Lucera, 14enne sequestrata in un negozio-Arrestato l’uomo che l’ha presa in ostaggio

negozio--180x140.jpg

LUCERA (Foggia) – Alla fine, dopo oltre sette ore, è stato arrestato dai Nocs l’uomo che aveva preso in ostaggio una ragazzina di 14 anni in un negozio nel centro di Lucera, in Puglia. Massimiliano Credico, di 35 anni, con problemi psichici e noto per un gesto simile commesso in passato, era armato con un coltello. La ragazzina, che è uscita indenne dal sequestro, era entrata per fare degli acquisti insieme a due amiche: all’improvviso l’uomo era entrato e l’aveva afferrata, mentre le amiche e la cassiera erano riuscite a fuggire. Tenendola accanto a sé, aveva chiesto di parlare con l’onorevole Alessandra Mussolini, probabilmente per chiedere un posto di lavoro. Davanti al negozio, che si chiama “Curiosando” ed è in centro città, si sono radunate in poco tempo decine di poliziotti, carabinieri, vigili urbani e il procuratore Massimo Lucianetti. Con l’uomo è iniziata una delicata trattativa, condotta da un appuntato dei carabinieri della Compagnia di Lucera che lo conosceva da tempo. Si cercava di convincerlo a lasciar andare la piccola e a consegnarsi alle forze di polizia ma l’uomo chiedeva di poter parlare con l’onorevole Mussolini di persona, e non al telefono, prima di lasciare l’ostaggio. «Fatela venire qua – aveva detto – e così facciamo lo scambio con la ragazza».

IL PRECEDENTE – Il 6 maggio 2007 il 35enne era stato protagonista di un gesto simile: nel parcheggio di un centro commerciale, sempre a Lucera, ha sequestrato una giovane donna incinta di tre mesi, minacciandola con un coltello. Quindi l’ha costretta a entrare in un negozio e a restare con lui per alcune ore mentre, in uno stato di evidente confusione mentale, chiedeva alla polizia di parlare con alcuni politici: oltre alla Mussolini, Pietro Fassino e Carlo Azeglio Ciampi. Probabilmente voleva un loro intervento per un posto di lavoro. In quella circostanza era stata proprio la Mussolini, chiamata al telefono, a dare una mano per la liberazione dell’ostaggio: durante la telefonata è scoppiato il caos ed è stato facile per poliziotti e carabinieri bloccare il sequestratore. Uno psicologo della Polizia, il dottor Ippolito, ha parlato con Massimiliano Credico.

LA MUSSOLINI ERA PRONTA AL COLLOQUIO – Alessandra Mussolini aveva provato a mettersi in contatto con l’uomo durante le ore del sequestro: «Appena ho saputo mi ero messa in contatto con la polizia. Ho dato il mio numero di cellulare per parlare con il sequestratore, ma lui non credeva che fossi io dall’altra parte del filo. Il fatto è che già nel 2007 successe la stessa cosa – spiegava ancora la parlamentare – Anche in quella occasione chiese di parlare con me e gli fu detto che io ero al telefono, ma non era vero».

 

 

Redazione online

Lucera, 14enne sequestrata in un negozio-Arrestato l’uomo che l’ha presa in ostaggioultima modifica: 2010-01-19T19:11:15+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento