DAL MIO BLOG http://ilblogdimikidelucia.myblog.it Pestaggio con rapina alla stazione Termini. Il video

video-pestaggio.jpg

Per portagli via un cellulare e un giubbotto lo hanno picchiato violentemente il tutto tra l’indifferenza della gente. Il fatto è avvenuto circa una settimana fa intorno all’una di notte davanti all’ingresso della Stazione Termini a Roma. La vittima, uno straniero di 37 anni, era appena arrivato sotto la pensilina, illuminata, all’esterno della stazione ferroviaria capitolina quando è stato avvicinato da un cittadino romeno.

Dopo qualche istante è arrivo un complice del romeno che ha colpito alle spalle con un pugno il 37/ne rubandogli il giubbotto con all’interno il suo cellulare. L’uomo si è quindi rifugiato in un taxi fermo, nell’area di sosta, ma il conducente, spaventato, è sceso dalla vettura e quindi i due rapinatori si sono nuovamente accaniti sulla vittima tirandolo fuori dal taxi e pestandolo con calci e pugni

Dopo una settimana di indagini, utilizzando anche telecamere a circuito chiuso e grazie alla collaborazione di altri cittadini romeni, i due aggressori, entrambi pregiudicati, sono stati arrestati dagli agenti della Polfer del Lazio, diretti da Carlo Casini. Si tratta di R.L., 23 anni, fermato in una sala giochi a Trastevere e D.G.M., 33 anni, catturato in una abitazione in zona Gregorio VII.

Durante la perquisizione gli agenti hanno anche trovato un machete che lui custodiva sotto il cuscino della sua abitazione. Secondo quanto ricostruito dagli agenti, inoltre, i due romeni, tramite il cellulare, nei giorni scorsi avevano rintracciando la vittima minacciandola di non rivolgersi alla polizia. Gli agenti della Polfer sono ora in cerca anche di una terza persona che avrebbe partecipato al pestaggio. La vittima ha riportato la frattura del setto nasale e dello zigomo ed è stato giudicato guaribile in 45 giorni
 


affaritaliani.it

DAL MIO BLOG http://ilblogdimikidelucia.myblog.it Pestaggio con rapina alla stazione Termini. Il videoultima modifica: 2009-11-17T18:40:29+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento