Natale/ “Non regalate un seno nuovo alle voster figlie”. L’appello dei chirurghi italiani

covergirl151208.jpgcovergirl281108b.jpgcovergirl121208.jpgcovergirl021208.jpgcovergirl011208b.jpgcovergirl021208.jpg babbo_natale_sexy7180.jpg

Le vostre figlie vogliono un seno nuovo come regalo di Natale? I chirurghi dicono no. L’appello a non cedere alle richieste di adolescenti insoddisfatte del proprio aspetto arriva dai chirurghi estetici della Sicpre (Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica).
Da qualche anno – sottolinea una nota diffusa dalla Sicpre- sempre più ragazze di età inferiore ai 18-20 anni chiedono ai genitori, come regalo di Natale di compleanno, di promozione un intervento di chirurgia estetica.
Il fenomeno riguarda molti Paesi europei – in Germania 100 mila casi nel 2007 – e anche l’Italia, sebbene non ci siano dati precisi, è coinvolta dal problema. In occasione del periodo natalizio gli specialisti hanno voluto intervenire sul fenomeno sottolineando alcuni aspetti da tenere presente.

 

DIFFERENZE – “Va fatta una distinzione- precisa la nota- fra inestetismi stabili già durante l’adolescenza e che non possono modificarsi da soli (per esempio orecchie a ventola o naso non bello) e caratteristiche che semplicemente non corrispondono ai canoni di moda, che fra l’altro sono suscettibili ancora di trasformazioni oltre i vent’anni, fra cui il volume del seno e la distribuzione del grasso corporeo. Di conseguenza, è evidente che mentre un intervento estetico come la rinoplastica (correzione del naso) può essere ammissibile e utile anche a 16 anni, per il seno o per le liposuzioni il discorso è molto diverso”.

NO PRIMA DEI 20 ANNI – “In particolare, -ricordano i chirurghi- sotto i 20 anni l’aumento di seno non va mai praticato: fino a quell’età sono possibili modificazioni spontanee del suo volume dovute alle variazioni dell’assetto ormonale. Anche la riduzione del seno è sconsigliata nella maggior parte dei casi e può essere ammissibile solo in situazioni estreme. Stessi criteri per la liposuzione. Anche la distribuzione e il volume del grasso sono infatti influenzati dall’assetto ormonale. Intervenire chirurgicamente è giustificato solo in casi gravi”.

 

SI CAMBIA IDEA – “La chirurgia, afferma il professor Carlo D’Aniello, Presidente della Sicpre, “anche quella estetica, è un atto traumatico e mai privo di rischi, per quanto minimi. Quindi, nel dubbio che un inestetismo possa attenuarsi o addirittura sparire, è saggio aspettare. Tanto più che l’adolescenza è un’età di trasformazioni anche psicologiche, e ciò che appare insopportabile a 15 anni può diventare gradevole a 18 o 19. Inversamente, c’è anche il rischio che una correzione chirurgica eseguita troppo presto diventi sgradita col passare degli anni. Insomma, la chirurgia estetica richiede maturità sia fisica sia psichica”. In Germania è in discussione da qualche mese la proposta (della Cdu) di vincolare gli interventi al parere favorevole di due diversi chirurghi plastici, mentre altri dicono che basterebbe obbligare a un periodo di riflessione di 6 settimane tra visita e intervento.

La Sicpre non entra nel merito né si augura l’introduzione di norme di legge rigide sull’argomento. Però chiede a tutti i genitori e a tutti i chirurghi italiani di tenere conto responsabilmente di queste raccomandazioni. “Sono peraltro cose che i chirurghi plastici estetici sanno bene” dice il professor Francesco D’Andrea, Segretario Sicpre. “Ma i pazienti devono guardarsi da cliniche estere, da chirurghi provenienti da Paesi dove la nostra disciplina è praticata con troppa disinvoltura e anche da alcuni medici non specialisti in chirurgia plastica e ricostruttiva”.

affaritaliani

Natale/ “Non regalate un seno nuovo alle voster figlie”. L’appello dei chirurghi italianiultima modifica: 2008-12-18T15:38:32+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Natale/ “Non regalate un seno nuovo alle voster figlie”. L’appello dei chirurghi italiani

Lascia un commento