Milano/ La strage dei gatti

gattt4.jpggatt6.jpggattoopen.jpggatt3.jpggatt5.jpggatt2.jpg gatt1.jpg

Gatti massacrati di notte da cani di grossa taglia molto probabilmente di proprietà di un gruppo di punk e tossicodipendenti che stazionano spesso nella zona di Via Torino nel centro di Milano. Le segnalazioni sono giunte nei giorni scorsi al numero amico dell’ associazione italiana difesa animali ed ambiente che già da diversi mesi sta seguendo vicende simili che si ripetono con cadenza regolare nel cuore di Milano”.

E’ la denuncia dell’associazione Aidaa. “I punk che di giorno stazionano bighellonando nella zona di via Torino ma anche alle Colonne di San Lorenzo e Piazza Vetra con i loro cani che spesso vengono anche utilizzati per chiedere l’elemosina ( e forse anche aizzati contro persone sole che transitano nei parchi milanesi a scopo di rapina) una volta arrivata la notte liberano i propri cani affamati alla ricerca di cibo. Si tratta prevalentemente di cani di grossa taglia (pitbull ma anche dobermann ed in un caso mastino napoletano) ovviamente sprovvisti di qualunque microchip o tatuaggio di riconoscimento che scorazzano per le vie alla ricerca delle ciotole del cibo che viene lasciato prevalentemente per i gatti”.

“Ovviamente i feroci cani (dopati o comunque sottoposti spesso a sostanze calmanti) – sostiene Aidaa – non si limitano a svuotare le ciotole con la pappa dei mici, ma molto spesso si avventano sui medesimi gatti ammazzandoli. Le ultime segnalazioni parlano della morte di una quindicina di gatti nella zona compresa tra Via Torino, Via San Maurilio e Piazza San Sepolcro. In passato con lo stesso sistema era stata sterminata la colonia felina che viveva all’interno dell’ospedale Gaetano Pini in zona Crocetta sempre a Milano. In quel caso il fermo intervento dell’associazione Aidaa ma anche del personale dell’ospedale che aveva riferito e sottoscritto i fatti aveva portato alla soluzione del fenomeno, con l’allontanamento dei punk che dormivano in un capannone abbandonato a poche centinaia di metri in linea d’aria dalla zona dell’ospedale Gaetano Pini area di scorribanda per i loro cani affamati. Ora Aidaa sta raccogliendo le singole segnalazioni proprio per poter presentare nei prossimi giorni un dossier alla locale stazione dei carabinieri del centro di Milano in modo che si possa porre fine a questa vicenda e provvedere al sequestro degli animali (cani) ai punkabbestia”.

“Siamo assolutamente convinti della necessità di porre fine a questa orrenda situazione in cui cani affamati sbranano i gatti di Via San Maurilio e di Piazza San Sepolcro per contendere loro il cibo – dice Lorenzo Croce presidente nazionale Aidaa – noi riteniamo che si debba provvedere in tempi rapidi all’individuazione di questi cani ed al loro sequestro, in quanto fino ad oggi si sono limitati a uccidere i gatti prevalentemente nelle ore notturne ma non è da escludere se si tratta di cani sotto effetto di stupefacenti che gli stessi possano diventare aggressivi e pericolosi anche per le persone che vivono o semplicemente passano per quelle vie nella zona del centro di Milano”.


affaritaliani

Milano/ La strage dei gattiultima modifica: 2008-12-10T15:56:39+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento