http://ilblogdimikidelucia.myblog.it Germania/ Demjanjuk alle sbarre, complice dell’omicidio di 27.900 ebrei

John Demjanjuk nazista

L’atteso processo contro il presunto criminale nazista John Demjanjuk è iniziato a Monaco con oltre un’ora di ritardo, a causa della folla di persone che desiderano assistervi

L’atteso processo contro il presunto criminale nazista John Demjanjuk è iniziato a Monaco con oltre un’ora di ritardo, a causa della folla di persone che desiderano assistervi. Vi sono state anche tensioni fra i giornalisti, per accaparrarsi i 68 posti disponibili per la stampa. Il processo, probabilmente l’ultimo grande caso contro un presunto criminale nazista, doveva aprirsi alle 10, ma alle 11 era ancora visibile una lunga coda di gente che aspettava di entrare.

John Demjanjuk nazista
John Demjanjuk

Date le cattive condizioni di salute di Demjanjuk, le udienze dovranno essere limitate a 90 minuti la mattina e 90 il pomeriggio. Pur avendo vissuto diversi anni in Germania, l’imputato dovrà essere assistito da un interprete: sono previste 35 udienze, fino al mese di maggio.

Demjanjuk, 89 anni, è stato espulso in maggio dagli Stati Uniti che lo hanno privato della cittadinanza americana. Di origine ucraina, l’imputato è accusato di complicità nell’omicidio di 27.900 ebrei nel periodo in cui sarebbe stata una guardia nel lager nazista di Sobibor. La principale prova dell’accusa è un documento d’identità del personale del lager, secondo il quale Demjanjuk lavorò nel campo come guardia ausiliaria da marzo a settembre 1943. La difesa sosterrà che si tratta di una persona con lo stesso nome, comune in Ucraina. A così tanti anni di distanza non è stato possibile trovare persone ancora in vita in grado di riconoscerlo.

John Demjanjuk nazista
La carta d’identità che dimostra che Demjanjuk lavorò nel lager come guardia ausiliaria


tratto da affaritaliani.it

http://ilblogdimikidelucia.myblog.it Germania/ Demjanjuk alle sbarre, complice dell’omicidio di 27.900 ebreiultima modifica: 2009-11-30T19:24:24+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento