Obama? Uno straordinario caso di marketing

obama-ap2.jpgobama_presidente_ammevi491.jpgobama_presidente_ammevi141.jpgobama_presidente_ammevi43.jpgobama_presidente_ammevi42.jpgobama_presidente_ammevi41.jpgobama_presidente_ammevi40.jpgobama_presidente_ammevi36.jpgobama_presidente_ammevi39.jpgobama_presidente_ammevi35.jpgobama_presidente_ammevi34.jpgobama_presidente_ammevi32.jpgobama_presidente_ammevi33.jpgobama_presidente_ammevi30.jpgobama_presidente_ammevi31.jpgobama_presidente_ammevi.jpgobama_presidente_ammevi1.jpg 

Il caso Obama irrompe, col suo esplosivo carico di innovazione, non solo nella politica ma anche nel mondo del business. In Fiat, ad esempio, dieci persone della direzione Comunicazione sono state incaricate di studiare nei dettagli la parabola vincente del neroafricano che ha conquistato la Casa Bianca. E di scrivere un dettagliatissimo dossier per il responsabile, Giovanni Perosino, l’uomo a cui viene riconosciuto il merito di aver rilanciato marchi e brand che sembravano commercialmente compromessi e in via di definitiva archiviazione come Lancia, Alfa, Fiat, Musa, Cinquecento facendone dei prodotti trendy.


Giovanni Perosino

Il giovane manager atletico e fascinoso che con i suoi gessati, i braccialetti e i capelli lunghi sembra un modello di Dolce e Gabbana, ha rivelato il retroscena su Obama intervenendo all’Iab, il meeting annuale dell’associazione dell’advertising online tenutosi a Milano il 5 e 6 e organizzato con grande autorevolezza dalla presidente Layla Pavone. Affaritaliani.it ha chiesto a Perosino di raccontare ai suoi lettori quel che alla platea dell’Iab, circa 4 mila professionisti del web accorsi alla Fiera di Milano, ha solo accennato.

Allora, dottor Perosino, Obama un caso di marketing?
“Totale”.

Sta dicendo che il presidente degli Usa è il prodotto di strategie e tecniche di comunicazione?
“Sì, totale. Per questo ho messo al lavoro una decina di persone del mio team, guidate da un londinese e da un italiano, dalle quali voglio sapere tutto di Barack Obama. Mi intriga, mi affascina. E anche loro ne sono stregati”.

 

La sua sembra una bestemmia… Il primo presidente degli Stati Uniti come la Coca Cola?
“E come definire diversamente la storia di un uomo pressoché sconosciuto che un anno e mezzo fa, nel febbraio del 2007, dice: ma sì, sapete che c’è di nuovo? Che voglio diventare il presidente degli Stati Uniti. E il bello è che lo diventa davvero”.

Non per le sue idee e i suoi valori ma perché usa bene la leva del marketing, dice lei…
“Certo. E’ il progetto di marketing più bello mai realizzato al mondo. Obama si è detto: io sono un prodotto e come tale vado lanciato. Devo studiare  il contesto, il mercato, i competitors, i miei punti di forza e di debolezza, quelli dei miei avversari, devo scegliere un posizionamento e un linguaggio. E devo costruire un messaggio che entri nella testa dell’elettore-consumatore”.

affaritaliani
————-

Obama? Uno straordinario caso di marketingultima modifica: 2008-11-07T07:58:07+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento