Società/ Il marito fotografa la moglie con l’amante in casa di lui? Non è violazione della privacy

 amanti420.jpg

Con sentenza 1-30 ottobre 2008, n. 40577 la sesta sezione penale della Cassazione ha stabilito che, se un marito, convinto di scoprire sua moglie con l’amante nell’appartamento di quest’ultimo, si apposta per fotografare i due e scoprire così in flagrante il tradimento, non commette alcuna violazione della privacy.

Nella fattispecie i due erano stati ripresi nel cortile dell’abitazione al momento dell’uscita e resosi conto di quanto era accaduto l’amante aveva reagito inseguendo il marito percuotendolo e strattonandolo al fine di recuperare il rollino fotografico contenente le immagini compromettenti, ed argomentando di essere stato oggetto di interferenze illecite nella sua vita privata.

Sul punto, la Corte rigettando il ricorso dell’amante afferma:La ripresa fotografica da parte di terzi – così come quella effettuata con videocamera, su cui si è recentemente pronunziata la Corte costituzionale in fattispecie concernente videoregistrazione a fini investigativi (sent. n. 149/2008)- lede la riservatezza della vita privata che si svolge nell’abitazione altrui o negli altri luoghi indicati dall’art. 614 c.p., e integra il reato d’interferenze illecite nella vita privata, previsto e punito dall’art. 615 bis c.p., sempreché vengano ripresi comportamenti sottratti alla normale osservazione dall’esterno, essendo la tutela del domicilio limitata a ciò che si compie in luoghi di privata dimora in condizioni tali da renderlo tendenzialmente non visibile a terzi.”

“Se l’azione, pur svolgendosi nei luoghi di privata dimora, può essere liberamente osservata dagli estranei, senza ricorrere a particolari accorgimenti … il titolare del domicilio non può evidentemente accampare una pretesa alla riservatezza” (sent. cit).

affaritaliani

Società/ Il marito fotografa la moglie con l’amante in casa di lui? Non è violazione della privacyultima modifica: 2008-12-10T15:37:00+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento