Fiorentina, ufficiale: Della Valle si dimette. Frecciate d’addio

della valle 420

La notizia era nell’aria da qualche giorno e ora è stata confermata: Della Valle ha lasciato la presidenza della Fiorentina. Avanti però con il progetto Cittadella Viola, da cui dipenderanno le sorti del club. Con ringraziamenti al sindaco gigliato, ma anche una frecciata: “Non è un regalo che il Comune fa alla Fiorentina, ma…”

Ora è proprio ufficiale: Andrea Della Valle lascia la presidenza della Fiorentina (le sue funzioni verranno assolte temporaneamente dal vice-presidente Mario Cognigni) che ha portato dalla serie C2 alla Champions League dopo il fallimento del club precedentemente in mano a Vittorio Cecchi Gori. Le dimissioni sono state rassegnate nel corso del Consiglio d’Amministrazione. Si è molto parlato del perché di questo addio (non societario: le quote restano saldamente in mano alla famiglia Della Valle). In primis uno degli argomenti scottanti era quello riguardante la Cittadella dello Sport, il progetto stadio cui la proprietà viola tiene moltissimo. A riguardo, attraverso una nota del club, viene precisato… “un ringraziamento al sindaco Renzi e all’amministrazione comunale per la rapidità con la quale hanno affrontato i problemi inerenti alla Cittadella Viola. Sarà premura delle persone delegate dal Consiglio instaurare i rapporti necessari per valutare nei dettagli il progetto”.

Già, perché sono i ‘dettagli’ che creano qualche problema di troppo: dal terreno di Castello di proprietà di Fondiaria (Ligresti) con cui si dovrà trattare, alla riqualificazione degli ottanta ettari di terreni, ai costi, passando per i tempi di realizzazione (il sindaco pensa che tutto potrebbe essere concluso entro il 2014).

Non a caso, si sottolinea con un pizzico di veleno che “la Cittadella Viola, teniamo a precisare per la chiarezza di tutti, non è un regalo che il Comune di Firenze fa alla Fiorentina, noi crediamo invece che sia una grande opportunità per la Città di Firenze, per i milioni di turisti in più che potrà portare e per i numerosi di posti di lavoro che potrà creare”. Non solo: “I grandi investimenti necessari saranno da noi messi a disposizione e nulla costeranno al contribuente fiorentino”.

Il malessere della famiglia Della Valle riguarda però, come spiegava affaritaliani nei giorni scorsi, anche quella parte di tifoseria che ha preso male certe cessioni (Felipe Melo e Kuzmamovic), contestando la campagna acquisti e la logica di autofinanziamento di un club che sta portando avanti con grande sapienza un dirigente esperto e grande scopritore di talenti quale Pantaleo Corvino (e ricordiamo che la Fiorentina è, bene o male, quarta a tre punti dall’Inter anche in questo inizio di campionato). Se ci aggiungiamo anche un calcio che provoca sempre un po’ di nausea ai suoi protagonisti di media o lunga data per certi suoi veleni, il gioco è fatto. Comunque molte dele strategie viola ruoteranno attorno alla Cittadella Viola. Punto di partenza o d’arrivo per il futuro del club…


affaritaliani.it

Fiorentina, ufficiale: Della Valle si dimette. Frecciate d’addioultima modifica: 2009-09-25T08:40:18+02:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento