Mercati/ Tokyo vola. La Cina vara un piano da 600 mld

borsa.jpgborsaa.jpgborda.jpgbors.jpg

 

Raffica di rialzi sui mercati internazionali. L’Europa parte decisamente positiva e consolida i guadagni. A ridare fiducia agli investitori, il maxi-piano per l’economia del governo cinese che prevede misure per 585 miliardi. Balzo della Borsa giapponese: Nikkei +5,8%. Vola Shanghai. Petrolio in rialzo: barile sopra quota 63 dollari

LA GIORNATA IN DIRETTA

BORSE MONDIALI: ANDAMENTO LISTINI ORE 13.30

Borsa       Ultima rilevazione   var%    
 
Milano          17462     +3,06    aperta
Londra           4487     +2,79    aperta
Parigi           3588     +3,44    aperta
Francoforte      5093     +3,14    aperta
Zurigo           6205     +3,28    aperta
Amsterdam        0275     +3,37    aperta
Madrid           9412     +0,73    aperta

13:05 BORSA/ EUROPA ALLUNGA CON FUTURE USA IN RIALZO, PARIGI +4%

13:00 BORSE EUROPEE: PIANO FINANZIARIO DELLA CINA RISOLLEVA I MERCATI
Ci pensa la Cina a portare il buon  umore sui mercati europei dopo il saliscendi della scorsa settimana. Le borse del Vecchio Continente, infatti,  inaugurano la settimana con guadagni anche superiori ai tre punti percentuali in scia alle notizie provenienti da Pechino. In attesa del vertice del 15 novembre a Washington tra le maggiori potenze mondiali, infatti, la Cina interviene in modo massiccio per contrastare il rallentamento dell’economia annunciando un pacchetto straordinario di misure con tagli fiscali, investimenti in infrastrutture e per il credito per  complessivi da 4.000 miliardi di yuan, circa 570 miliardi di dollari. Il provvedimento del governo cinese, arrivato ieri d’urgenza, prevede complessivamente interventi in 10 aree con l’intento primario di stimolare al massimo la domanda interna visto il brusco calo delle esportazioni che si e’ avuto in diversi campi.  Al giro di boa di meta’ seduta, quindi, in Europa regna l’euforismo con Amsterdam che guadagna il 4,02%, Bruxelles il 2,95%, Parigi il 3,62%, Francoforte il 3,56%, Londra il  3,20%, Madrid l’1,32% e Zurigo il 3,4%. Oggi in Usa, poi, occhi puntati sul faccia a faccia tra il  presidente uscente degli Stati Uniti, George W. Bush, e il neoletto Barack Obama, in assenza di dati macroecnomici.

12:03 BORSE EUROPEE PROSEGUE IL RALLY A META’ SEDUTA
Continuano a correre a meta’ seduta le piazze del vecchio continente sulla scia dei forti rialzi registrati in chiusura dalle borse asiatiche, trainate dal piano di stimolo per l’economia da 586 miliardi di dollari annunciato dal governo cinese. A Londra l’indice Ftse100 sale del 3,56%, il Dax di Francoforte e’ in rialzo del 3,95%, il Cac40 di Parigi cresce del 4,02%, il Mibtel di Piazza Affari guadagna il 3,21%, lo Smi di Zurigo prende il 3,56%, mentre l’Ibex di Madrid sale dell’1,2%.

11:07 EURIBOR SCENDE A NUOVI MINIMI DI 7 MESI
Continuano a scendere i tassi interbancari. L’Euribor a tre mesi, su cui vengono indicizzati i mutui per l’acquisto degli immobili, e’ calato al 4,406% dal 4,474% di venerdi’ scorso, toccando i nuovi minimi da marzo. Cali meno marcati per il tasso a sei mesi, che passa dal 4,544% al 4,475%, e quello a una settimana, che scende dal 3,484% al 3,383%.

10:33 PETROLIO, MINISTRO QATAR: TIMORI PER PREZZO SOTTO 70 DOLLARI
Il prezzo del petrolio dovrebbe  attestarsi oltre i 70 dollari al barile al fine di incoraggiare un aumento degli investimenti nella capacita’ produttiva e allo scopo di scongiurare future crisi negli approvvigionamenti. E’ questa l’opinione del ministro del Petrolio del Qatar, Abdullah bin Hamad al-Attiyah, che ha parlato con i cronisti a margine di una conferenza sull’energia. “Al momento, stiamo assistendo a un livello dei prezzi del petrolio che mi fa temere – ha spiegato – una nuova crisi per i rifornimenti a breve o a medio termine. Un prezzo inferiore ai 70 dollari non incoraggia le compagnie ed i produttori di petrolio a fare investimenti”. Attiyah ha aggiunto che e’ troppo presto per dire se l’Opec tagliera’ nuovamente nel meeting di dicembre.

09:38 MILANO, PRIMA FASE IN RIALZO CON EUROPA DOPO ASIA, MIBTEL +3,03%
Prima fase delle contrattazioni in rialzo per la Borsa: riprende dunque il recupero che ha caratterizzato anche la scorsa settimana, grazie anche al buon andamento delle piazze asiatiche in seguito all’intervento a sostegno dell’economia annunciato dal governo cinese. A Milano come nelle altre piazze azionarie europee prevalgono gli acquisti su tutti i principali titoli e l’indice Mibtel, dopo mezz’ora di attivita’, sale del 3,03%. La domanda e’ particolarmente concentrata sui settori piu’ penalizzati dalle vendite del lungo periodo ribassista: i bancari registrano le performance positive di Unicredit (+3,24%), Bpm (+4,05%), Intesa Sanpaolo (+2,91%), gli energetici quelle di Eni (+3,51%) e Saipem (+3,07%) con il petrolio di nuovo sopra 63 dollari, ma anche Enel (+3,27%) in vista della trimestrale; gli industriali Fiat (+3,8%) e Prysmian (+2,94%), i telefonici Telecom (+3,95%), Tiscali (+5,81%), e ancora assicurativi (Generali +2,15%, FonSai +2,68%) e editoriali (Espresso +4,17%).

09:24 SANTANDER VARA AUMENTO CAPITALE DA 7,2 MLD
Il Santander vara un aumento di capitale da 7,2 miliardi di euro. La ricapitalizzazione – spiega il gruppo bancario spagnolo – punta a rafforzare il patrimonio dell’istituto che nel terzo trimestre ha realizzato un risultato netto di 2,2 miliardi di euro confermando il target di raggiungere i 10 miliardi di euro per l’intero esercizio.

09:14 PETROLIO SALE SOPRA 63 DOLLARI SU PIANO CINA E PAROLE KHELIL
La conferma da parte del presidente dell’Opec, Chakib Khelil, della possibilita’ di nuovi tagli alla produzione e il piano di stimolo per l’economia annunciato dalla Cina fanno risalire le quotazioni del greggio sui mercati asiatici. Il light crude sale di 2,13 dollari a quota 63,17 dollari al barile. Il Brent avanza di 2,14 dollari a 59,49 dollari al barile.

09:01 MILANO, INDICI IN RIALZO IN APERTURA, MIBTEL +2,3%
Indici in rialzo in apertura di seduta di Borsa: il primo Mibtel sale del 2,3% a 17.333, mentre l’AllStars e’ in rialzo dello 0,81% a 9.527. L’S&P/Mib sale del 2,99% a 22.567.

09:01 BORSE EUROPEE, PARTENZA IN RECUPERO: FRANCOFORTE +2,60%
Avvio in deciso recupero sulle borse europee. Francoforte sale del 2,60% e sulla stessa linea Parigi. A Londra l’indice Ftse-100 guadagna il 2,34%, Madrid sale dell’1,44% e Zurigo del 2,64%.

09:00 BORSA LONDRA, FTSE-100 IN RIALZO (+1,46%)
Avvio in recupero alla borsa di Londra. L’indice Ftse-100 alla prima rilevazione registra un progresso dell’1,46%.

08:49 BORSE ASIA, A SHANGHAI BALZO DEL 7% SU MAXI-PIANO DELLA CINA
Borse asiatiche in deciso recupero grazie a Wall Street e soprattutto al piano annunciato ieri dalla Cina di un intervento a sostegno dell’economia da quasi 600 miliardi di dollari. La borsa di Shanghai in evidenza con l’indice in rialzo del 7,27% trainato dagli acquisti sul settore costruzioni e minerari. Forti recuperi anche sui listini dell’Asia Pacifico. Hong Kong segna un rialzo del 3%, Seul recupera l’1,60%, Jakarta sale di mezzo punto come Bangkok mentre Singapore recupera l’1,55%.

08:29 EURO APRE IN RIALZO, IL DOLLARO AVANZA SULLO YEN
Apertura in rialzo sull’euro, che sale a quota 1,2817 dollari, contro il cambio a 1,2756 dollari fissato venerdi’ dalla Bce. Il biglietto verde si rafforza pero’ sulla divisa giapponese, avanzando a quota 99,09 yen, per il balzo della borsa di Tokyo, che aumenta la propensione al rischio degli investitori che tendono a rifugiarsi meno nella moneta nipponica. A quota 127,02 il cambio euro/yen.

08:15 BORSA TOKYO, NIKKEI CHIUDE IN FORTE RECUPERO (+5,80%)
Seduta in sensibile recupero a Tokyo. L’indice Nikkei ha terminato le contrattazioni mettendo a segno un balzo del 5,81%, tornando sopra la soglia psicologica di 9 mila punti.

08:00 PECHINO VARA MAXI-PIANO DA 585 MLD DOLLARI PER SOSTEGNO ECONOMIA
La Cina vara un maxi-piano a sostegno dell’economia. Le autorità di Pechino hanno messo a punto un pacchetto di interventi da 4 mila miliardi di yuan, pari a circa 585 miliardi di dollari che prevede massicci investimenti pubblici nell’edilizia e infrastrutture.


affaritaliani

Mercati/ Tokyo vola. La Cina vara un piano da 600 mldultima modifica: 2008-11-10T15:48:42+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento