http://ilblogdimikidelucia.myblog.it Si castra per non tradire la moglie”. Le commoventi storie d’amore

robot sesso 1

Il “sentimento estremo” costituisce una ricca vena per Essential News e qui in redazione siamo particolarmente attaccati alla Festa degli Innamorati, la versione neo-pagana di San Valentino. Abbiamo pertanto saccheggiato gli archivi, assemblando per voi una “sporca dozzina” delle dodici più commoventi storie d’amore degli ultimi tempi. Come dire… totalmente Essential!

SI CASTRA PER NON TRADIRE LA MOGLIE – L’inglese ITN dà notizia del contadino colombiano Luis Alfonso Sanchez, di 40 anni, che ha ritenuto “logico” castrarsi di modo che non potesse essere tentato di tradire la moglie. La donna aveva deciso di non fare più sesso con lui. Così, spiega l’uomo: “Quando ho visto che non potevo più fare conto su di lei, ho preso la decisione di tagliare via i testicoli perché sono un cristiano e non volevo cercare un’altra compagna”. Sanchez vanta una considerevole esperienza nella castrazione degli animali: “Ho castrato maiali, cani, gatti e dopo tre giorni sono guariti. Pensavo sarebbe stato così con me”. Sono invece subentrate delle complicazioni mediche ed è attualmente in cura presso l’ospedale di Santander, dove i sanitari hanno comunque constatato “una completa assenza di testicoli”.

 

LASCIA MARITO PER COCCODRILLO Il Telegraph, sempre prezioso, dà notizia dell’australiana Vicki Lowing che, d’avanti all’ultimatum del marito “O il coccodrillo o me”, ha preferito tenersi il primo. Lei spiega la scelta, che ha portato poco dopo al divorzio, così: “I mariti possono badare a se stessi, ma il mio coccodrillo non riesce a prepararsi i pasti da solo”. La donna, un’infermiera di 52 anni, dichiara che il rettile – lungo un metro e mezzo e dal nome di Johnie – “è come un figlio per me”. Infatti, divide il letto con l’altro suo figlio, il 13enne Andrew, un essere umano. A un certo punto si è scoperto che la bestia, malgrado il nome maschile, era nei fatti una femmina. La Sig.ra Lowing si descrive come “segretamente estasiata” dalla notizia: “Avevo sempre voluto una figlia”.

 

ACCOLTELLA PESCE DELLA FIDANZATA- Il San Francisco Chronicle dà notizia del Sig. Donald Earl Fite III, di 27 anni, condannato per avere accoltellato a morte il pesce della fidanzata. L’incidente ha chiuso uno sfortunato tentativo da parte dell’uomo di ricucire il rapporto con la donna, che l’aveva lasciato. Ne era nata una lite furibonda e lei era fuggita, tornando poi con un agente per recuperare il suo amato “DeLorean”, un pesce della razza Betta splendens di uno splendido colore porpora. Ha però trovato la povera creatura inchiodata al parquet con un coltello. Interrogato, Fite ha ammesso subito la colpa, dicendo: “Se lei non può avere me, allora non potrà avere il pesce”. L’avvocato difensore ha descritto l’incidente come “un punto molto basso” nella vita del suo assistito, a cui è stata comminata una pena di due anni con la libertà condizionata.

 

RAPINA BANCA PER SEPARARSI- L’agenzia Associated Press riferisce da Lancaster, Pennsylvania, di un uomo che ha rapinato una banca per potersi disfare della moglie. Il Sig. Anthony Miller, di 39 anni, si è fatto consegnare dei soldi dal cassiere con la minaccia di una pistola ad aria compressa, ma poi ha chiesto agli impiegati dell’istituto di chiamare la polizia – intervenendo più volte per chiedere come mai gli agenti ci mettessero tanto per arrivare. Miller ha poi raccontato di avere tentato di lasciare la sua insopportabile signora, ma che lei minacciava il suicidio. Così ha deciso di farsi incarcerare per trovare un po’ di pace. Ora è stato condannato a una pena variabile dai tre ai sei anni. Mentre era in attesa del processo la coppia ha divorziato.

 

LE VIETANO DI RIFARSI VERGINE- Il giornale croato Croatian Times dà notizia della Sig.ra Natalia Kazapova, una russa di 30 anni residente a Mosca, alla quale è stata vietata di rifarsi la verginità per la sesta volta. La donna ha l’abitudine di rinnovare annualmente la sua condizione da nubile attraverso l’imenoplastica, una procedura che prevede la ricucitura dell’imene per ricostruire la condizione fisica della purezza femminile – questo con lo scopo di offrire una sorta di regalo d’anniversario a suo marito Grigory. L’anno scorso però l’intervento l’ha lasciata con una grave infezione che ha quasi causato la sua morte e questa volta i suoi medici hanno detto basta

 

INVESTE EX CON LA SEDIA A ROTELLE- WCBS, un’emittente radio di Chicago, dà notizia dell’arresto e incriminazione di un uomo 85enne per avere volutamente investito la sua ex moglie di 78 anni con la sedia a rotelle elettrica. I rapporti tra i due, che vivono su due piani diversi dello stesso condominio, erano già tesi e la signora aveva da tempo ottenuto un ordine restrittivo per obbligarlo a non avvicinarsi. Quando lui però l’ha incontrata in un corridoio del palazzo è tornata l’antica rabbia e ha ingranato la quarta.

 

MEDICO RIVUOLE RENE TRAPIANTATO- La rete televisiva americana CBS dà notizia di un medico di New York, il Dr. Richard Batista, che, separandosi dalla moglie, ha chiesto di riavere indietro il rene che le aveva donato nel 2001. L’intervento le ha salvato la vita e lui era tra i pochi donatori compatibili. Il professionista comunque, al posto dell’organo, è anche disposto ad accettare $1.5 milioni di dollari. Secondo la fonte, è improbabile che la pretesa – emersa nel corso del processo per il divorzio – possa essere soddisfatta in quanto la legge americana contro il traffico di organi vieta di considerarli una “merce” dal valore pecuniario

IMBURRA MOGLIE PER LE BELVE- Il New York Post dà notizia dell’incriminazione del Sig. William Walsh, di 29 anni, che dopo avere strangolato la moglie avrebbe spalmato il cadavere con del burro di arachidi per renderlo più appetibile alle belve prima di abbandonarlo in un bosco. Secondo la fonte della polizia citata dal giornale, lo stratagemma adottato dall’uomo per disfarsi dei resti è risultato “solo parzialmente efficace”. Walsh, che alla scomparsa della donna aveva lanciato strazianti appelli a presunti sequestratori chiedendo il suo rilascio, ha finito per confessare l’assassinio

 

menage a trois

MENAGE A TROIS CON TRENO- La BBC dà notizia dalla provincia di Mpumalanga, Sud Africa, di un romantico amplesso sui binari finito estremamente male per una giovane coppia troppo distratta per accorgersi dell’arrivo di un treno. Secondo un portavoce, Mr. Abie Khoabane, i due, molto presi, hanno ignorato le urla d’avvertimento del conducente del treno merci mentre entrava alla stazione di Kinross, nel nordest del Paese. Presi in pieno dal convoglio, l’uomo è morto all’istante e la donna poco dopo in ospedale. Le loro identità sono ancora sconosciute e la polizia ha fatto un appello alle famiglie cui mancano giovani parenti a farsi avanti.

 

PERDE VERGINITA’ AL TELEFONO- L’emittente del Dubai, Al Arabiya, dà notizia della denuncia promossa da una famiglia tunisina perché la figlia avrebbe perso ha verginità al telefono. Secondo quanto riferito, per la legge islamica la questione si configurerebbe come una forma di stupro. L’accusato, un uomo di 30 anni, nega di avere mai toccato la ragazza, 20enne, ma concede che durante una telefonata dai contenuti fortemente erotici, l’avrebbe sentita gridare e poi dire che le era apparsa una traccia di sangue. Secondo l’avvocato della “vittima”, una perizia forense confermerebbe il fatto che dopo la conversazione la sua assistita non era più illibata

 

AMA CUORE MORTO DUE VOLTE- La testata americana Island Packet, un giornale della Carolina del Sud, dà notizia di un cuore morto due volte e della donna che l’ha amato. Quando il Sig. Terry Cottle si è ucciso dodici anni fa, il suo cuore è stato trapiantato nel corpo del Sig. Sonny Graham. Graham, volendo ringraziare la famiglia Cottle, la cui generosità gli aveva salvato la vita, dopo qualche tempo ha preso contatto con la vedova, Cheryl. Si sono piaciuti e in seguito sposati. Ora, anche Graham si è ucciso, con un colpo di lupara al collo. Aveva 69 anni. Il cuore, questa volta, non è stato espiantato.

 

METTE PENE DI MARITO SOTTO ACETO- The Sun, sempre impagabile, riferisce dalla Germania dell’arresto per “mutilazione di cadavere” della Sig.ra Uta Schneider, di 65 anni. La donna è accusata di avere utilizzato un coltellaccio da macellaio per staccare dal corpo del marito, appena morto in un ospedale di Stoccarda, il membro maschile con lo scopo di tenerlo come “ricordo”. La romantica signora è stata sorpresa da un’infermiera che ha avvertito la polizia. Si è spiegata agli agenti dichiarando: “Era la sua parte migliore… Volevo metterlo sotto aceto per l’eternità; così avrebbe voluto anche lui”.

 

 

 affaritaliani.it

http://ilblogdimikidelucia.myblog.it Si castra per non tradire la moglie”. Le commoventi storie d’amoreultima modifica: 2010-02-13T17:11:00+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento