Ed ecco chi sono gli altri politici andati a trans

trans 

Il ventilatore è in moto… e chi lo ferma più! Ormai nel Palazzo non si parla d’altro, tutti si chiedono chi sono gli altri politici che hanno seguito l'”esempio” di Piero Marrazzo e sono andati a trans. Le voci continuano a correre, tra un corridoio e l’altro di Montecitorio e non solo. Gli ultimissimi rumor provenienti dalla capitale sostengono che nel rapporto dei Ros dei Carabinieri, sui frequentatori di via Gradoli e via dei Due Ponti, ci sarebbero esponenti di primissimo piano di maggioranza e opposizione

Il ventilatore è in moto… e chi lo ferma più! Ormai nel Palazzo non si parla d’altro, tutti si chiedono chi sono gli altri politici che hanno seguito l'”esempio” di Piero Marrazzo e sono andati a trans. Le voci continuano a correre, tra un corridoio e l’altro di Montecitorio e non solo. Gli ultimissimi rumor provenienti dalla capitale sostengono che nel rapporto dei Ros dei Carabinieri all’autorità giudiziaria, sui frequentatori di via Gradoli e via dei Due Ponti, ci sarebbero esponenti di primissimo piano di maggioranza e opposizione. Si parla addirittura di un giovane ministro non leghista, dall’aspetto gradevole, e spesso in viaggio per Bruxelles ma anche per altre capitali mondiali.

Girano le voci, girano, girano, girano alimentate dal ventilatore impazzito. E si posano anche su un ex ministro di Centrodestra, abituato a polemiche aspre. Indiscrezioni e ancora indiscrezioni. Rigorasamente trans-versali. Tanto che si sussurra di un calibro da novanta del Centrosinistra laziale, addirittura indicato nei giorni scorsi come possibile candidato Governatore alle Regionali di fine marzo per sostituire Marrazzo. Non solo. Nel mirino ci sarebbe perfino un ex ministro attualmente all’opposizione che frequenterebbe Piazza dei Navigatori, zona EUR – a differenza degli altri – e che sarebbe stato pizzicato da una volante della Polizia mentre stava usufruendo di un rapporto orale da un trans italiano. Voci, voci, voci… tantissime voci. E’ proprio vero: il ventilatore non si ferma più!


ECCO LE FOTO SEGRETE DI NATALIE, IL TRANS DELLO SCANDALO MARRAZZO (Da Novella)

Marrazzo/ Un ministro, un giornalista e una “chiappa d’oro”

Si allarga l’inchiesta sui trans e i politici. L’obiettivo è accertare se oltre a Piero Marrazzo, ormai ex presidente della Regione Lazio, sotto ricatto c’erano altri personaggi famosi. Politici, attori, calciatori, nomi sussurrati dagli stessi trans dell’ormai famoso appartamento di via Gradoli, quello dell’incontro tra l’ex governatore e un transessuale. Nomi che però non risulterebbero allo stato agli atti dell’inchiesta, né nelle intercettazioni.

Ma le voci nel Palazzo corrono e spuntano alcuni nomi. Sarebbero tre i volti noti coinvolti. Uno è un’importante politico del Centrodestra che ricopre un incarico di governo. L’altro, un collega avversario, tra i più in vista nel Centrosinistra. Infine un giornalista molto conosciuto agli addetti ai lavori e anche al pubblico del piccolo schermo. Tre vip che fino a poco tempo fa frequentavano Via Gradoli.

CORONA RILANCIA: NE SO DI PIU’ MA NON LO DICO. Sul sexy-scandalo che ha travolto l’ex Governatore della Regione Lazio, Piero Marrazzo, non tardano ad arrivare le provocazioni di Fabrizio Corona: “So qualcosa di più ma non lo vengo a dire certo a voi”.

“Sul caso Marrazzo l’agenzia fotografica milanese ha usato più o meno le stesse modalità di vendita che aveva la mia ma non è stata nemmeno indagata mentre io ho fatto 130 giorni di carcere”. Corona lo afferma a margine del processo milanese a Vallettopoli in cui è imputato per estorsione e tentata estorsione, e per il quale il pm Frank Di Maio chiederà ai giudici la sua condanna.

NATALIE, IL TRANS, RESTA IN ITALIA. Resta in Italia Natalie, anche se non aveva il permesso di soggiorno, scrive il Corriere della Sera. La transessuale ripresa in un video con Piero Marrazzo otterrà un visto per “fini di giu­stizia”.

MARRAZZO VIGNETTA
(www.marcomengoli.it)


La trans Natalia

affaritaliani.it


Ed ecco chi sono gli altri politici andati a transultima modifica: 2009-10-30T16:03:58+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento