Tragedia al centro tecnico di Coverciano

este_08224532_46510.jpg

FIRENZE – Si è accasciato al suolo mentre stava telefonando. Un malore improvviso ha stroncato la vita del 26enne centrocampista dell’Espanyol Daniel Jarque. La tragedia è avvenuta a Coverciano, vicino Firenze, dove la squadra (che milita in prima divisione nella Liga) era in ritiro in attesa dell’amichevole con il Bologna in programma domani sera.

Il calciatore stava parlando al telefono con la fidanzata quando si è accasciato a terra. La ragazza, allarmatissima, ha telefonato ai compagni di squadra, ma quando i soccorritori sono entrati nella camera del giocatore, non c’era più nulla da fare. Prima è stata tentata la defibrillazione, poi il giocatore è stato trasportato in ambulanza all’ospedale di Firenze, ma nonostante la somministrazione di adrenalina e atropina il cuore di Jarque “non ha reagito”. Pare che a differenza dei suoi compagni di squadra che, nel pomeriggio, avevano fatto una passeggiata a Firenze, Jarque avesse rifiutato dicendo di non sentirsi troppo bene.

La magistratura di Firenze ha già disposto il trasporto della salma all’istuto di medicina legale, dove è probabile che già domani sarà effettuata l’autopsia per verificare le cause del decesso.

Il centrocampista stava attraversando un ottimo momento di forma calcistica, tanto che era stato nominato capitano della squadra. “E’ un onore difendere questa maglia” aveva detto il giorno della nomina.

Era forte il legame del centrocampista con l’Espanyol. Da quando aveva 12 anni, Jarque indossava la maglia della seconda squadra di Barcellona. Una fedeltà passata attraverso successi e traversie. Il suo maggiore successo fu la vittoria della coppa del Re nel 2006. Nel 2007 perse la finale della coppa Uefa contro il Valencia. Con la maglia della Nazionale, invece, su campione d’Europa under 19 nel 2002. L’Espanyol ha annullato la sfida con il Bologna e quella con il Livorno che si sarebbe dovuta tenere martedì.

Il 25 agosto 2007 analoga sorte toccò al difensore del Siviglia Antonio Puerta, 22 anni, che venne ucciso da un malore causato da una serie di attacchi cardiaci mentre stava giocando contro il Getafe

Tragedia al centro tecnico di Covercianoultima modifica: 2009-08-09T09:47:21+02:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento