Serie A – Basterà Baggio per tornare a volare?

Il rientro in Azzurro del Divin Codino scatena l’entusiasmo della gente, ma servirà anche a livello più concreto? Il nostro calcio è in difficoltà, inutile negarlo, l’aggrapparsi al grande ex è sembra tanto un ultimo, disperato tentativo per rimettersi a correre

- 0

La figuraccia Mondiale cui l’Italia campione si è esposta in Sudafrica ha lasciato il segno. Nel cuore e nell’anima. In tutti, appassionati e addetti ai lavori. Marcello Lippi, l’uomo di Berlino, non c’è più, al suo posto Cesare Prandelli, uno che non ha (ancora) vinto nulla, ma che ha sempre fatto molto bene dovunque abbia allenato.

Le rivoluzioni in casa Italia non finiscono però qui, perchè dopo il disastro in Sudafrica bisognava gioco forza fare qualcosa. Giancarlo Abete, presidente della Figc al quale molti volevano levare la poltrona, si è guardato bene dal dimettersi, preferendo – invece – provare a ricostruire.

Roberto Baggio, Gianni Rivera e Arrigo Sacchi: questo il tridente dal quale ripartire. I tre “tornano” in Azzurro con compiti manageriali, per sfruttare sì il loro passato, ma soprattutto per mettere al servizio dei più giovani la loro esperienza pluriennale. Il Divin Codino sarà il nuovo Presidente del Settore Tecnico di Coverciano, l’ex Golden Boy (oggi 67enne e che da tempo si è dato alla politica) diventerà invece il presidente del Settore Giovanile e Scolastico, mentre l’ex CT avrà il compito di coordinare le Nazionali giovanili, Under 21 compresa.

Leggendo qua e là, ci siamo accorti che sul prossimo compito di Baggio vi sia davvero poca chiarezza. Il Pallone d’Oro 1993 sarà presidente del Settore Tecnico di Coverciano: perfetto, fantastico, ci voleva proprio l’ingresso di un personaggio carismatico come Roby all’interno della Federazione. Però, cosa significa in concreto: cosa farà Baggio? E’ quello che si chiedono in molti…

“Il Settore Tecnico – si legge sul sito ufficiale della Federcalcio – è un organo di servizio della Figc che svolge funzioni di istruzione, formazione, abilitazione, informazione, inquadramento e aggiornamento dei tecnici autorizzati a prestare attività nell’ambito dell’organizzazione federale. Inoltre organizza corsi a carattere didattico-divulgativo per giovani calciatori, effettua studi e ricerche attraverso un’appositiva struttura e coordina l’attività medica nell’ambito della Figc”.

Baggio, che avrà compiti operativi, vuole dare il suo contributo: saranno oltre 35mila i tecnici che dovranno interfacciarsi con lui poichè facenti parte del “Settore Tecnico”. Ovvio, nei primi tempi il Divin Codino sarà affiancato da uno staff di esperienza scelto da Abete, quindi potrà iniziare a lavorare in maniera autonoma. “Mi piace entrare in sintonia con le persone – dice Baggio -. Pensavo che a Coverciano si lavorasse sull’aspetto fisico e tattico, invece prevale il piano tecnico. Giusto così”.

La speranza è quella che possa realmente cambiare qualcosa, perchè l’Italia non merita di fare figuracce tipo quelle che ha rimediato in Sudafrica, anche e soprattutto perchè il potenziale – da noi – c’è. Va solo fatto crescere e maturare. “Spesso in Italia non si asseconda il talento. Una volta un allenatore mi urlò contro perchè avevo colpito il pallone di tacco. Da noi il talento c’è, bisogna farlo volare…”. Lo ha detto Roby Baggio, uno che di stare senza calcio proprio non ne poteva più…

Andrea Tabacco / Eurosport      inserito da miki de lucia

Serie A – Basterà Baggio per tornare a volare?ultima modifica: 2010-08-04T10:40:47+02:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento