

Inoltre, negli ultimi anni attraversati dai gravi conflitti in Afghanistan e in Iraq, la crescita di atti terroristici nel mese considerato sacro suscita stupore e spinge l’opinione pubblica occidentale a porsi interrogativi sull’Islam intero.

l mese di Ramadan non è un mese come gli altri: non solo perché commemora e fa rivivere ciò che si potrebbe chiamare «un tempo all’interno di un tempo», o perché il carattere comunitario della Umma è vissuto fisicamente dai fedeli sull’intero pianeta, ma anche ed essenzialmente perché il mese di Ramadan ricorda al fedele che la rivelazione del Corano avvenne proprio in quel mese. Nella Sura del Destino si narra che nel 27° di Ramadan fu rivelato l’intero Corano; di quella notte intensa, che tutti i fedeli memorizzano attraverso speciali preghiere, recita il Corano: «La notte del Destino è più bella di mille mesi».

Le prescrizioni del Ramadan sono relativamente semplici: ci si astiene da mangiare, bere e fumare dall’alba al tramonto. Quando, secondo la tradizione, «non si distingue più un filo nero da un filo bianco», il digiuno (ftur) può essere rotto; la comunità inizia quindi a pregare e poi a festeggiare mangiando.

Il calcolo dell’inizio del Ramadan è complicato e ogni anno dà luogo a polemiche; nel rifarsi al calendario lunare, il giorno corrisponde a quello in cui si percepisce a occhio nudo a mezzaluna, ma poiché essa non sempre appare chiaramente vi possono essere divergenze su quale sia effettivamente il giorno d’inizio.

Nella sua relativa semplicità rituale, il mese di Ramadan contiene gli elementi essenziali dell’esperienza religiosa nell’Islam, e riflette indirettamente i problemi e la crisi dell’Islam contemporaneo, come è stato chiaramente illustrato dall’antropologo Abdellah Hammoudi nel suo saggio Una stagione alla Mecca. Durante quel mese il fedele, cosciente di aver fatto penitenza, si rivolge a Dio recitando: «Signore, la mia vita e la mia morte dipendono dalla tua volontà! Accetta la sofferenza che io ho vissuto durante questa giornata, come testimonianza della mia sottomissione e dalla mia riconoscenza verso di Te».

In questa preghiera è riassunta la visione di Dio e l’esperienza spirituale nell’Islam: sottomissione e abbandono della volontà del fedele a quella del suo Creatore. Si tratta di un teocentrismo quasi assoluto, di cui solo la mistica musulmana attenua parzialmente la portata. In realtà nell’Islam la relazione fra uomo e Dio passa necessariamente attraverso una separazione fra la trascendenza divina e la contingenza umana, costruendo un rapporto fortemente asimmetrico fra uomo e Dio. Le conseguenze sono importanti; ad esempio nell’Islam è quasi assente l’idea di peccato. La festa di sacrificio dell’agnello dopo il mese di Ramadan non è legata a una remissione dei peccati, ma rappresenta semplicemente la commemorazione del sacrificio di sostituzione del figlio Ismaele da parte di Abramo.

L’assenza della nozione di remissione dei peccati in relazione al sacrificio può portare a conseguenze estreme se l’autentico significato viene volutamente stravolto: nelle recenti guerre, è avvenuto che gruppi terroristici durante il mese sacro di Ramadan continuassero a trucidare i nemici. Una tale deriva è legata al fanatismo ideologico-religioso e tradisce ovviamente l’autentica spiritualità dell’islam.

sole 24ore

inizia oggi il Il Ramadan. Il Ramadan nell’era multiculturaleultima modifica: 2010-08-11T12:06:24+02:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento