http://ilblogdimikidelucia.myblog.it Dubai e Abu Dhabi

dubai.jpg

DUBAI – Ancora un crollo per le Borse di Dubai e Abu Dhabi sotto i colpi della crisi del colosso dell’edilizia Dubai World. All’apertura hanno di nuovo segnato perdite pesante: 6,25% e 5,91% rispettivamente.

Non bastano, evidentemente, i primi, timidi segnali di ottimismo lehgati alla notizia che Dubai World è in trattative “costruttive” con le banche per la ristrutturazione del debito di 26 miliardi di dollari.
L’annuncio è arrivato ieri a borse europee chiuse e ha fatto chiudere Wall Street in positivo. L’avvio delle trattative ha fatto superare, almeno in parte, i timori generati dopo che il governo di Dubai ha fatto sapere che non garantirà il debito della holding statale, alle prese con passività per 59 miliardi di dollari.

La crisi di Dubai non ha però influenzato l’andamento delle piazze dell’estremo Oriente. La Borsa di Tokyo ha terminato gli scambi in volata a +2,43%, ai massimi della seduta, in scia all’ottimismo degli investitori per un possibile intervento in materia monetaria da parte della Bank of Japan (BoJ), il cui board si è riunito in una riunione straordinaria. L’indice Nikkei si porta a 9.572,20 punti, 226,65 in più della chiusura di ieri, superando quota 9.500 per la prima volta dal 24 novembre.

(1 dicembre 2009)  repubblica.it

http://ilblogdimikidelucia.myblog.it Dubai e Abu Dhabiultima modifica: 2009-12-01T08:40:56+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento