L’Olanda vincente al Mondiale sarebbe una giustizia per tutto il calcio

roben.jpg

Siamo arrivati alle semifinali e il quadro rispetto a pochi giorni fa sembra essere completamente rivoluzionato: fino all’altro ieri eravano qui a piangere il livello europeo delle squadre e ora delle quattro sudamericane che occupavano i quarti di finale ne è rimasta una sola, l’Uruguay, sicuramente la squadra meno preventivata rispetto a Brasile o Argentina. 

Le ultime tre europee di questo mondiale si confermano a un livello davvero eccellente: sono reduci da un grande girone di qualificazione nel corso del quale hanno migliorato il loro livello di gioco, superando le difficoltà e sfruttando al massimo le proprie capacità di organizzazione collettiva arrivando infine a confermare la qualità dei loro risultati.

Se consideriamo Germania, Olanda e Spagna non possiamo certo pensare che il loro momento di grazia si esauruirà qui, con questo Mondiale. Sono squadre che possono giocare a livello eccellente almeno per altri due, tre anni. Da questo mondiale escono tutt’e tre notevolmente rinforzate e con una nuova generazione di giocatori in grado di garantire una nuova generazione di gioco. La consapevolezza che si acquisisce dopo un’impresa del genere è un valore immenso.

In questo senso forse la Spagna dà più garanzie perché se è vero che con giocatori giovani il futuro è il tuo, è altrettanto vero che quando arrivi a una competizione di questo tipo, hai la necessità di appoggiarti su una base. E la Spagna è già forte della vittoria di un Europeo.

La presenza dell’Uruguay è certamente affascinante perchè anche è se una squadra che convince mai completamente sotto l’aspetto del gioco e della qualità, sa conquistarti con la sua determinazione e la sua energia. Hanno quella grinta tipicamente sudamericana che nei match più tesi o in un ambiente più caldo li sa esaltare, consentendo loro di trovare gli spunti vincenti. Grazie a questa tensione l’Uruguay sa trascendere le sue stesse qualità, i giocaori superano il proprio limite e sanno esaltarsi. Non c’è nulla che li spaventi, tempi supplementari, rigori, giocare in inferiorità numerica… Riescono a mantenere il sangue freddo e gli occhi sulla palla. Ma se pensiamo a una finale questa non credo sia la qualità più importante… L’Olanda è un paese che ammiro perché offre splendido calcio e strutture eccellenti in un paese di poco più di 15 milioni di abitanti. Sotto questo aspetto l’Olanda fa un lavoro eccellente da molti anni e se vincesse il Mondiale sarebbe una forma di giustizia, una rivincita per chi al calcio ha dato moltissimo ottenendo molto meno di quanto ha saputo dare sia sotto l’aspetto della qualità del gioco che dei giocatori. Se l’Olanda sarà in finale saranno i dettagli a decidere il resto: Spagna o Germania poco importa.

La Germania ha più solidità mentale, e abitudine a lottare per i grandi traguard; la Spagna ha maggiore qualità, e un gruppo portante più collaudato. Ma di questo ci occuperemo tra qualche ora quando i verdetti delle semifinali saranno finalmente depositati.

 

L’Olanda vincente al Mondiale sarebbe una giustizia per tutto il calcioultima modifica: 2010-07-06T12:41:20+02:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento