Focus mercati/ Borse, Milano è di nuovo in rosso. Bce: giù i tassi al 3,25%. Forse nuovi tagli

trichet1.jpgLe borse europee tracollano e bruciano 300 miliardi in una sola seduta per la paura di una lunga recessione mondiale, proprio nel giorno in cui la Bce taglia i tassi di mezzo punto, portandoli al 3,25%. La mossa delude i mercati, che si aspettavano un taglio più aggressivo, anche alla luce della decisione della Banca d’Inghilterra di tagliare i tassi di un punto e mezzo, portandoli al 3%. L’abbassamento del costo del denaro non vince il timore della crisi economica e finanziaria, mentre il Fmi parla di recessione globale nel 2009.

A Londra l’indice Ftse 100 arretra delo 5.70% a 4.272,41 punti. Milano perde il 4,68% a 16.715 punti (vedi box), Francoforte cede del 6,84% a 4.813,57 punti e Parigi cala del 6,38% a 3.387 punti.

Insomma, le banche centrali scendono di nuovo in campo ma non riescono a evitare il tracollo dei mercati e il Fondo Monetario conferma l’allarme recessione nel 2009 per le economie piu’ avanzate abbassando ulteriormente le stime di crescita mondiale. Il Pil globale, in base alle stime contenute nell’aggiornamento del World Economic Outlook, crescera’ quest’anno del 3,7% per poi rallentare al 2,2% il prossimo.

E le cose si mettono peggio anche per l’Italia, unico Paese che, in base allo studio, sperimentera’ una recessione gia’ quest’anno con un calo del Pil dello 0,2% (-0,1%) per poi avventurarsi in un 2009 di passione in negativo dello 0,6% (-0,8%). Per il Belpaese l’unica magra consolazione e’ che l’anno prossimo l’economia italiana potrebbe fare meglio di quella tedesca, attesa in contrazione dello 0,8% (-0,8%) e di quelle statunitense e spagnola, che dovrebbero entrambe registrare un -0,7% (con un taglio rispettivamente dello 0,8% e dello 0,5% rispetto a un mese fa). Questo perche’ tra i Paesi dell’area euro l’Italia risulta “meno colpita” nonostante il potenziale di crescita sia “relativamente basso”.

Intanto dopo l’intervento coordinato ai primi di ottobre, la Bce non esclude ulteriori tagli a partire dal prossimo vertice di dicembre. Una mossa ampiamente attesa dai mercati che non riesce appunto a dare slancio alle borse, che restano in rosso.

Per il numero uno dell’Eurotower, Jean-Claude Trichet, migliorano le propspettive di inflazione nell’area euro ma restano “straordinariamente alte le incertezze” sul futuro dell’economia con un “significativo rallentamento della crescita”. Trichet non parla di recessione, ma nemmeno la esclude rinviando un’analisi piu’ approfondita a dicembre, quando disporra’ di dati piu’ certi. L’allarme lanciato dagli organismi finanziari alimenta il nervosismo e la paura sui mercati.


affaritaliani

Focus mercati/ Borse, Milano è di nuovo in rosso. Bce: giù i tassi al 3,25%. Forse nuovi tagliultima modifica: 2008-11-07T08:07:23+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento