Janine Habeck l’addio… alla Bundesliga porta fortuna alla Coniglietta

janinehabeck19.jpgjaninehabeck16.jpgjaninehabeck13.jpgjaninehabeck14.jpgjaninehabeck12.jpgjaninehabeck10.jpgjaninehabeck11.jpgjaninehabeck08.jpgjaninehabeck09.jpgjaninehabeck06.jpgjaninehabeck07.jpgjaninehabeck04.jpgjaninehabeck05.jpgjaninehabeck2.jpgjaninehabeck03.jpg janinehabeck02.jpg

janinehabeck01pic.jpgjaninehabeck1.jpgjaninehabeck0.jpgjaninehabeck.jpgWag? Macchè, meglio una carriera che si… regga sulle proprie gambe. Specie se… sono bellissime come quelle di Janine Habech. La  25enne di origini italiane (madre nata nel nostro caro Stivale) sta vivendo un momento magico ed è diventata una modelle più richieste del mondo dopo aver lasciato il talento del Bayern Monaco, Christian Lell. Una scelta di vita che due anni fa decise di chiudere la sua storia d’amore con il campione tedesco pur di privilegiare le sue aspirazioni lavorative. Una decisione rischiosa anche sotto questo punto di vista, a ben vedere, visto che, mollando una potenziale stella della Bundesliga (all’epoca aveva 22 ed era uno dei maggiori prospetti del calcio teutonico), sapeva anche di rinunciare a una fonte di… pubblicità gratuita. Altre stelline in carriera forse non l’avrebbero fatto, venendo a patti con il proprio cuore. Non Janine, che ha deciso di camminare da sola, conscia che l’amore non era la priorità in quel periodo della sua vita. E alla fine per la Coniglietta di Hugh Heffner (coniglietta del mese nel settebre 2006) la scelta ha pagato: oggi è una delle modella più richieste in Europa. Con buona pace dei tifosi della Bundesliga e del povero Lell, che, in verità, pur avendo maturato una gran numero di esperienza con la maglia del Bayern (ritorno alla casa base dopo due anni di prestito al Colonia), non è riuscito a esplodere nella nazionale maggiore. C’è tempo per riscattarsi comunque…


Janine Habeck

affaritaliani

 


Janine Habeck l’addio… alla Bundesliga porta fortuna alla Conigliettaultima modifica: 2008-11-17T09:20:00+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento