http://ilblogdimikidelucia.myblog.it Sfida in aula sul pentito di mafia

SPATU_a1.jpg

spatuzza

TORINO – Ore nove: è questa l’ora prevista per l’inizio dell’attesa deposizione di Gaspare Spatuzza, pentito di mafia che accusa il senatore Marcello Dell’Utri e il premier Silvio Berlusconi di contiguità con Cosa Nostra. Lo scenario sarà quello della maxi aula uno del palazzo di giustizia di Torino, quella del processo Thyssen e la stessa che ospiterà tra pochi giorni il processo Eternit. La testimonianza di Spatuzza, le cui rivelazioni sono state raccolte da tre diverse procure, entra nel processo d’appello a Dell’Utri, condannato in primo grado a 9 anni per concorso esterno in associazione mafiosa, che si sta celebrando a Palermo e che sembrava prossimo alla conclusione. La seconda sezione della corte d’Appello di Palermo presieduta da Claudio Dall’Acqua ha deciso di trasferirsi per motivi di sicurezza, ma di sentire il testimone a porte aperte.

MEDIA – L’aula torinese è stata attrezzata con impianti di registrazione e ripresa, monitor, schermi e telecamere di sicurezza. La capienza massima è di 250 posti, ma le richieste di accredito giunte presso la procura generale crescono di ora in ora e molto probabilmente sarà utilizzata anche l’aula adiacente, la maxiaula 2, collegata con impianti audio e con uno schermo. La lista degli organi di informazione contiene già circa 200 nomi, non solo italiani. Sono indicati giornali francesi, olandesi, spagnoli. Ci saranno le telecamere della Bbc, e un inviato del Wall Street Journal, oltre a centinaia di giornalisti italiani. Accanto a palazzo di giustizia sarà chiuso al traffico il controviale di via Cavalli, mentre saranno transitabili regolarmente sia via Falcone e Borsellino che corso Vittorio Emanuele.

LA DEPOSIZIONE – Gaspare Spatuzza, per il quale la procura di Firenze ha chiesto il programma di protezione, parlerà al microfono protetto da un paravento. Il collaboratore, che è stato anche sottoposto a confronto con i suoi ex capimandamento di Brancaccio , Filippo e Giuseppe Graviano, ha riempito un migliaio di pagine di verbali, da tempo a disposizione dei magistrati di Palermo, ricostruendo la storia delle stragi di mafia del ’90 e gli intrecci tra cosa nostra e la politica, sollevando pesanti accuse nei confronti del Presidente del Consiglio.

DELL’UTRI – Marcello Dell’Utri, che sarà in aula, però, respinge ogni accusa. E in un’intervista al Corriere della Sera assicura di non aver mai incontrato i boss. «Sono tutti pazzi – afferma il senatore del Pdl – Berlusconi? Lo sento ogni giorno, lui teme di più la controversia con la moglie».

corriere.it

http://ilblogdimikidelucia.myblog.it Sfida in aula sul pentito di mafiaultima modifica: 2009-12-04T08:24:00+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento