Regionali/ Dal Veneto alle Marche, Lega boom

abossi.jpg

Qualcosa di clamoroso accadrà tra un mese. Qualcosa che potrebbe sconvolgere il quadro politico nazionale e, soprattutto, gli equilibri all’interno della maggioranza di governo. Maurizio Pessato, amministratore delegato dell’Swg, rivela ad Affaritaliani.it che la Lega Nord è cresciuta nelle intenzioni di voto di ben due punti rispetto al record delle elezioni europee del giugno scorso (10,2%). Una rilevazione che si farà sentire con effetti forse devastanti alle Regionali del 28-29 marzo. Anche perché si tratta di un travaso tutto interno al Centrodestra: infatti il Popolo della Libertà avrebbe perso un punto in otto mesi (era al 35,3%)

Qualcosa di clamoroso accadrà tra un mese. Qualcosa che potrebbe sconvolgere il quadro politico nazionale e, soprattutto, gli equilibri all’interno della maggioranza di governo. Maurizio Pessato, amministratore delegato dell’Swg, rivela ad Affaritaliani.it che la Lega Nord è cresciuta nelle intenzioni di voto di ben due punti rispetto al record delle elezioni europee del giugno scorso (10,2%). Una rilevazione che si farà sentire con effetti forse devastanti alle Regionali del 28-29 marzo. Anche perché si tratta di un travaso tutto interno al Centrodestra: infatti il Popolo della Libertà avrebbe perso un punto in otto mesi (era al 35,3%).

Analizzando i dati regionali, è clamoroso il caso del Veneto, dove il Carroccio “è abbondantemente sopra il 30% e il Pdl nettamente sotto”. Insomma, un divario netto. Anche grazie alla candidatura a Governatore del ministro dell’Agricoltura Luca Zaia. Ma la Lega “sale dappertutto”, spiega Pessato. “Si rafforza nei luoghi dove tradizionalmente è forte“, quindi tutta la fascia pedemontana della Lombardia, “e allarga il suo consenso nelle altre Regioni”. Ad esempio in Emilia Romagna potrebbe crescere dell’1-2% rispetto alle Europee, così come in Toscana, Umbria e Marche. Il Popolo della Libertà, nelle Regioni settentrionali, paga il fatto che deve “badare” anche alle esigenze del Sud e di Roma. Quindi molti elettori scelgono il Carroccio, anche perché rimangono comunque nella stessa coalizione e quindi non si tratta di un “tradimento“.

La Lega – spiega il sondaggista più famoso d’Italia – sta intercettando una parte dell’elettorato del Pdl. Quella parte di elettorato meno politicizzato e fidelizzato. Ovvero chi chiede una linea politica più netta, più lineare, meno compromessa e nella quale ci si possa rispecchiare più tranquillamente. E anche chi vuole una politica meno legata a zone non del tutto chiare“. Qualche elettore di Centrodestra “può pensare che la Lega, in questo momento, sia l’ideale, al di là dell’appartenenza storica (Alleanza Nazionale o Forza Italia)”.

REGIONALI, BERLUSCONI SCRIVE AI MILITANTI PDL: SCENDETE IN CAMPO – Andate “oltre la semplice iscrizione” e diventate “Promotori della liberta’”. E’ l’invito rivolto da Silvio Berlusconi, con una lettera inviata a tutti i militanti e i sostenitori del Popolo della Liberta’. “Da oggi – scrive Berlusconi – anche tu puoi dare, in prima persona un contributo concreto e decisivo per il successo del nostro movimento, il Popolo della Liberta’. Se condividi i nostri valori e i nostri programmi, se pensi che le nostre idee e le nostre realizzazioni vadano difese con entusiasmo e con passione, ora hai l’occasione giusta: diventa Promotore della Liberta’ e contribuisci alla creazione di un esercito di volontari per sostenere le nostre battaglie”.

Il presidente ricorda “la scelta di campo” che attende gli elettori il 28 e il 29 marzo prossimi, quando saranno aperte le urne per le regionali, “una scelta decisiva” – avverte – per il futuro di 13 Regioni e dell’Italia. “Sara’ ancora una volta – afferma – una scelta tra il Governo del fare e la sinistra delle chiacchiere, tra un Governo che fa le riforme e risolve le emergenze e la sinistra che sa solo dire dei no, tra un Governo che cerca di alimentare la fiducia e infondere ottimismo e una sinistra che sa spargere solo pessimismo ed autolesionismo, tra un Governo che valorizza le risorse positive dell’Italia e un’opposizione che non si fa scrupolo di propagandare anche all’estero un’immagine negativa dell’Italia, tra un Governo che viene rispettato nel mondo e un’opposizione anti-italiana e anti-nazionale”.

A tutti i militanti Berlusconi rivolge un appello e una proposta. L’appello e’ “scendete in campo e, se siete gia’ iscritti al Popolo della Liberta’, impegnatevi per andare oltre la semplice iscrizione”. La proposta e’ quella di creare insieme “un’organizzazione dei paladini della liberta’, una grande forza che fara’ del Popolo della Liberta’ il partito della gente tra la gente, un esercito dell’amore contro l’esercito dell’invidia sociale, della calunnia e dell’odio. Ho chiesto a Michela Vittoria Brambilla – prosegue il presidente – di coordinare questa nuova attivita’ e di coinvolgere e mobilitare il maggior numero di donne e di uomini che amano l’Italia e che vogliono promuovere e difendere la liberta’”.

Nella lettera Berlusconi invita a visitare il sito www.promotoridellaliberta.itper aderire subito alla proposta” ed esortare “amiche ed amici” a fare la stessa scelta. “Ti abbraccio forte – conclude il presidente – ti aspetto e ti auguro di riuscire a realizzare tutti i progetti e i sogni che porti nella mente e nel cuore”.


affaritaliani

Regionali/ Dal Veneto alle Marche, Lega boomultima modifica: 2010-02-26T11:49:15+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento