Napoli: non solo Acquafresca, Boghossian la nuova tentazione -Quagliarella resta: “E´ lui il bomber mondiale

Napoli, oggi la partenza per Folgaria

Oggi il Napoli parte per il ritiro di Folgaria.
Al gruppo saranno aggregati otto ragazzi della Primavera: i difensori Francesco Monda (classe 91) e Armando Izzo (’92), i centrocampisti Crescenzo Liccardo (’91), Raffaele Maiello (’91) e Alessio Diana (’91), gli attaccanti Lorenzo Insigne (’91), Camillo Ciano (’91) e Umberto Varriale (’91).

Ieri la terza giornata di lavoro al Centro Tecnico di Castelvolturno.
Al mattino gli azzurri hanno sostenuto una serie di test Leger: isocinetici, da campo e a pressione.
Nel pomeriggio lavoro tecnico tattico e partitella finale.

 

Questa la lista dei convocati per il ritiro:

Portieri: Gianello, Iezzo, Sepe

Difensori: Aronica, Campagnaro,  Cannavaro, Grava, Rinaudo, Santacroce, Vitale, Monda, Izzo

Centrocampisti: Blasi, Bogliacino, Cigarini, Dossena, Pazienza,  Zuniga, Liccardo, Maiello, Diana

Attaccanti: Denis, Lavezzi, Ciano, Insigne, Varriale

I calciatori che hanno preso parte al Mondiale in Sudafrica si aggregheranno secondo il seguente programma:

De Sanctis, Maggio, Quagliarella il 21 luglio

Hamsik il 22 luglio

Gargano il 2 agosto

 

I tentennamenti di Robert Acquafresca non stanno piacendo al Napoli che si sta guardando intorno. Mazzarri vuole solo giocatore motivati e dagli ambienti intorno al calciatore si può capire che l’affare con il Napoli è praticamente in mare aperto ed una soluzione non sembra poter essere possibile a stretto giro. Ecco perchè Bigon, che ha abbandonato o quasi la pista Fred, potrebbe rivolgersi ancora una volta al mercato sudamericano per trovare giovani con grandi mezzi tecnici. Uno di questi è Joaquin Boghossian attaccante del Newell’s Old Boys. Secondo ‘Repubblica’ il Napoli potrebbe tra qualche giorno parlare con la società argentina che è proprietaria del cartellino del calciatore classe ’87 che piace anche alla Lazio (che ha già abbandonato la pista) e al Bologna. Il costo del cartellino del calciatore si aggira intorno ai 6 mln di euro, una spesa non troppo eccessiva che potrebbe portare al Napoli un talento del futuro come fu per Lavezzi qualche anno addietro. Boghossian ha un fisico molto possente è alto 194 cm e con la maglia del Newell’s Old Boys ha messo a segno 18 reti. 

Quagliarella resta: “E’ lui il bomber mondiale

 

Dopo qualche incomprensione arrivano da parte della società azzurra parole di conforto per Fabio Quagliarella che in questi giorni è tornato al centro di vicende di mercato. “E’ lui il nostro bomber mondiale. Io non cedo i miei gioielli – ha ammesso De Laurentiis – a meno che non arrivi un pazzo che mi offra tanti soldi”. Da questa dichiarazione si possono capire due cose: la prima è che Quagliarella è uno dei pezzi pregiati della rosa del Napoli al pari di Hamsik, Lavezzi e Gargano, l’altra è che difficilmente l’offerta del Rubin Kazan, che non raggiunge nemmeno i 25 mln di euro, possa ingolosire il presidente De Laurentiis. Si, perchè Quagliarella fu acquistato un anno fa dall’Udinese per circa 18 mln di euro ed una plusvalenza di al massimo 7 mln non cambierebbe la vita alla società partenopea che dovrebbe fare comunque i conti con la necessità di sostituire un uomo importante come Quagliarella. Inoltre la cessione dell’attaccante stabiese se non rimpiazzata con un grandissimo colpo produrrebbe degli effetti di sfiducia anche sulla piazza azzurra che è affezionato al suo bomber ed al momento non ha mostrato ancora entusiasmo verso la squadra, visto che la campagna acquisti stenta a decollare. 

 

C’è tempo – Il mercato comunque è ancora lungo e tutte le squadre stanno pensando prima a sfoltire la rosa e poi ad acquistare. Le grandi squadre si muovono con oculatezza ed il Napoli lo sta facendo. Quella dell’attesa potrebbe essere semplicemente una strategia perché l’irruenza porta ad avvantaggiare chi deve vendere e quindi fa lievitare il prezzo. Il presidente De Laurentiis questo lo ha capito ed allora lavora sotto traccia e riparte da Fabio Quagliarella che nello scorso campionato con tre giornate di squalifica e senza rigori all’attivo ha comunque messo a segno 11 gol. Inoltre il bomber stabiese durante lo scellerato Mondiale dell’Italia ha confermato di essere un giocatore di assoluto valore su cui puntare anche in futuro.

 

 

Napoli: non solo Acquafresca, Boghossian la nuova tentazione -Quagliarella resta: “E´ lui il bomber mondialeultima modifica: 2010-07-11T19:16:03+02:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento