Ufficiale, Briatore lascia la Renault. Ha vinto Mosley

Briatore Mosley

Flavio Briatore vs Max Mosley


Lo scandalo delle rivelazioni di Nelsinho Piquet ha mietuto dunque due vittime illustri: Flavio Briatore e pure Pat Symonds (per cui tirava aria di grazia nelle ultime ore) hanno lasciato la Renault a causa dello scandalo Piquet. Max Mosley ha avuto la sua vittoria dopo il clamoroso flop nella guerra con la Fota dei mesi scorsi…

BRIATORE, NON SOLO FORMULA 1- Tornerà o non tornerà in F1? Un addio per sempre o temporaneo – solo per darla vita a quel Max Mosley che fra pochi mesi sarà ‘passato’ nella Fia? Mentre ci si interroga sul futuro di Briatore, resta il fatto che l’uomo non è riducibile solo al Circus. Le sue attività sono… infinite. Qualche esempio? Si passa dal club estivo più esclusivo della Versilia (Twiga), alla gestione di un’oasi in Kenya (Lion in the Sun Thalaspa Henri Chenot). E chi non ricorda la sua attività coll Billionaire (il locale in Sardegna, ma anche una linea di casualwear, accessori, alta moda per uomo). Senza dimenticare che da un paio d’anni è nel calcio con il Queen’s Park Rangers. Il regno di Briatore non conosce limiti…
Briatore Mosley
Flavio Briatore vs Max Mosley

BRIATORE LASCIA LA F1 – Ha vinto, anzi stravinto Mosley: Flavio Briatore lascia la Renault. E visto che uno non basta, pure quel Pat Symonds per cui c’era odore di grazia nelle ultime ore ha gettato la spugna. La notizia è stata comunicata ufficialmente dalla scuderia francese. Lo scandalo delle rivelazioni di Nelsinho Piquet ha mietuto dunque due vittime illustri. Per il conte Max un successo politico contro uno dei nemici che lo avevano messo ko nei mesi scorsi, quando c’era stata la guerra tra la Fota e la Fia sul cambio delle regole e sul tetto di spese per correre in F1 (poi miseramente crollato grazie alla compattezza del fronte-team guidato proprio da Briatore e Montezemolo). Le teste del manager piemontese e del direttore tecnico inglese dovrebbero essere condizione sufficiente per salvare la Renault da eventuali squalifiche (dannose anche per la F1 se vogliamo dirla tutta) post-dichiarazioni di Piquet che ha testimoniato di essere andato a sbattare contro il muretto di Singapore nel 2008 per favorire la strategia di gara del compagno di squadra, Fernando Alonso. Una tesi che Briatore ha combattuto con tutte le sue forze i queste settimane, una tesi tutta da dimostrare. Sy­monds, da parte sua, aveva già ammesso che la riunione pre-gara con Nelsinho c’era stata, sottolineando però che l’idea di provocare un inci­dente era stata lanciata dal bra­siliano.

La Renault ha fatto sapere che non contesterà le accuse che pendono su di essa. Il 21 settembre si riunirà a Parigi il consiglio mondiale dello sport motoristico per valutare la vicenda. “Prima di quella data non faremo ulteriori commenti” precisa la casa transalpina. Mosley ha vinto.

Schumi Alonso
Schumi e Alonso
scoperte di Flavio Briatore

GALLIANI, “BRIATORE SI E’ SACRIFICATO” – “Ho parlato con Flavio. Io credo che lui non abbia fatto nulla e che abbia preso questa decisione per salvare il team e tanti posti di lavoro”.

DA SCHUMI AD ALONSO, MONDIALI E VITTORIE DI BRIATORE

– 1988 fa la sua prima visita ad un Gran Premio di F1, in Australia, ospite di Luciano Benetton.
– 1989 si trasferisce in Inghilterra ed assume la direzione commerciale della Benetton Formula.
-1994 e 1995 vince due mondiali piloti (con Michael Schumacher, scoperto da lui) e uno costruttori.
– 1998 lascia la Benetton per creare ‘Supertec Sport’, fornitore di motori di F1
– 2000 la Renault rientra in F1 acquistando la Benetton. Briatore dirige la nuova scuderia
– 2003 lancia Fernando Alonso in F1 
– 2005 e 2006 Alonso vince due Mondiali e arrivano due titoli costruttori
– 2007 con alcuni soci (tra cui Bernie Ecclestone) acquista il Queen’s Park Rangers

 Di recente si è sposato con la showgirl Elisabetta Gregoraci, dalla quale aspetta un figlio


affaritaliani

 

Ufficiale, Briatore lascia la Renault. Ha vinto Mosleyultima modifica: 2009-09-16T17:43:57+02:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento