http://ilblogdimikidelucia.myblog.it E’ morta, ma alza il braccio in camera mortuaria

baraecologicap1.jpg

Una donna colombiana di 45, dichiarata morta dopo un infarto, ha mosso il braccio destro mentre stava per esser imbalsamata. L’impiegato dell’agenzia funebre ha immediatamente interrotto la procedura riportando Noelia Sernia, malata di sclerosi multipla, in ospedale.

Per dieci ore è rimasta collegata al respiratore artificiale. Poi, dopo un secondo infarto, i medici l’hanno dichiarata morta. Tre ore dopo, stavano per iniettarle nella gamba il liquido che si utilizza per conservare i corpi prima del funerale. Ma si sono accorti di non avere di fronte un cadavere. “Muoveva il braccio destro, ho fermato la procedura e l’abbiamo riportata di corsa all’ospedale”, hanno detto gli impiegati dell’agenzia funebre. Secondo i medici le sue possibilità di sopravvivere comunque “non sono alte”.

In rare occasioni, ha spiegato il neurochirurgo Juan Mendoza Vega, può succedere che il battito cardiaco e il respiro scendano a livelli impercettibili ma non si è trattato di un ritorno alla vita: la donna non era mai morta.


affaritaliani.it

http://ilblogdimikidelucia.myblog.it E’ morta, ma alza il braccio in camera mortuariaultima modifica: 2010-02-20T07:42:53+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento