SQUILIBRATO FERMATO AL SAN RAFFAELE-VOLEVO VEDERE BERLUSCONI…..PER

Berlusconi Tartaglia

 

Un giovane torinese con problemi psichici è stato fermato questa notte all’interno dell’ospedale mentre tentava di avvicinarsi alla stanza di Berlusconi. Nella vettura del 26enne sono state trovate delle mazze da hockey. Indaga la Digos. Obama telefona al premier e gli augura una pronta guarigione. La Casa Bianca condanna la “malvagia aggressione”. Oggi le dimissioni dal San Raffaele. Bonaiuti: a rischio la conferenza stampa di fine anno. Tartaglia davanti al giudice: mi piace Di Pietro

L’aggressione rafforza il premier. “La fiducia in Berlusconi sale di tre punti in un colpo solo, a 53, e anche quella nel governo sale di due punti”. E’ il risultato dell’ultimo sondaggio realizzato lunedì 14 dicembre (all’indomani dell’attacco di Massimo Tartaglia) da Nicola Piepoli e diffuso in esclusiva da Affaritaliani.it. Quanto alle intenzioni di voto il Pdl guadagna mezzo punto e sale al 38,5%, scende invece il Pd di mezzo punto mentre il segretario Bersani rimane stabile.

L’attacco al Cav non giova quindi alle opposizioni. Dopo diverse settimane in cui risuktava stabile, anche l’Idv di Di Pietro perde mezzo punto. Nessun cambiamento per Lega, Udc, Mpa, Sinistra e Libertà, lista cominista.

Il sondaggio è stato effettuato lunedì 14 dicembre (campione di 500 casi rappresentativo della popolazione italiana, metodologia C.A.T.I.).

LA DIRETTA

12:10 “Censurare internet per gli insulti e le istigazioni alla violenza sarebbe una decisione assurda e illiberale. E’ un po’ come se si volesse impedire l’uso del telefono perche’ ci possono essere telefonate minatorie. Internet e’ uno strumento di comunicazione e i nostri governanti devono capire che oggi si usa internet come ieri si usava il telefono”. Lo dichiara in una nota il leader dell’UDC, Pier Ferdinando Casini.

11:00 Un giovane torinese con problemi psichici e’ stato fermato questa notte all’interno dell’ospedale San Raffaele mentre tentava di avvicinarsi alla stanza del premier Silvio Berlusconi. Il giovane e’ stato individuato e fermato dal personale di sicurezza dell’ospedale. L’episodio e’ avvenuto intorno alle due di notte. Il fan e’ stato identificato dalla polizia: sulla vicenda indagano gli agenti della Digos. L’uomo bloccato e’ un 26enne che, secondo quanto spiega la polizia, e’ stato bloccato al settimo piano del reparto Solventi dell’ospedale. Il giovane sarebbe entrato da un parcheggio sotterraneo a pagamento, prendendo gli ascensori e raggiungendo il piano. Nella vettura del 26enne, una Golf, sono state trovate delle mazze da hockey. Il giovane e’ attualmente in questura dove gli agenti della Digos stanno svolgendo ulteriori accertamenti

10:45 «Il Presidente non ha nessuna intenzione di andare al voto anticipato. È un’invenzione che gli viene attribuita dai suoi avversari per alimentare il clima di tensione. Bersani è nel giusto quando dice che non sarà così, quando afferma di non credere che ‘Silvio andrà al votò». È quanto afferma Paolo Bonaiuti , sottosegretario alla Presidenza del Consiglio intervenuto a «Unomattina». « Ma ci sono i cosiddetti moderati, moderati tra virgolette intendo, come Enrico Letta, che pensano il contrario. Dicono che Berlusconi porterà il Paese alle elezioni e che si arriverà al fallimento del centrodestra. Non si facciano illusioni, quelli come Enrico Letta. Non andremo alle elezioni anticipate – aggiunge Bonaiuti – ma il nostro è un governo che ha prodotto tanti fatti concreti e che quindi è sostenuto dagli elettori, contro la mancanza di proposte e di iniziative reali da parte di un’opposizione che ormai allo sbando».

10:15 «Non ci si poteva aspettare un immediato calo dei toni. Nei mesi scorsi c’è stata una campagna di odio, una spirale, come se una molla pericolosa si fosse caricata per poi esplodere in quel gesto folle contro il presidente. Ci vorrà un pò di tempo per tornare alla normalità. Nell’incontro tra Berlusconi e Bersani ho visto però segni di buona volontà, sicuri e certi, da entrambe le parti. Tuttavia, è innegabile che ci sia stato un lungo e pesante periodo di attacchi inusitati, mai visti prima, contro il presidente del Consiglio, contro il suo governo, contro la sua maggioranza». Lo ha detto, in una intervista a Unomattina, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Paolo Bonaiuti. Quanto all’incontro con il presidente della Camera, Bonaiuti ha detto di aver accompagnato Fini nella stanza di Berlusconi «ma -ha aggiunto- sono rimasti soli. C’era affettuosità tra loro, come tra due amici che si incontrano dopo qualche tempo e uno dei due è in una condizione particolare, meno favorevole».

09:30 È atteso per oggi forse già in mattinata il provvedimento del gip Cristina Di Censo chiamata a decidere se tenere in carcere Massimo Tartaglia, l’uomo che ha aggredito Berlusconi in piazza Duomo, o trasferirlo sempre in regime di detenzione in un ospedale psichiatrico. Quest’ultima opzione è quella che ha chiesto ieri dopo l’interrogatorio dell’uomo la difesa. Ieri i legali di Tartaglia avevano infatti avanzato istanza di un temporaneo trasferimento dell’uomo in un ospedale psichiatrico in attesa che ci fosse la disponibilità di un posto in una comunità terapeutica in quanto gli avvocati Daniela Insalaco e Gian Marco Rubino ritengono che il loro assistito debba essere curato. L’uomo soffre infatti di disturbi psichici e non è escluso che nei suoi confronti vengano disposte perizie o consulenze sul suo stato di salute.

08:40 “Quello che ho fatto domenica — ha chiarito Massimo Tartaglia davanti al giudice Pao­la Di Censo — è stato frutto di un momento di rabbia che mi ha assalito al­l’improvviso… Non è vero che avevo pensato di aggredire Ber­lusconi alla mattina, non ave­vo nessun piano… Volevo ascoltare il suo comizio… Il pez­zo di plexiglas ritrovato nella sacca l’avevo infilato perché pensavo sarebbe potuto servi­re per difendermi in caso di di­sordini… “. Padre, madre e fratel­lo, ha raccontato, simpatizza­no per il Pd. “E anch’io sono abbastanza d’accordo con il Pd, ma quello che mi piace di più è Di Pietro, l’Italia dei Valo­ri dice cose giuste…”. 

8:30 Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, potrebbe lasciare oggi l’ospedale, ma tutto dipendera’ dagli esiti di un’ultima visita di controllo che si svolgera’ in tarda mattinata. “Cosi’ ci hanno detto i medici”, ha spiegato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Paolo Bonaiuti, “che si sono riservati di rivederlo attorno a mezzogiorno, l’una”. Berlusconi e’ ancora sofferente dopo l’aggressione di domenica sera. “La notte”, prosegue Bonaiuti parlando a Sky Tg24, “e’ stata piu’ travagliata rispetto a quella precedente. Si sono riacutizzati i dolori, soprattutto quelli al collo per effetto di quel bruttissimo colpo”. La giornata del capo del governo “e’ iniziata con la lettura della corposa rassegna stampa inviata da Palazzo Chigi”. Ieri sera invece Berlusconi “ha seguito Ballaro’, ha ricevuto la visita di due calciatori del Milan, Seedorf e Thiago Silva, e la graditissima telefonata del presidente statunitense Barack Obama”. Nessun commento su quanto accaduto alla Camera ieri. “Abbiamo tentato di tenerlo lontano dalla bagarre politica”, spiega Bonaiuti. Anche se tenere tranquillo Berlusconi, prosegue il sottosegretario, non e’ semplice: “Il presidente”, dice, “e’ una macchina da lavoro, un vulcano che si accende alle 7 di mattina e si spegne alle 2 di notte. Pensare di tenerlo fermo e’ un’impresa titanica, bisognerebbe tenerlo legato alla sedia”.

08:23 Gli auguri di una pronta guarigione e la piu’ grande solidarieta’: questi i contenuti della conversazione telefonica avvenuta martedi’ tra il presidente Usa, Barack Obama e Silvio Berlusconi, dopo l’aggressione subita dal premier a Milano. Il colloquio tra i due leader, che era stato reso noto inizialmente da Palazzo Chigi, e’ stato confermato anche dalla Casa Bianca. Il portavoce del Consiglio per la Sicurezza Nazionale, Mike Hammer, ha detto che il presidente Obama ha telefonato a Berlusconi per fargli gli auguri di “una pronta guarigione” e che ha trovato il premier in “ottime condizioni di spirito”. Obama ha quindi colto l’occasione per ringraziare Berlusconi della sua leadership in Afghanistan e del nuovo contributo militare offerto dall’Italia alla missione della Nato nel tormentato Paese.

08:15 Barack Obama ha trovato Silvio Berlusconi «in ottime condizioni di spirito» nella telefonata fatta martedì dal presidente Usa al premier italiano per augurargli una rapida guarigione dopo la «malvagia aggressione» subita, afferma un comunicato della Casa Bianca. «Il presidente Obama ha telefonato martedì al premier Berlusconi per augurargli una rapida guarigione dopo il malvagio attacco subito domenica a Milano», ha reso noto il portavoce del Consiglio per la Sicurezza Nazionale Mike Hammer. «Il presidente Obama ha ringraziato il premier Berlusconi per la leadership mostrata sull’Afghanistan e per l’ulteriore contributo dell’Italia alla nostra comune missione Nato in quel paese», ha affermato il funzionario della Casa Bianca.

8:15 »La giornata del Presidente del Consiglio è iniziata con la lettura della corposa rassegna stampa arrivata prima delle sette da Palazzo Chigi«. quanto ha detto il sottosegretario Paolo Bonaiuti ai microfoni di Sky TG24. »La notte – ha continuato il Sottosegretario – è stata un pò più travagliata, si sono riacutizzati i dolori al collo: evidentemente sono gli effetti del durissimo colpo di domenica. Ieri sera il Premier ha guardato Ballarò che non gli è piaciuto. Ha ricevuto la visita dei giocatori Seedorf e Thiago Silva e la telefonata di Obama che gli ha fatto gli auguri per una rapida guarigione«. Il Portavoce del Governo ha ribadito l’intenzione dei medici di dimettere Berlusconi in giornata, chiarendo tuttavia che gli stessi medici »si sono riservati di rivederlo tra le 12 e l’una«. In ogni caso, Bonaiuti ha sottolineato che »il Presidente è un vulcano che entra in eruzione alle sette del mattino, è un grande lavoratore e sarà difficile, se non impossibile, tenerlo lontano dal lavoro e dai suoi impegni«. Il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ha inoltre rivelato che Berlusconi »non ha commentato il dibattito alla Camera perchè abbiamo cercato di tenerlo lontano dalla bagarre politica. Deve restare a riposo per almeno due settimane e se non cominciamo subito a tenerlo a freno poi sarà davvero impossibile«.

8:00 Barak Obama ha chiamato Silvio Berlusconi per fare al presidente del Consiglio gli auguri di pronta guarigiome. E’ quanto si aprende da fonti parlamentari del PdL. “E’ stata una conversazione molto cordiale – afferma Palazzo Chigi – nella quale il Presidente Obama si e’ informato delle condizioni di salute del Presidente Berlusconi e gli ha espresso solidarieta’ e vicinanza, augurandogli una rapida guarigione. Il Presidente degli Stati Uniti ha anche ringraziato il Presidente del Consiglio per l’eccellente contributo italiano in Afghanistan e per la decisione del Governo italiano di inviare altri mille uomini nel corso del 2010.”

Statuina Berlusconi aggressione
La statuetta con la quale è stato aggredito il premier

www.affaritaliani.it

 

SQUILIBRATO FERMATO AL SAN RAFFAELE-VOLEVO VEDERE BERLUSCONI…..PERultima modifica: 2009-12-16T12:38:02+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento