Vietti è il nuovo vicepresidente del Csm


Michele Vietti

Fumata bianca per l’elezione del vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura: è stato eletto Michele Vietti con 24 voti e due schede bianche. Era da giorni in pole position per la successione di Nicola Mancino, nonostante l’attivismo delle correnti più a sinistra delle toghe per lanciare la candidatura di Glauco Giostra, uno dei consiglieri laici eletti in quota Pd. E il Csm, ha detto Vietti, dovrà «recuperare prestigio e consenso» dopo i recenti scandali che hanno coinvolto la magistratura. «Siamo consapevoli che è necessario recuperare il prestigio e il consenso dell’organo scosso da recenti scandali – ha detto Vietti – quindi servirà particolare attenzione alle regole deontologiche, non solo per i magistrati ma anche per i membri del Csm, cercando di recuperare uno stile di rigore e serietà».

«Con la sua elezione lei, onorevole Vietti, è divenuto presidente di tutti», ha detto il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano salutando il neo vicepresidente del Csm «Ciascun componente del consiglio potrà sentirsi da lei rappresentato ascoltato e garantito nell’esercizio delle sue funzioni. Alla sua competenza e saggezza è demandato il compito di armonizzare le diverse, libere voci e di stabilire col capo dello Stato un valido raccordo istituzionale». Il Capo dello Stato ha raccomandato a Vietti «grande cura nella formazione specie dei giovani magistrati. Essi devono essere consapevoli, in ogni momento, dei difficili compiti loro assegnati, mettendosi in grado di svolgerli con autorevolezza, riservatezza ed umilità». Napolitano ha chiesto anche effettivi controlli di professionalità.

La prima riunione plenaria del rinnovato Csm, convocata e presieduta dal Capo dello Stato, questa mattina a Palazzo dei Marescialli, prevede, oltre all’elezione del vicepresidente, la verifica dei requisiti di eleggibilità dei componenti eletti dai magistrati e dal Parlamento. Sabato 31 luglio, al Quirinale si è svolta la cerimonia di commiato e di presentazione dei nuovi componenti del Consiglio Superiore della Magistratura uscente, con gli interventi del vicepresidente, Nicola Mancino e del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

vietti-csm2-672.jpg

Il primo plenum del rinnovato Csm ha riunito gli otto laici eletti giovedì scorso dal Parlamento in seduta comune (quelli indicati dal Pdl Annibale Marini, Filiberto Palumbo, Niccolò Zanon, Bartolomeo Romano, quello indicato dalla Lega Matteo Brigandì, dall’Udc Michele Vietti e dal Pd Guido Calvi e Glauco Giostra), i 16 consiglieri scelti dalle toghe all’inizio di luglio (due rappresentanti della Cassazione, 4 dei pm e 10 di giudici d merito), più i tre membri di diritto: oltre al presidente della Repubblica anche il presidente della Cassazione e il Pg.

Non ci sono sorprese negli equilibri tra le correnti: i centristi di Unicost mantengono la maggioranza, confermando i loro 6 consiglieri; situazione immutata anche per i moderati di Magistratura indipendente e per una delle correnti di sinistra, Movimento per la giustizia, che a Palazzo dei Marescialli continueranno a essere rappresentate da 3 consiglieri ciascuna; e sempre 3 sono i togati dell’altra corrente di sinistra, Magistratura democratica, l’unica però ad aver perso un seggio rispetto agli attuali quattro. Seggio assegnato al giudice veneziano Paolo Corder, outsider sceso in campo senza l’appoggio di una corrente, anche se in passato ha fatto parte del vertice dell’Anm come rappresentante di Unicost.

sole24ore

Vietti è il nuovo vicepresidente del Csmultima modifica: 2010-08-02T16:06:00+02:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento