Benevento, colpo al clan Pagnozzi

20100728_gennaro_pagnozzi.jpg

Ancora un duro colpo è stato inferto al clan Pagnozzi, il sodalizio criminale che opera in Valle Caudina, al confine tra le province di Avellino, Benevento e Caserta. Due affiliati di primo piano, Giovanni Guida e Giovanni Di Matola, sono stati arrestati dai carabinieri di San Martino Valle Caudina (Avellino) su ordinanze emesse dai giudici di sorveglianza del tribunale di Avellino e del tribunale di Salerno. Guida, considerato il braccio destro dell’anziano capo clan, Gennaro Pagnozzi, detto ò Giaguaro, con precedenti per associazione a delinquere di stampo mafioso, si trovava in libertà vigilata ma di fatto continuava a svolgere funzioni di raccordo con gli altri affiliati al clan oltre che partecipare personalmente alle estorsioni nei confronti di commercianti e imprenditori di Montesarchio e Benevento.

Guida, dopo essere stato trasferito in carcere, è stato trasferito nella casa-lavoro di Favignana dove dovrà restare per i prossimi due anni. Per Giovanni Di Matola i magistrati di Salerno hanno revocato gli arresti domiciliari ai quali si trovava per spaccio di stupefacenti e ripristinato la cutodia cautelare in carcere.

Benevento, colpo al clan Pagnozziultima modifica: 2010-07-29T08:42:28+02:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento