Mafia/ Mercadante “creatura di Provenzano”: 10 anni all’ex deputato di FI

Mercadante Giovanni FI
Giovanni Mercadante

arrivata la condanna per l’ex deputato regionale di Forza Italia Giovanni Mercadante: i giudici della seconda sezione del Tribunale di Palermo, presieduta da Bruno Fasciana, hanno inflitto al medico radiologo dieci anni e otto mesi, con l’accusa di associazione mafiosa (la richiesta dei pm era di 14 anni). Per pronunciare la sentenza del processo “Gotha”, nella parte celebrata col rito ordinario (altri imputati vengono infatti giudicati con l’abbreviato) il collegio ha impiegato sedici ore, dalle 9,45 di ieri mattina all’1,40 della notte.

Cinque in tutto le condanne, per poco più di 40 anni complessivi: colpevole di mafia ed estorsioni il medico Nino Cina’, che ha avuto 16 anni, in continuazione con una precedente condanna; 9 anni e 4 mesi per un’estorsione (ma e’ stato assolto da un’altra ipotesi) sono stati dati al capomafia di Torretta Lorenzo Di Maggio, detto Lorenzino; 6 anni poi a Bernardo Provenzano, che in questo dibattimento rispondeva di un’estorsione, derubricata in tentativo; e infine 6 mesi a Paolo Buscemi, titolare del locale ‘Boca Chica’, imputato di favoreggiamento per non avere ammesso di avere pagato il pizzo.

Quattro gli assolti: sono Marcello Parisi, ex consigliere di circoscrizione di Forza Italia, aspirante candidato (con la sponsorizzazione dei boss) al Consiglio comunale di Palermo, e tre commercianti; e degli imprenditori imputati di favoreggiamento per non avere denunciato il pizzo: si tratta di Maurizio Buscemi, fratello di Paolo, Calogero Immordino e Vito Lo Scrudato, titolari di un’azienda di costruzioni edili, la Dau Sistemi di San Giovanni Gemini (Agrigento).

I pm Nino Di Matteo e Gaetano Paci avevano chiesto condanne per tutti gli imputati. “Questa sentenza e’ il primo riconoscimento, che arriva dai giudici, dell’esistenza di un rapporto tra mafia e politica a un livello molto alto”. E’ il commento del pm Nino Di Matteo, che con il collega Gaetano Paci ha sostenuto l’accusa nel processo “Gotha” a Palermo. La condanna di Giovanni Mercadante a 10 anni e 8 mesi rappresenta, secondo la Dda, la conferma alle molteplici accuse rivolte a un appartenente al mondo politico, con compiti e ruoli di livello e considerato molto vicino alle cosche.

Nessun commento invece da parte degli avvocati Leo Mercurio (presente in aula stanotte) e Grazia Volo, legali dell’ex parlamentare regionale di Forza Italia. Mercadante, che si trova agli arresti domiciliari per motivi di salute, si era piu’ volte difeso sostenendo di essere stato ‘vittima’ della propria parentela col boss di Prizzi Tommaso Cannella. “Giovanni Mercadante è una creatura di Provenzano, dottore”: e’ l’8 agosto del 2002, quando il pentito Nino Giuffre’ racconta ai magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Palermo del presunto ruolo che il sessantenne medico radiologo avrebbe rivestito all’interno di Cosa nostra. La posizione dell’ex deputato regionale di Fi condannato nella notte nel processo “Gotha” a 10 anni e 8 mesi per associazione mafiosa, era del resto la piu’ delicata del processo: l’accusa aveva sollecitato per lui una condanna a 14 anni, con l’ipotesi che il primario di Radiologia dell’ospedale Maurizio Ascoli fosse stato uno dei consiglieri piu’ fidati della cerchia di cui si circondava Bernardo Provenzano. Come lui, il boss di Prizzi Masino Cannella (imparentato con Mercadante), Pino Lipari, Nino Cina’ e Vito Ciancimino.

L’imputato non avrebbe esitato ad assistere i mafiosi bisognosi di cure e si sarebbe prestato anche per eseguire o far eseguire delicati esami clinici su Saveria Palazzolo, compagna di Provenzano: il nome del medico, crittografato con un codice segreto, fu decrittato dagli esperti della polizia su una delle lettere che l’ex superlatitante di Corleone si scambiava con i familiari e che fu intercettata nel gennaio 2001, al momento della cattura del boss di Belmonte Mezzagno Benedetto Spera. Contro Mercadante, arrestato un pomeriggio di tre anni fa, il 10 luglio del 2006, anche le accuse di pentiti del calibro di Giovanni Brusca, Angelo Siino e Nino Giuffre’ e una serie di intercettazioni telefoniche e ambientali: l’ex deputato di Forza Italia era infatti gia’ stato indagato per due volte, tra il 2001 e il 2005, ma in entrambi i casi la Dda di Palermo aveva preferito chiudere le indagini con l’archiviazione, in attesa di essere in possesso di elementi decisivi.

Secondo il pm Di Matteo, che aveva sostenuto l’accusa con i colleghi Domenico Gozzo e Maurizio De Lucia, oggi entrambi trasferiti in altre sedi, Mercadante avrebbe ottenuto i voti e gli appoggi elettorali dei boss, e si sarebbe prestato a fare da ‘braccio politico’ di Provenzano. Tra le ultime accuse anche quelle di Massimo Ciancimino, il figlio dell’ex sindaco di Palermo Vito, che aveva confermato quanto raccontato dal pentito Angelo Siino: Mercadante avrebbe chiesto di far uccidere un uomo, presunto amante della propria moglie, ma la condanna a morte sarebbe stata tramutata in ‘esilio’, perche’ il ‘fedifrago’ era nipote del boss Pino Lipari.


Mafia/ Mercadante “creatura di Provenzano”: 10 anni all’ex deputato di FIultima modifica: 2009-07-28T11:55:11+02:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento