Previsioni nere/ L’Ue: l’Italia è in recessione. “Ci resterà anche il prossimo”

Crescita zero in Italia nel 2008 e recessione già in atto nell’eurozona. E’ questo il quadro dipinto dalle nuove stime diffuse oggi dalla Commissione Europea. Secondo i dati, il nostro paese registrera’ una crescita zero quest’anno e nel prossimo mentre nel 2010 il pil tornera’ a crescere al +0,6%. Le precedenti stime Ue cifravano una crescita del pil italiano pari allo 0,5% per quest’anno e allo 0,8% per il prossimo. L’inflazione crescera’ quest’anno del 3,6%; nel 2009 e’ previsto un rallentamento al 2%, mentre nel 2010 Bruxelles stima un +2,1%. Il rapporto deficit-pil dell’Italia salira’ nel 2008 al 2,5% e al 2,6% nel 2009.

Nel 2010 il rapporto deficit-pil scendera’ al 2,1%. Il debito pubblico italiano si attesterà nel 2008 al 104,1%, nel 2009 salira’ al 104,3% e nel 2010 scendera’ al 103,8%. I dati sull’eurozona rilevano poi che i 15 paesi dell’area sono entrati in recessione. Dopo essere cresciuta dello 0,7% nel primo trimestre, l’economia dell’area e’ arretrata dello 0,2% nel secondo trimestre e scendera’ dello 0,1% nel terzo e nel quarto trimestre. Complessivamente il Pil dell’eurozona dovrebbe crescere dell’1,2% nel 2008 per poi salire di appena lo 0,1% nel 2009.

Si tratta della prima recessione nell’area euro dall’introduzione della moneta unica. Anche l’economia della Ue nel suo complesso dovrebbe registrare una recessione, con una contrazione dello 0,1% nel terzo e nel quarto trimestre del 2008. Il tasso di disoccupazione nell’eurozona e’ poi destinato a salire di oltre l’1% nel 2010: salira’ dal 7,6% di quest’anno all’8,4% nel 2009, per poi arrivare all’8,7% nel 2010.

L’inflazione dell’eurozona crescera’ nel 2008 del 3,9%. Nel 2009 l’indice registrera’ un +2,4%, mentre per il 2010 e’ previsto un +2,2% a politiche invariate. Per l’anno in corso la previsione precedente era del 3,6%. La recessione economica avra’ conseguenze anche sul bilancio dei paesi dell’area euro, con un aggravarsi del rapporto deficit/pil.

Nell’eurozona, secondo le stime, il rapporto deficit/pil passera’ dall’1,3% all’1,9% dal 2008 al 2009. La Francia violera’ il patto di stabilita’ nel 2009, con un deficit/pil al 3,5%, sopra il tetto massimo del 3% consentito. Il debito pubblico dell’eurozona si attestera’ nel 2008 al 66,6% del Pil e nel 2009 al 67,2%. Nel 2010 il debito continuera’ a crescere fino al 67,6%.

“L’orizzonte economico si e’ notevolmente oscurato per le conseguenze della crisi finanziaria sull’economia dell’Unione Europea, crisi che si e’ aggravata nel corso dell’autunno e sta pesando sulla fiducia degli investitori e dei consumatori – ha dichiarato il commissario Ue agli Affari Economici – Joaquin Almunia – La situazione nei mercati resta precaria e la crisi non e’ ancora superata. Questo significa che la crescita sara’ piu’ debole. La crisi sta aggravando gli squilibri macroeconomici in diversi paesi“.


Previsioni nere/ L’Ue: l’Italia è in recessione. “Ci resterà anche il prossimo”ultima modifica: 2008-11-04T10:30:49+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento