Mauritania: rapiti due italiani nel deserto

Mauritania: rapiti due italiani nel deserto. Forse in mano ad Al Qaeda

NOUAKCHOTT – Due italiani sono stati rapiti nel deserto della Mauritania. Lo afferma una nota dell’agenzia Ap che cita un ufficiale e un poliziotto mauritani. Si tratta di un uomo e di sua moglie, originaria del Burkina Faso. Il portavoce del ministero mauritano degli Esteri, Baba Sidi Abdala, ha chiesto cautela nell’affrontare la questione. I funzionari, che hanno voluto mantenere l’anonimato in quanto non sono autorizzati a parlare con gli organi d’informazione, hanno affermato che i due sono stati sequestrati venerdì notte da uomini armati mentre si trovavano a bordo della loro auto a trazione integrale presso il villaggio di Kobeni, nel sud della Mauritania sulla strada che porta in Mali. Al momento nessun commento ufficiale da parte italiana. Secondo fonti della sicurezza e dell’amministrazione locale mauritana, i due sarebbero caduti nelle mani di Al Qaeda nel Maghreb Islamico, che ha già rivendicato il sequestro di tre cooperanti spagnoli in Mauritania alla fine di novembre.

TRE SPAGNOLI – Domenica 29 novembre tre volontari spagnoli di Acciò Solidaria, un’organizzazione non governativa di Barcellona, erano stati rapiti mentre erano rimasti isolati da un convoglio che trasportava materiale verso Dakar, la capitale del Senegal. Secondo il ministro dell’Interno spagnolo Alfredo Rubalcaba, è probabile che il sequestro sia stato opera «di islamici radicali». La pista di Al Qaeda nel Maghreb «non è esclusa», aveva confermato il capo della diplomazia spagnola, Miguel Angel Moratinos. Al Qaeda nel Maghreb Islamico ha confermato l’8 dicembre il sequestro dei tre spagnoli, che si trovano in buono stato di salute ma ancora non ha fatto alcuna richiesta di riscatto.

www.corriere.it

 

Mauritania: rapiti due italiani nel desertoultima modifica: 2009-12-19T17:00:26+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento