Sociale/ Giornata nazionale sui diritti umani. Amnesty: “Raggiunti grandi traguardi”

africa_diritti_umani4.jpgafrica_diritti_umani2.jpgafrica_diritti_umani3.jpg mine27.jpgmine24.jpgmine26.jpgmine20.jpgmine18.jpgmine12.jpg 

africa_diritti_umani.jpgmine3.jpgafrica_diritti_umani.jpgmine19.jpg

mine7.jpg

mine1.jpg

 

 

 

Oggi, 10 dicembre, si celebra il 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

Con il mondo ancora sconvolto dagli orrori che aveva portato con sé la Seconda Guerra Mondiale, infatti, nel 1948, a Parigi, fu firmato questo documento storico promosso e redatto dalle Nazioni Unite.

Per la prima volta nella storia dell’umanità, era stato prodotto un documento che riguardava tutte le persone del mondo, senza distinzioni.

Per la prima volta veniva scritto che esistono diritti di cui ogni essere umano deve poter godere per la sola ragione di essere al mondo, senza discriminazione di razza, sesso, cultura, lingua e religione.

 

 

 

 

 

Anche nel nostro paese, oggi, quell’evento viene ricordato con manifestazioni di diverso tipo promosse in tutte le grandi città. Ma chi in questi ultimi decenni si è battuto per il rispetto dei diritti umani ed in particolare contro la pena di morte, come Amnesty International, chiede, oggi, ai vari governi di fare del 60° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani un momento di azione e non di mera celebrazione.

Le insensate uccisioni a Mumbai, le migliaia di persone in fuga dal conflitto nella Repubblica Democratica del Congo, le ulteriori centinaia di migliaia intrappolate in condizioni terribili nel Darfur, a Gaza e nel nord dello Sri Lanka e infine una recessione economica globale che potrebbe spingere altri milioni nella povertà, creano una pressante piattaforma d’azione sui diritti umani” – si legge nel comunicato di Irene Khan, Segretaria generale di Amnesty International.

Grazie anche all’attivismo di organizzazioni come Amnesty, si sono raggiunti grandi traguardi in questo campo. Eppur non sembra, disorientati e frustrati come siamo dalle notizie di guerre, sciagure, torture, violazioni, esecuzioni sommarie che ci provengono da ogni area del pianeta. Proprio quest’anno si sono svolti i contestatissimi Giochi Olimpici in Cina, un paese da sempre nella lista nera dei diritti Umani. Che pur di non disturbare il normale svolgimento delle gare ha fatto di tutto per tacere lo scandalo del latte contaminato che ha prodotto centinaia di morti.
La stessa Amnesty International, ha voluto fare un bilancio di questi 60 anni – documentati negli annuari dei diritti umani per nazione che puntualmente pubblica  – in cui si afferma che:

I passi avanti nel campo dei diritti umani conseguiti negli scorsi sei decenni comprendono:
· l’adozione di trattati internazionali e di legislazioni nazionali; 
· il riconoscimento dei diritti delle donne e dei bambini;
· la creazione del Tribunale penale internazionale e i procedimenti per crimini di guerra e contro l’umanità da parte dei tribunali internazionali e, in alcuni casi, di quelli nazionali;
· l’istituzione dell’Ufficio dell’Alto Commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite e, in alcuni paesi, di commissioni nazionali sui diritti umani;
· la fine dell’uso della pena di morte in oltre due terzi del pianeta;
· i progressi nel controllo delle armi;
· un forte appoggio della società civile ai diritti umani, come attraverso la rete mondiale dei difensori dei diritti umani e delle organizzazioni per i diritti umani.

I fallimenti comprendono:
· le massicce violazioni dei diritti umani e del diritto umanitario nei conflitti armati;
· l’aumento degli attacchi dei gruppi armati e dei gruppi terroristici contro i civili;
· la violenza contro le donne e i bambini, compreso il reclutamento dei bambini e delle bambine soldato;
· la negazione dei diritti economici e sociali a milioni di persone che vivono in povertà;
· la corruzione e l’iniquità dei sistemi giudiziari di molti paesi;
· l’uso della tortura e di altre forme di maltrattamento;
· la negazione dei diritti dei rifugiati e dei migranti;
· gli attacchi agli attivisti, ai giornalisti e ai difensori dei diritti umani;
· la soppressione del dissenso in molti paesi;
· la discriminazione sulla base della razza, della religione, del genere e dell’identità. 
 
affaritalaini

Sociale/ Giornata nazionale sui diritti umani. Amnesty: “Raggiunti grandi traguardi”ultima modifica: 2008-12-10T16:05:00+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento