Berlusconi/ Lo staff di Obama studia Tartaglia. In sei punti le falle della sicurezza

Berlusconi ringraziamenti

Si è tenuta una riunione non ufficiale, a Washington, del comitato federale composto dagli uomini (e dalle donne) che proteggono il presidente degli Stati Uniti, il vicepresidente e alcuni membri dell’Amministrazione di Obama. La ragione del meeting? Studiare i dettagli dell’aggressione contro il premier italiano. L’animata conversazione ha naturalmente forzato alcuni paragoni con il lavoro svolto in America dai cosiddetti G-Men

Si è tenuta una riunione non ufficiale, a Washington, del comitato federale composto dagli uomini (e dalle donne) che proteggono il presidente degli Stati Uniti, il vicepresidente e alcuni membri dell’Amministrazione di Barack Obama. La ragione del meeting? Studiare i dettagli dell’aggressione contro il premier italiano Silvio Berlusconi. La conversazione, animata, ha naturalmente forzato alcuni paragoni con il lavoro svolto in America dai cosiddetti G-Men. Ecco i punti emersi:

1) Per un comizio che prevedeva la presenza di diecine di migliaia di persone, la guardia del corpo di Berlusconi doveva essere di almeno 35 persone.
2) Occorre sempre un po’ di spazio tra il palco dove parla il presidente e gli spettatori, spesso tenuti a bada da un recinto.
3) Nessuno può bloccare un attentato eseguito con fucili o anche pistole sparati da una certa distanza.
4) Le guardie del corpo devono indossare vestiti anti-proiettili.
5) Se il personaggio politico decide di avvicinarsi ai presenti per stringere le mani, le guardie del corpo devono praticamente “coprire” il suo corpo da ogni lato e seguire attentamente le mani di chi vuole stringere quella del presidente. Questo è importantissimo.
6) Gli uomini italiani che avrebbero dovuto difendere Berlusconi non hanno fatto un buon lavoro.
 
Benny Manocchia

Berlusconi ringraziamenti ape
Il ringraziamento del premier


www.affaritaliani.it

 

Berlusconi/ Lo staff di Obama studia Tartaglia. In sei punti le falle della sicurezzaultima modifica: 2009-12-15T17:43:16+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento