Puglia, Berlusconi chiede passo indietro-ai candidati del Pdl e dell’Udc

CAS--140x180.jpg

Casini: convergere sulla Poli Bortone. Fitto: noi già in campagna per Palese. Il premier vede Cesa

MILANO – «Rocco Palese e Adriana Poli Bortone facciano un passo indietro». È questo l’appello che Silvio Berlusconi e i coordinatori del Pdl fanno al candidato attuale del Popolo della libertà in Puglia e alla leader di Io Sud sostenuta dall’Udc. «Ci penserò». È quanto ha detto l’ex senatrice di An, Adriana Poli Bortone, contattata telefonicamente da Tele Norba. «Naturalmente il presidente Berlusconi sappia di avere la mia piena e totale disponibilità in ogni momento e per qualsiasi soluzione qualora ciò dovesse servire a rendere quanto più ampia possibile la coalizione di centrodestra e a portarla alle elezioni regionali con un unico candidato condiviso da tutti. Perchè amo la Puglia e i pugliesi» ha dichiarato invece Rocco Palese.

 

IL NODO – Il nodo da sciogliere è ancora quello delle candidature in vista delle regionali in Puglia. Da una parte Pier Ferdinando Casini tende la mano al centrodestra pugliese e lo invita a convergere su Adriana Poli Bortone come candidata unica contro Nichi Vendola, spiegando che «è l’unico modo» per fronteggiare alle regionali il governatore uscente. Dall’altra parte il premier Silvio Berlusconi, che ha riaperto i giochi facendo presente la sua insoddisfazione circa la candidatura di Rocco Palese, non lascia inascoltati gli appelli del leader centrista ma anzi prova a trovare una soluzione. «In questo modo vince Vendola. Volete che vinca Vendola?» ha detto il presidente del Consiglio incontrando brevemente alla Camera il segretario dell’Udc Lorenzo Cesa. La possibilità che il Pdl possa sostenere Adriana Poli Bertone, nonostante il Cavaliere apprezzi il leader del movimento «Io Sud» è inesistente e lo dimostra il fatto che successivamente lo stesso Berlusconi abbia invitato i candidati di Udc e Pdl a fare un passo indietro.

ROSA DI QUATTRO NOMI – Così va avanti il confronto tra Pdl e Udc per trovare un terzo nome che vada bene ad entrambi. A questo proposito ci sarebbe una rosa di quattro nomi. In particolare i «papabili» sarebbero: il magistrato Stefano D’Ambruoso, Francesco Divella, il direttore della «Gazzetta del Mezzogiorno» Giuseppe De Tomaso e Nicola De Bartolomeo, presidente regionale di Confindustria. In serata sarebbe stata trovata un’intesa sul nome di Divella. Successivaqmente si è profilato subito un ostacolo che al momento appare insormontabile: l’interessato, pur assicurando il sostegno alla causa, avrebbe declinato l’offerta. Per cercare di convincere Divella sarebbe sceso in campo direttamente il premier. Di fronte alle resistenze di Divella l’ipotesi al momento più accreditata è quella di De Bartolomeo. Qualche chances anche per De Tomaso. Pressing dunque su Divella e pressing anche dell’Udc su Adriana Poli Bortone che non ha ancora deciso se fare un passo indietro nonostante l’appello del presidente del Consiglio.

LIGURIA – «Con Berlusconi abbiamo parlato anche della Liguria», aveva reso noto in precedenza Cesa dopo l’incontro con il premier. «C’era anche Sandro Biasiotti, candidato del Pdl in Liguria, e con loro abbiamo parlato delle intese nella regione anche se l’orientamento dei vertici locali dell’Udc è di stringere un accordo con il candidato del Pd Claudio Burlando», ha dichiarato il segretario dell’Udc. Ai cronisti che chiedevano di un eventuale appoggio del Pdl alla candidata dell’Udc in Puglia, Cesa ha risposto: «Mi sembra che abbia un forte gradimento».

CALABRIA – Accordo fatto invece tra l’Udc e il Pdl in Calabria: i centristi appoggeranno il candidato di centrodestra Giuseppe Scopelliti. Lo ha ribadito Cesa sempre al termine dell’incontro con Silvio Berlusconi. «Tra domani e dopodomani si terrà la conferenza stampa ufficiale», ha spiegato Cesa.

corriere.it

Puglia, Berlusconi chiede passo indietro-ai candidati del Pdl e dell’Udcultima modifica: 2010-01-28T08:42:34+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento