Droga/ Bimbo di otto anni costretto a spacciare a Palermo. Il nonno a capo dell’organizzazione

Martedí 21.10.2008 09:16

Un pregiudicato di Casteldaccia, paese alle porte di Palermo, aveva costretto tutti i componenti della sua famiglia a spacciare droga, compreso il nipotino di otto anni. L’uomo è stato arrestato martedì mattina dai carabinieri del comando provinciale insieme ad altre otto persone. Lo spaccio della droga è stato ripreso dai carabinieri con alcune telecamere nascoste, e in diverse immagini si vede il bambino di 8 anni che vende lo stupefacente.

NOVE ARRESTITutto si svolge tra i comuni di Palermo, Bagheria e Casteldaccia. L’operazione è stata denominata “Pater Familias” perché coinvolge tutti i familiari. Oltre alle nove persone arrestate su ordinanza di custodia cautelare in carcere, altre sei, di cui tre minorenni sono stati denunciati a piede libero. Tutti sono accusati di aver organizzato un vasto traffico di stupefacenti, rifornendo le piazze per lo spaccio al dettaglio nelle aree limitrofe al capoluogo siciliano.

Il presunto capo dell’organizzazione, che è un pregiudicato, secondo l’accusa ha coinvolto nell’attività figli, genero e nipoti, realizzando una vera e propria ditta dello spaccio a conduzione familiare. Sono in corso perquisizioni, in cui sono impegnati 200 carabinieri supportati da quattro unità cinofile e da due elicotteri.

AFFARITALIANI


Droga/ Bimbo di otto anni costretto a spacciare a Palermo. Il nonno a capo dell’organizzazioneultima modifica: 2008-10-21T11:21:21+02:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento