Tra Mourinho e Moratti è sceso il grande gelo

Mentre Florentino Perez smentisce contatti con Mourinho per ragioni di ‘cortesia’ verso quell’Inter che gli ha chiesto rapporti un po’ più corretti (Oriali è stato chiaro la scorsa settimana), lo Special definisce una ‘terza o quarta scelta il futuro mister del Real, visto che si erano fatti altri nomi (il suo, quello di Wenger e Carlo Ancelotti) che hanno rifiutato. Ma il portoghese per una volta ha fatto male i conti con Massimo Moratti. Tra lui è il presidente è sceso il grande gelo e per la prima volta è lo stesso dirigente nerazzurro ad ammettere la situazione: “Sto seguendo la vicenda, arriveremo alla fine di questa storia. Sono un po’ infastidito e non sono felicissimo di leggere queste cose”.

Il presidente nerazzurro, che si è detto “dispiaciuto” per la contestazione a Paolo Maldini e che raffredda baby Zlatan Arnautovic (“Non ho parlato con nessun procuratore”, intanto il Chelsea non demorde) è a un vicolo semi-cieco con il suo allenatore. Ha chiesto al procuratore dello Special, Jorge Mendes, di togliere la clausola da sette milioni che permette a José di svincolarsi al termine di ogni stagione e in cambio propone un prolugamento di contratto. Ma la risposta è stata non troppo positiva. Mentre si parla di bonus a vittoria e mercato in entrata resta un fatto: Mourinho avrebbe voluto alcuni giocatori e invece se ne troverà altri. Chiedeva e chiede De Rossi, ma per il momento si trova Thiago Motta. Sogna da mesi Drogba, ma sente l’ivoriano pronunciare frasi d’amore per il Chelsea che attende Ancelotti (“Credo che il futuro del Chelsea sarà splendido e tutti vogliono venire qui, perché qui ogni anno si lotta per vincere. Sono molto orgoglioso di farne parte e voglio restare finché mi vorranno”) e intanto deve gestire l’arrivo di Diego Milito. Insomma, non propriamente i primi giocatori nella sua lista. In difesa poi vorrebbe Ricardo Carvalho dal Chelsea e anche su questo punto c’è qualche problemino…

In tutto questo, il rischio per la squadra è di trovarsi un allenatore un po’ meno investito dalla fiducia presidenziale che, con un paio di partite sbagliate a inizio stagione, rischierebbe di esser messo subito sul banco degli imputati. Da qui a esser esonerato ce ne corre, ma la sola mancanza di totale fiducia può destabilizzare un ambiente intero e mettere in pericolo gli obiettivi della prossima stagione. La storia insegna… 

Nel frattempo in fase di uscita, va registrata l’offerta di biennale da 2,5 milioni del Manchester City per Marco Materazzi. Il difensore dell’Inter ci sta pensando, visto che vuole una squadra che lo metta in grado di giocare da titolare e in Premier avrebbe più chance, alla luce delle poche partite disputate quest’anno con Mourinho. Patrick Vieira invece pare snobbare il corteggiamento di Psg o al Lione – malgrado sia fuori dai piani tecnici dell’Inter – e assicura che prima di tutto incontrerà Mourinho in settimana e “in funzione di quello che mi dirà prenderò una decisione. Se sto bene fisicamente il mio posto è all’Inter”. Con il suo ingaggio che pesa non sarà facile trovare un accordo…


Tra Mourinho e Moratti è sceso il grande geloultima modifica: 2009-05-26T07:33:29+02:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento