Napoli, undicesimo giorno a Folgaria

Il Napoli a Folgaria, undicesima giornata di ritiro

Decimo giorno di lavoro, ieri, per il Napoli a Folgaria.
Gli azzurri proseguono il lavoro con intensità.
Al mattino la rosa si è divisa in due gruppi di lavoro che si sono alternati tra allenamento in palestra e seduta tecnico tattica

Nel pomeriggio lavoro tecnico tattico, partitella a campo ridotto e chiusura con allunghi.

Queste le prossime amichevoli azzurre:

24 luglio a Trento: Napoli-Mezzocorona (ore 18.00)

25 luglio a Rovereto: Napoli-Cittadella (ore 17.00)

 

I calciatori che hanno preso parte al Mondiale in Sudafrica si aggregheranno secondo il seguente programma:

De Sanctis, Maggio, Quagliarella  oggi, 21 luglio

Hamsik  domani, 22 luglio

Gargano il 2 agosto

 

PrimaFila SKY propone le amichevoli del NApoli a 10 €…….. Napoli-Wolfsburg e Napoli-Bologna gia sono disponibili nell’aria primafila di SKY!!!

Il Napoli a Folgaria, nona giornata di ritiro

Riposo oggi per il Napoli. Dopo l’amichevole di ieri con la Rappresentativa Altipiani, gli azzurri hanno avuto il primo giorno di sosta dopo la prima settimana di preparazione nel ritiro di Folgaria. Domani il lavoro riprenderà con una doppia seduta.

Ottava  giornata di allenamenti per il Napoli nel ritiro di Folgaria. Prosegue con grande intensità il lavoro per gli azzurri.
Al mattino riscaldamento, lavoro tecnico tattico e partitella a campo ridotto. Nel pomeriggio amichevole con la  Rappresentativa degli Altipiani alle ore 17.00.

 

Napoli-Rappresentativa Altipiani 13-0

 

La squadra di Mazzarri batte 13-0 l’Us Altipiani: in evidenza Ciano (tripletta) e Bogliacino (doppietta). Buona prova di Dossena. Il Pocho in campo con un numero diverso

FOLGARIA, 18 luglio – Il Napoli debutta con un tredici. Nella prima uscita stagionale gli azzurri hanno battuto 13-0 la Us Altipiani, squadra trentina di Seconda Categoria

TREMILA TIFOSI – Davanti a tremila tifosi, è stato tutto sommato positivo l’esordio della squadra di Mazzarri che è andata in rete sei volte nel primo tempo (doppietta di Bogliacino, gol di Cannavaro, Denis, Cigarini e Dossena) e sette volte nella ripresa (tripletta di Ciano, gol di Vitale, Liccardo, Insigne e Varriale).

BENE BOGLIACINO E DOSSENA – In evidenza Bogliacino, autore dei due gol iniziali su due pregevoli intuizioni di Cigarini (che poi è andato a segno con un gran tiro da fuori), bene anche Dossena sulla corsia sinistra. Curioso il duello del primo tempo fra Denis e Iezzo, in porta con la squadra avversaria: il portiere ha negato almeno 3-4 gol all’attaccante argentino in procinto di accasarsi all’Udinese.

LAVEZZI IN CAMPO CON IL NUMERO 11 – Lavezzi, che non è andato a segno, è sceso in campo con la maglia numero 11, l’anno scorso sulle spalle di Maggio: è forse un segnale che la “sua” numero 7 sarà destinata al nuovo acquisto Cavani.

MAZZARRI – A fine partita, ai microfoni di Sky Sport 24, Mazzarri si dice soddisfatto della prestazione: «Il risultato di queste partite conta poco, oggi si è chiusa la prima settimana di lavoro e sono molto contento di come si è lavorato. Cavani? E’ un giovane talento, in linea con quello che vuole la società brava a mettere a segno questo grande colpo in un mercato difficile come questo. Sarà possibile vedere un tridente più Hamsik? Devo verificare sul campo le caratteristiche da squadre prima di fare delle scelte. Hamsik può fare tanti ruoli, in Nazionale ha fatto il mediano dove però rende meno a livello personale perché gli viene tolta la possibilità di inserirsi. Di mercato non parlo e sugli obiettivi non mi piace fare proclami. La sorpresa di De Laurentiis per domani? Sinceramente non lo so, sarà una sorpresa anche per me».

Napoli-Us Altipiani 13-0
Napoli (primo tempo): Gianello, Santacroce, Cannavaro, Aronica, Zuniga, Blasi, Cigarini, Dossena, Bogliacino, Denis, Lavezzi.
Napoli (secondo tempo): Sepe, Grava (35′ Izzo), Rinaudo, Santacroce (13′ Monda), Zuniga (13′ Diana), Pazienza, Cigarini (13′ Liccardo), Vitale, Maiello, Ciano (35′ Varriale), Lavezzi (13′ Insigne).
Rappresentativa Us Altipiani: Iezzo, Fumanelli, Corradi, Carpentari, Groblechner, Gionco, Nicolussi, Hueber, Bertoldi, Marzadro, Cuel.
Arbitro: Stevovic di Rovereto
Marcatori: 7′ pt Bogliacino, 20′ pt Bogliacino, 26′ pt Cannavaro, 30′ pt Denis, 41′ pt Cigarini, 42′ pt Dossena, 6′ st Ciano, 17′ st Ciano, 20′ st Ciano, 23′ st Vitale, 35′ st Liccardo, 36′ Insigne, 42′ Varriale

Questa la cronaca dei gol

Primo tempo –

7′: cross di Dossena e tiro vincente in area di Bogliacino, 1-0.

20′: assist di Cigarini per il taglio di Bogliacino che fa il bis, 2-0

26′: devizione di destro di Cannavaro su cross da calcio d’angolo, 3-0

30′: Aronica dalla destra crossa sul primo palo, tocco di Denis che segna il 4-0

41′: tiro di Cigarini da fuori area, 5-0

42′: cross di Zuniga e testa di Dossena, 6-0.  Finisce il primo tempo

– Secondo tempo

6′: botta di Ciano dall’interno dell’area, 7-0

 17′: ancora Ciano. Doppietta del baby azzurro, 8-0

20′:  tris di Ciano su bella imbeccata di Insigne, gol tutto Primavera: 9-0

23′: ancora assist di Insigne, stavolta per Vitale che fa tap in, 10-0

35′: Liccardo tira direttamente in porta, gran botta: 11-0

36′: Vitale crossa per Insigne, deviazionbe vincente: 12-0

42′: Insigne inventa e Varriale chiude la giornata tutta napoletana, 13-0.

Il Napoli a Folgaria, ieri la quinta giornata di lavoro

Quinta giornata di allenamenti, ieri, per il Napoli nel ritiro di Folgaria.
Prosegue con grande intensità il lavoro per gli azzurri.
Al mattino riscaldamento, seduta atletica e lavoro tecnico tattico

Nel pomeriggio lavoro atletico in avvio.
Corsa specifica con “percorso di Fartlek”.
La squadra ha effettuato un percorso ricavato nella pineta tra  i campi da golf.
Sentiero di 1260 metri da percorrere con variazione di velocità: la prima volta in 10 minuti, la seconda in 12 minuti e la terza in 14 minuti.
Poi rientro in campo e partitella a campo ridotto

Il Napoli a Folgaria,ieri la quarta giornata di lavoro

Quarta giornata di allenamenti, ieri, per il Napoli nel ritiro di Folgaria.
Prosegue con grande intensità il lavoro per gli azzurri.
Al mattino riscaldamento, percorso atletico con esercizi di “circuit training” e chiusura con allenamento tecnico tattico sul campo

Nel pomeriggio partitelle a pressione con porte piccole, lavoro tecnico tattico, partita a campo ridotto e chiusura con corsa di 40 minuti intorno al perimetro del campo

 

 Jesus Datolo all’Espanyol. Il centrocampista azzurro è stato ceduto al club spagnolo con la formula del prestito con diritto di riscatto

Terza giornata di allenamenti, ieri, per il Napoli nel ritiro di Folgaria.
Prosegue con grande intensità il lavoro per gli azzurri.
Al mattino riscaldamento in palestra e lavoro tecnico tattico sul campo

Nel pomeriggio seduta molto variegata con esercitazioni tecnico tattiche, partitella finale e poi corsa nei boschi per l’intero gruppo.
La squadra ha effettuato un percorso ricavato nella pineta tra  i campi da golf. Sentiero di 1260 metri da percorrere con variazione di velocità: la prima volta in 10 minuti, la seconda in 12 minuti e la terza in 14 minuti.

Questa la lista dei convocati per il ritiro:

Portieri: Gianello, Iezzo, Sepe

Difensori: Aronica, Campagnaro,  Cannavaro, Grava, Rinaudo, Santacroce, Vitale, Monda, Izzo

Centrocampisti: Blasi, Bogliacino, Cigarini, Dossena, Pazienza,  Zuniga, Liccardo, Maiello, Diana

Attaccanti: Denis, Lavezzi, Ciano, Insigne, Varriale

I calciatori che hanno preso parte al Mondiale in Sudafrica si aggregheranno secondo il seguente programma:

De Sanctis, Maggio, Quagliarella il 21 luglio

Hamsik il 22 luglio

 

Gargano il 2 agosto

Seconda giornata di lavoro ieri per il Napoli nel ritiro di Folgaria.
Al mattino la squadra ha svolto allenamento atletico in avvio con un “circuit training”, successivamente seduta tecnico tattica e chiusura con una partitella a campo ridotto

Nel pomeriggio riscaldamento con il pallone, lavoro tecnico tattico e partitella a campo intero, terminata 1-0 con gol di Ciano. Chiusura con corsa e allunghi intorno al perimetro di gioco.

Oggi doppia seduta.

Secondo giorno del napoli a Folgaria oggi doppio allenamento

A Folgaria lo staff, squadra e i tifosi azzurri troveranno un ambiente montano accogliente, un’esplosione di colori e natura tutta da scoprire e vivere, e soprattutto facile da raggiungere.

Folgaria con le vicine comunità di Lavarone e Luserna forma un vasto Altopiano disteso al sole nel basso Trentino orientale.  E’ una montagna rigenerante con ampi panorami, ad un altitudine fra i 1000 e i 2000 metri. E’ una vacanza completa di relax, sport e divertimento, di storia e cultura oppure di piacere del gusto per la gastronomia.

Folgaria, centro turistico attivo, è una comunità tra le più antiche del Trentino. Di origine tedesco-cimbra, nel corso della sua storia plurisecolare ha lottato duramente contro il potere feudale in difesa dei suoi privilegi di comunità libera e indipendente: per questo si fregia ancora oggi del titolo onorifico di Magnifica Comunità. Su un territorio di 73 kmq di verdi coste prative, terrazzi naturali e ampie distese di conifere – i tre abeti dello stemma comunale rappresentano appunto la foresta, l’antica ed attuale ricchezza collettiva della Comunità – Folgaria offre infinite opportunità a carattere naturalistico, sportivo, storico e culturale.

L’ “arte” dell’accoglienza sull’Altopiano – meta storica e prestigiosa di vacanza sia estiva che invernale – ha radici profonde. Oltre 90 strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere, quasi tutte a conduzione familiare, offrono un’ospitalità attenta e curata secondo la migliore tradizione trentina. A queste si aggiungono centinaia di appartamenti destinati all’affitto turistico.

I campi sportivi ospitano ogni anno i ritiri delle grandi squadre del calcio nazionale. Terreno ideale per gli amanti della mountain bike, l’Altopiano offre innumerevoli spazi e qualificate strutture dedicate allo sport . Invidiabile la cornice del campo golf a 9 buche mentre la sede privilegiata per la pratica del basket è sicuramente la grande palestra coperta del Palasport, a Folgaria, che accoglie competizioni agonistiche di alto livello e i ritiri di precampionato di squadre di serie A1.

L’Altopiano ospita anche formazioni giovanili e appositi camp estivi, sia di calcio che di basket, che abbinando la vacanza con la pratica dello sport, regalano ai giovani sportivi tanto relax e divertimento. Anche il Palaghiaccio di Folgaria, d’inverno eccellente struttura per gli sport su ghiaccio, nella bella stagione rappresenta, per dimensioni e versatilità, un importante supporto logistico. Il Palasport ospita due piscine, olimpionica e di apprendimento ed un centro fitness, mentre a Lavarone si nuota nell’omonimo lago. Non mancano campi da tennis, centri di equitazione, palestre di roccia naturali, il tiro con l’arco, né per i più audaci la pedana di lancio per il volo libero.

 

DOPO IL RITORNO DAL SUD AFRICA

QUAGLIARELLA CON LA SUA FIDANZATA ALICE SI RILASSA A CAPRI-ECCO ALCUNI SCATTI

SE VUOI VEDERE LE FOTO IN ESCLUSIVA DI RE FABIO COLLEGATI A FACEBOOK

http://www.facebook.com/?ref=home

arrivo del napoli a folgaria

Il Napoli è arrivato a Folgaria. Come da programma la comitiva ha raggiunto il ritiro in Trentino alle ore 12.30. Gli azzurri hanno preso possesso delle camere e poi hanno pranzato. Nel pomeriggio primo allenamento.

 

Questa la lista dei convocati per il ritiro:

Portieri: Gianello, Iezzo, Sepe

Difensori: Aronica, Campagnaro,  Cannavaro, Grava, Rinaudo, Santacroce, Vitale, Monda, Izzo

Centrocampisti: Blasi, Bogliacino, Cigarini, Dossena, Pazienza,  Zuniga, Liccardo, Maiello, Diana

Attaccanti: Denis, Lavezzi, Ciano, Insigne, Varriale

 

I calciatori che hanno preso parte al Mondiale in Sudafrica si aggregheranno secondo il seguente programma:

De Sanctis, Maggio, Quagliarella il 21 luglio

Hamsik il 22 luglio

Gargano il 2 agosto

 

                

FOLGARIA (20 luglio) – German Denis blocca il mercato del Napoli. E lo blocca da separato in casa: lui, già ceduto all’Udinese a titolo definitivo, e dunque fuori dai programmi azzurri in maniera conclamata, non ha ancora abbracciato la squadra cui è stato destinato per problematiche personali.

Non ha ancora trovato l’ accordo per l’ingaggio, attualmente superiore ai 600mila euro, e non ha la minima intenzione di mollare neanche un centimetro sulla richiesta. Il braccio di ferro è in atto con il club bianconero, ma nel frattempo anche l’arrivo di Cristiano Lucarelli, l’uomo indicato da Mazzarri per completare il parco attaccanti, è bloccato. Un giro complesso che potrebbe trovare una soluzione nelle prossime ore: il manager del Tanque, Leo Rodriguez, è partito e domani arriverà in Italia proprio per incontrare l’Udinese. Anche il Napoli è in attesa.

German ha perso la serenità necessaria per preparare una stagione: lavora con la consueta serietà e professionalità, ma la lunga serie di errori, anche banali, nel corso dell’amichevole di domenica ha confermato in maniera chiara quale sia lo stato psicologico di Denis. Che a Napoli è destinato a trovare sempre meno spazio, soprattutto dopo l’arrivo di Cavani, e che nel frattempo dibatte vivacemente con l’Udinese per trovare l’accordo sull’ingaggio.

E il Napoli? È alla finestra come Lucarelli, in questo gioco di scambi con il Parma che non ha ancora trovato definizione: il club emiliano è interessato a diversi azzurri per stessa ammissione del presidente Ghirardi, soprattutto Cigarini e Pazienza, ma sarebbe addirittura disposto a rilevare anche qualche esubero, tipo Amodio e Dalla Bona (da girare poi altrove), in modo da collaborare fattivamente con il Napoli. Che punta innanzitutto a sfoltire la rosa. A proposito di Cigarini: la trattativa con il Siviglia è nel pieno: anche in questo caso, il ds Bigon attende a breve una risposta definitiva, considerando che il calciatore e il club andaluso hanno già raggiunto l’accordo.

Una situazione simile nella sostanza a quella di Denis, sebbene in questo caso siano le società a non essere attestate su posizioni convergenti. E così dopo Denis, Lucarelli e Cigarini, è sorto un ostacolo anche per Franco Zuculini. La situazione è semplice: il suo manager, Dario Decoud, l’agente Fifa, Filippo Fusco, e il calciatore sono in Germania per concludere il passaggio in azzurro del mediano argentino. Una missione preparata con cura nei minimi dettagli, con tanto di offerta del Napoli in busta chiusa: un’offerta corrispondente alle richieste dell’Hoffenheim.

Il problema è che il club tedesco ha cambiato il direttore sportivo e il nuovo dirigente ha ritenuto non adeguata la proposta economica relativa al prestito (il riscatto è fissato a 6 milioni e 200mila euro): vuole un milione in più, ovvero il triplo rispetto al precedente accordo già definito di 500mila euro. Si tratta ancora. Anche perché ieri Zuculini ha ribadito al suo club di volere soltanto il Napoli

     MICHELE DE LUCIA

 

 

 

 

Con l’Udinese resta in piedi la trattativa per lo svizzero. Si complica il discorso con l’Hoffenheim per l’argentino: il club tedesco ha cambiato ds e anche gli accordi precedentemente presi. Ma il giocatore punta i piedi: «O il Napoli o niente

FOLGARIA, 20 luglio – Complicazioni per Zuculini: all’Hoffenheim cambia direttore sportivo e cambiano anche gli accordi precedentemente presi. Ora il club tedesco pretende un milione di euro per il prestito, oltre al riscatto fissato a cinque milioni e cinquecentomila euro. Spiazzato l’agente del calciatore, Decoud, nonché l’agente Fifa, Filippo Fusco, che funge da intermediario. Ma ieri l’ex centrocampista del Racing Avelleneda, atterrato in Germania, ha aperto il caso: «O Napoli o da nessuna altra parte». Prevista per oggi, la nuova puntata che riguarda il ventenne argentino su cui sono pronti a scommettere Mazzarri e Bigon.

DENIS-INLER – Per domani, invece, è atteso l’incontro tra il procuratore del Tanque e i dirigenti dell’Udinese. L’accordo è sancito: quattro milioni e mezzo di euro per l’acquisto definitivo. Resta da raggiungere quello con il calciatore, che ovviamente chiede un adeguamento e un allungamento del contratto. Se ne parlerà. I rapporti tra Napoli e Udine­se sono quantomai idilliaci e tutto verrà fatto per concludere positivamente e alla svelta l’accordo per Denis. Gli stessi rapporti lasciano presupporre che appena nasceranno le condizioni necessarie, si riparlerà di Gokhan Inler. Il Napoli non ha mai mollato la pista che porta al nazionale svizzero. Ai quattro milioni e mezzo che deve incamerare per Denis, è disposto ad aggiungerne altri pur di accaparrarsi il centrocampista elvetico.corrieredellosport.it

 

Tornano le stelle azzurre. Il 3 agosto si riaprono le porte di Fuorigrotta per la prima uscita ufficiale del Napoli contro i tedeschi del Wolfsburg. Una serata di gala dedicata al popolo azzurro in un San Paolo “new look” che inaugura il nuovo manto erboso. Il primo test europeo per il Napoli 2010/2011, un’anteprima internazionale che prelude alle gare di Europa League di agosto. Sarà anche l’occasione per presentare ufficialmente, in una cornice di festa, la nuova maglia sempre targata Macron.

Un’amichevole di lusso contro un avversario di assoluto prestigio, il Wolfsburg campione di Germania nel 2008/2009 e che ha fornito ben nove elementi della rosa alle rispettive Nazionali al Mondiale in Sudafrica. Il Wolfsburg gioca le gare casalinghe nella Volkswagen-Arena di Wolfsburg uno stadio da 30.000 posti, ed è sponsorizzato dall’azienda automobilistica Volkswagen, che ha sede proprio a Wolfsburg.

L’evento sarà ripreso dalle telecamere di Sky e trasmesso in diretta. Napoli riabbraccia i suoi campioni, in una notte che illuminerà le stelle del San Paolo.

I biglietti saranno in vendita dal 21 luglio ore 14.00 presso i consueti punti vendita: il Botteghino dello Stadio San Paolo, le rivendite Plus e le ricevitorie abilitate.

 

         

SSC Napoli – Vlf Wolfsburg

3 agosto 2010 

settore 

prezzi 

Interi

Ridotti

TRIBUNA D’ONORE

120

100

TRIBUNA POSILLIPO

40

32

TRIBUNA NISIDA

22

16

DISTINTI

22

16

CURVE

15

10

OSPITI

15

 

prezzi comprensivi di prevendita

Il Napoli non molla Inler-Problemi per Zuculini-Mercato, il Napoli rallenta-Denis non accetta Udine

 

Napoli, undicesimo giorno a Folgariaultima modifica: 2010-07-21T08:17:38+02:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento