Mercati/ Effetto piano Ue: Borse in recupero

951821649.jpg

Convince il piano anti-crisi messo a punto dall’Eurogruppo. In forte rialzo le Borse europee: Piazza Affari +7%. Raffica di sospensioni al rialzo: Mondadori, Fastweb, Bpm, Banco Popolare, Mediolanum, Enel, Unipol, Unicredit, Eni, Eni, Tenaris, Fiat e Seat. Seduta positiva sui mercati asiatici. Alle 15, consiglio dei ministri straordinario. La GB pomperà 37 mld di sterline in tre grandi banche per ricapitalizzarle. La Germania stanzia 400 mld

LA GIORNATA IN DIRETTA

15:38 BUSH, AZIONI RISOLUTE PER PLACARE MERCATI
George W. Bush ha promesso di portare avanti “azioni risolute” per placare “le turbolenze dei mercati finanziari”. Il presidente americano ha parlato accogliendo alla Casa Bianca il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, in occasione del Columbus Day.

15:33 WALL STREET, DOW JONES APRE IN DECISO RECUPERO (+4,20%)
Avvio in deciso recupero a Wall Street. Il Dow Jones registra dopo i primi scambi un progresso del 4,20% mentre il Nasdaq sale di oltre il 5%.

15:01 EURIBOR, TASSI MIGLIORANO
Finalmente possono migliorare le rate dei mutui: i tassi interbancari, infatti, dopo l’accordo di Parigi e l’approvazione di una serie di piani europei di salvataggio del sistema bancario, scendono. L’Euribor a tre mesi arretra al 5,318% dal 5,381%. L’equivalente a una settimana scende per il terzo giorno consecutivo al 4,369% dal 4,629%. Il tasso a sei mesi cala al 5,367% dal 5,431%.

14:49 MORGAN STANLEY, GIAPPONESE MUFG COMPRA 21% MA RINEGOZIA INTESA
Mitsubishi Financial Group (Mufg) annuncia di aver acquistato una quota del 21% di Morgan Stanley per 9 miliardi di dollari. I giapponesi hanno pero’ rinegoziato l’accordo iniziale, prendendo solo azioni privilegiate, invece che un mix di titoli ordinari e privilegiati come avevano programmato in precedenza.

14:21 GERMANIA APPROVA PIANO DA 480 MILIARDI
Il governo tedesco ha approvato un piano da 480 miliardi di euro per il salvataggio del sistema bancario. Il piano prevede 80 miliardi di euro per la ricapitalizzazione delle banche in crisi e 400 miliardi di euro per le garanzie sui prestiti interbancari. Le misure, che il governo ha definito consultandosi con la banca  centrale, le autorita’ di controllo e l’associazione dei banchieri, mirano a “stabilizzare il mercato finanziario, assicurando un rifornimento di capitali all’economia e garantendo la sicurezza dei risparmiatori e degli investitori”. “Un mercato cosi’ inusuale – scrive il ministero delle Finanze in un comunicato – richiede l’adozione di misure inusuali. Non vogliamo proteggere solo le banche ma anche le altre istituzioni finanziarie e i cittadini”. “Il governo – si legge nella nota – e’ convinto che affrontare questi pericoli sia una priorita’ affinche’ sia ristabilita la fiducia nel nostro sistema finanziario”. Le misure includono anche l’abbandono di certe procedure contabili che hanno contribuito a rendere piu’ difficile la crisi e che le imprese potranno applicare nel terzo trimestre che termina il 30 settembre.

14:01 GUZZETTI, INTESA SAN PAOLO REGGERA’ BENE
“La banca e’ bene amministrata e reggera’ anche queste temperie mondiali. Siamo molto tranquilli e fiduciosi”. Il Presidente dell’Acri, Giuseppe Guzzetti, ha risposto in questo modo ai giornalisti che, a Firenze, gli chiedevano delle prospettive di Intesa San Paolo, anche alla luce dell’attuale crisi. Relativamente all’ipotesi che anche Intesa debba affrontare un’operazione sul capitale, Guzzetti ha poi ha aggiunto: “queste domande bisogna porle agli amministratori della banca; noi siamo investitori finanziari e diamo supporto ai nostri manager di cui ci fidiamo. Fino ad ora questi hanno operato bene. Abbiamo motivo di ritenere – ha concluso Guzzetti – che lo faranno anche in futuro”.

13:04  SPAGNA, DEPOSITI GARANTITI FINO A 100MILA EURO
Il governo spagnolo garantirà i prestiti interbancari per un massimo di 100 miliardi di euro nel 2008. Garanzie sull’indebitamento bancario saranno poste in essere fino al 2009.

12:47  UE: “CON CRISI INEVITABILE PEGGIORAMENTO DEI CONTI PUBBLICI”
“Assisteremo inevitabilmente a un deterioramento delle finanze pubbliche in Europa”. Così la portavoce del commissario Ue agli Affari economici, Joaquin Almunia. Il peggioramento è una conseguenza dei costi della crisi finanziaria, del calo delle entrate e dell’aumento della spesa pubblica “soprattutto nei paesi in cui aumenta la disoccupazione”.

12:44  BORSA ISLANDESE RIPRENDE DOMANI LE CONTRATTAZIONI
La Borsa di Reykjavik, sospesa da giovedì, riprenderà le contrattazioni domani, con un giorno di ritardo rispetto a quanto inizialmente previsto. Lo ha comunicato la stessa Borsa. L’Islanda sta attraversando una crisi senza precedenti, tutte le banche del paese sono crollate e il Paese è sull’orlo della bancarotta.

12:22  TITOLI BANCARI ANCORA IN FORTE RIALZO
Seduta di forti guadagni per i principali titoli bancari di Piazza Affari (Mibtel +7,2%) grazie alla mossa manovra anticrisi adottata nel fine settimana dall’Unione Europea. In Europa il settore sale mediamente del 6,5 per cento (Dj Stoxx Banks). A trarne vantaggi sono, oltre a UniCredit (+4,85% a 2,4 euro), il Banco Popolare (+17% a 9 euro), Bpm (+13% a 4,27 euro) e Intesa SanPaolo (+9,83% a 3,18 euro).

12:16  OBAMA: OGGI DISCORSSO PER ILLUSTRARE SUO PIANO ECONOMICO
Il candidato democratico alla Casa Bianca Barack Obama terrà oggi un importante discorso in cui illustrerà un piano di salvataggio per aiutare la classe media, a fronte della crisi finanziaria. Il piano sara’ illustrato in un discorso a Toledo, in Ohio, alle 19,30 ora italiana. Lo ha reso noto il suo staff elettorale.

12:15  BROWN ALL’EUROPA: “COSTRUIRE NUOVA BRETTON WOODS”
“Dobbiamo costruire una nuova Bretton Woods”. Lo ha detto il premier britannico, Gordon Brown, annunciando che al Consiglio europeo sarà avanzata la proposta di convocare un summit dei leader mondiali per porre le basi di un nuovo sistema finanziario globale. A suo giudizio, è necessaria “una nuova architettura finanziaria, per gli anni a venire. Certe volte ci vuole una crisi affinchè la gente capisca che ciò che è ovvio e che doveva essere fatto anni fa non può più essere rinviato”.

12:01  BROWN: “NO A PREMI MANAGER BANCHE RICAPITALIZZATE”
Il primo ministro britannico Gordon Brown avverte che i dirigenti delle tre banche che sono state oggi parzialmente nazionalizzate dal governo britannico non riceveranno alcun bonus a fine anno. “Non ci saranno gratifiche. In futuro, la remunerazione sarà basata sulla sola performance e sulla creazione di valore a lungo termine”, ha detto il premier.

12:00 WALL STREET, FUTURE IN FORTE RECUPERO
Si annuncia una partenza in deciso recupero a Wall Street. I future sugli indici principali mostrano un robusto rialzo dopo gli impegni annunciati dai governi per restaurare la fiducia sui mercati finanziari. Il future sul Dow Jones sale del 4,80% mentre l’indice S&P 500 mette a segno un recupero di oltre il 6%.

11:23 FRANCIA, VOCI SU PIANO DA 40 MILIARDI
Il governo francese starebbe preparando un piano da 40 miliardi di euro per assumere partecipazioni nelle banche in difficolta’. Lo rivela il notiziario del Dow Jones. L’ufficio di presidenza della Repubblica francese e il ministero delle Finanze replicano con un no comment alla notizia.

11:06 OK FED A WELLS FARGO PER ACQUISTO WACHOVIA
Via libera della Federal Reserve a Wells Fargo per l’acquisizione della rivale Wachovia, un accordo che potrebbe portare alla nascita della prima banca statunitense per montante di depositi. La decisione della banca centrale americana e’ stata presa all’unanimita’ dopo che Citigroup ha deciso di rinunciare alla sua battaglia legale per bloccare l’offerta di Wells Fargo. Quest’ultima ha messo sul piatto 15,1 miliardi di dollari in azioni, senza sostegno governativo, per rilevare la quarta banca americana mentre Citigroup aveva offerto 2,16 miliardi di dollari, sempre in titoli, ma solo per le attivita’ bancarie e i debiti, e con garanzie governative. Quando la fusione sara’ completata nascera’ un colosso con 1.421 miliardi di dollari di asset, 280 mila dipendenti, 48 milioni di clienti e 786 miliardi di dollari di depositi.

10:56 FRATTINI, L’ITALIA E’ IN UNA POSIZIONE MIGLIORE
“L’Italia e’ in una posizione migliore e deve semplicemente confermare quello che ha fatto la Settimana scorsa”. Secondo il ministro degli Esteri Franco Frattini, “abbiamo un meccanismo fluido per dare liquidita’ agli istituti di credito senza norme straordinarie oltre a quelle di ieri. Secondo il titolare della Farnesina, “l’obiettivo numero uno delle proposte di ieri e’ un flusso di liquidita’ che non si interrompe, ed il meccanismo prevede che le banche in difficolta’ abbiano liquidita’ dalle banche centrale e queste a loro volta dalla Banca Centrale Europea”.

10:46 GERMANIA PREPARA PIANO DA 470 MILIARDI
Il ministro delle Finanze tedesco, Peer Steinbrueck fa sapere che il piano di salvataggio delle banche sara’ presentato oggi in una riunione del gabinetto del governo. Il piano, secondo quanto riferiscono fonti governative, sarebbe di 470 miliardi di euro, di cui 400 miliardi di garanzia per i prestiti delle banche fino a 31 dicembre 2009 e 90 miliardi per ricapitalizzare le banche in difficolta’.

10:38 MILANO ACCENTUA RIMBALZO (+7,3%), BENE PIANO ANTICRISI
Il piano salvabanche annunciato ieri dai leader dell’eurogruppo ha subito registrato gli effetti sperati nei mercati azionari europei e piazza Affari non fa eccezione. Dopo poco piu’ di un’ora di attivita’, il Mibtel risale di oltre il 7% (+7,3%il Mibtel), in netto recupero dopo la settimana nera che aveva fatto perdere agli indici oltre il 21%. A recuperare terreno sono soprattutto i titoli bancari (Intesa Sanpaolo sale del 12,41%, Unicredit del 6,03%, Bpm del 9,19%) e gli energetici, che beneficiano del recupero del prezzo del petrolio (Eni +6,32%, Saipem +6,68%) ma anche Enel +8,65%. Bene fra gli assicurativi FonSai (+8,95%) e Mediolanum (+7,08%), fra i titoli inizialmente sospesi. Ma salgono anche le quotazioni delle Tlc, con Telecom Italia a +7,87% e Fastweb che resta sospesa per eccesso di rialzo, mentre fra gli industriali Fiat fa +11,56% e fra i titoli delle costruzioni sale Impregilo (+10,96%).

10:23 SANTANDER PUNTA SU 100% AMERICANA SOVEREIGN
Il Santander, la prima banca spagnola, conferma di essere interessata a rilevare il 100% della banca americana Sovereign Bancorp, anche se non e’ stato ancora raggiunto alcun accordo. Secondo fonti vicine all’operazione la banca spagnola e’ in trattative avanzate per assumere il pieno controllo di Sovereign, di cui gia” detiene il 24,9%. Il Santander dovrebbe pagare 3,81 dollari ad azioni, valutando la banca 2,53 miliardi di dollari.

10:16 BORSE EUROPEE, CONTINUA RALLY
Continua il rally delle principali borse europee, dopo il piano salva-banche deciso ieri a Parigi e la ricapitalizzazione da 37 miliardi di sterline decisa da Londra in tre grandi banche. A Londra l’indice Ftse 100 avanza del 5,7%. A Milano il Mibtel sale del 6,98% e il Dax di Francoforte va su’ del 5,5%. Parigi avanza del 6.78%.

09:51 CAMBI, EURO IN RIALZO SUL DOLLARO, IN CALO SULLO YEN
Euro in rialzo stamane nei confronti del dollaro, ma in calo rispetto allo yen all’apertura dei mercati valutari europei. La moneta unica viene scambiata a 1,3621 dollari e 136,79 yen.

09:21 MILANO, NETTO RIMBALZO,+5,88% DOPO RIAMMISSIONE TITOLI SOSPESI
Il recupero di piazza Affari si fa decisamente piu’ consistente dopo un’apertura prudente: lo scatto degli indici (il Mibtel sale di quasi il 6% dopo un quarto d’ora di contrattazioni e un’apertura a +2,71%) coincide con la riammissione di numerosi titoli fra quelli inizialmente sospesi per eccesso di rialzo. In particolare, due fra i piu’ capitalizzati del listino, Eni e Unicredit, non erano risultati idonei all’apertura e sono quindi entrati in contrattazione dopo diversi minuti. Restano ancora sospesi alcuni titoli come Fastweb, Mediolanum e Mondadori.

09:12 MILANO, TRA LE BLUE CHIP MOLTI TITOLI CONGELATI PER ECCESSO RIALZO
Molti titoli del paniere S&P Mib non riescono ad entrare in contrattazione a Piazza Affari per eccesso di rialzo. In particolare Mondadori, Fastweb, Bpm, Banco Popolare, Mediolanum, Enel, Unipol, Unicredit, Eni, Eni, Tenaris, Fiat e Seat.

09:05 BORSE EUROPEE: PARTONO A RAZZO
Partenza in forte rialo per le principali borse europee dopo il piano salva-banche deciso dai paesi europei. Anche le piazze asiatiche vanno bene, mentre Tokyo resta chiusa per festivita’. La Gran Bretagna pompera’ 37 miliardi di sterline in tre grandi banche per ricapitalizzarle. A Londra l’indice Ftse 100 avanza dell1,07% e poi cresce del 5%. A Milano il Mibtel sale del 2,71% e il Dax di Francoforte va su’ del 2.1%. Madrid cresce del 5,65%. Zurigo sale del 6,7%. Londra apre di poco sopra l’1% e poi schizza in alto del 5% a 4.130 punti. A Milano il Mibtel parte a 15.856 punti a +2,7% e ora sale del 5,7%. Francoforte adesso guagagna il 5%. A Parigi il Cac 40 apre in rialzo del 4,52% a 3.346,68 punti e adesso sale di oltre il 6%. Anche Amsterdam sale di oltre il 5%.

09:03 MIBTEL APRE IN RIALZO (+2,71%)
Avvio in recupero a Piazza Affari. Il Mibtel registra un +2,71% mentre l’indice S&P Mib segna un +1,68%.

09:00 SACCONI, PIANO STRAORDINARIO PER CHI PERDE POSTO LAVORO
“Stiamo pensando ad un piano straordinario per coloro che in questa stagione possono perdere il loro posto di lavoro”. Lo ha confermato il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, intervenendo stamani ad ”Antenna Tre.  Dopo aver sottolineato come la recessione sia mondiale, Sacconi ha sottolineato che ”anche la risposta e’ globale” e questo ”dovrebbe mettere sotto controllo” la situazione, anche se ci sara’  un rallentamento. In ogni caso, ha sottolineato Sacconi, ”la crisi non e’ del tutto negativa”, perche’ consentira’ di riportare alla luce ”la ricchezza effettiva”.

08:58 RBS, LLOYDS E HBOS RICORRONO A 64 MLD FONDI TESORO GB
Tre fra le principali banche britanniche hanno annunciato aumenti di capitale ricorrendo ai fondi resi disponibili dal tesoro. In dettaglio si tratta di 64 miliardi di euro. RBS ha varato un aumento di capitale da 20 miliardi di sterline, Lloyds 11,5 miliardi e il resto Hbos. Anche Barclays procedera’ a un aumento di capitale da 6,5 miliardi di sterline ma senza ricorrere ai fondi pubblici. I tre istituti dovranno cercare di vendere le nuove azioni agli attuali azionisti e il tesoro garantira’ l’acquisto di tutto l’inoptato.

08:51 PETROLIO SALE SOPRA 81 DOLLARI AL BARILE SUI MERCATI ASIATICI
Il prezzo del petrolio viaggia in rialzo sopra 81 dollari al barile sui mercati asiatici. Il greggio con consegna a novembre e’ scambiato a 81,07 dollari al barile, dopo aver toccato venerdi’ scorso i minimi da un anno. A sostenere il rialzo dei future e’ l’accordo trovato ieri dall’Eurogruppo sul piano di salvataggio europeo per le banche.

08:46 BCE BOE E SNE FORNISCONO LIQUIDITA’ ILLIMITATA
Le banche centrali europee, Bce, Boe e Sne (banca centrale svizzera) annunciano che forniranno liquidita’ illimitata in dollari al mercato interbancario, attraverso prestiti da una settimana a 84 giorni.

08:41 OGGI ALLE 15 CONSIGLIO MINISTRI. BERLUSCONI ASSENTE, E’ IN USA
Riunione del Consiglio dei Ministri oggi a Palazzo Chigi, alle 15, per varare le misure comuni anticrisi finanziaria, decise ieri a Parigi dai 15 Paesi dell’Unione europea che fanno parte dela zona euro. Un piano d’azione comune, messo a punto per fronteggiare sui mercati europei l’onda della crisi dei mutui immobiliari Usa. Alla riunione di governo, alla quale non prendera’ parte il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, negli Stati Uniti per i festeggiamenti del Columbus Day, verranno esaminati fra l’altro i seguenti punti: creazione di una linea di credito per aumentare la liquidita’ delle banche; garanzie dei governi sui prestiti bancari fino al 31 dicembre 2009; la possibilita’ di intervento dei governi per ricapitalizzare le banche; l’impegno a evitare qualsiasi fallimento di istituzioni rilevanti; regole contabili piu’ flessibili, con la sospensione del cosiddetto ‘mark-to-market’; piu’ cooperazione tra Paesi, Commissione Ue, Bce ed Eurogruppo.

08:38 PREVISTA APERTURA IN FORTE RECUPERO IN EUROPA
Prevista un’apertura in deciso recupero per le borse europee sulla base dell’andamento dei future dei principali listini. Il future sull’indice DJ Eurostoxx 50 mette a segno un balzo del 6,40% mentre i future sulle borse di Parigi e Francoforte sfiorano il 7%. I mercati dunque dopo la peggiore settimana per la storia dei mercati azionari sembrano accogliere in modo positivo il risultato del vertice di ieri a Parigi dei paesi europei dove sono state definite alcune misure per ridare fiducia al sistema. In particolare i governi garantiranno i prestiti interbancari fino al 2009.

08:33 GB PREPARA RICAPITALIZZAZIONE DA 58 MILIARDI
Londra si appresta a varare un piano da 45 miliardi di sterline (58 miliardi di euro) per la ricapitalizzazione delle principali banche del Regno Unito. Lo rivelano fonti vicine all’operazione, secondo le quali le banche che riceveremmo i soldi e che quindi verranno in qualche modo nazionalizzate, dono Royal Bank of Scotland, Hbos e Lloyds TSB, mentre Barclays fa sapere in un comunicato che procederà ad una ricapitalizzazione da 6,5 miliardi di sterline e che intende procedere senza aiuti governativi, perche’ le sue finanze sono forti abbastanza. Royal Bank of Scotland dovrebbe invece prendere circa 14 miliardi di sterline del governo, HBOS oltre 10 miliardi i sterline e Lloyds TSB circa 5 miliardi di sterline.

08:00 BORSE ASIATICHE IN RECUPERO; TOKYO CHIUSA
Dopo i pesanti tracolli della scorsa settimana, la maggior parte dei mercati del sud-est asiatico hanno reagito positivamente agli sforzi dei governi per stimolare il sistema finanziario. Chiusa la borsa di Tokyo per festivita’, tutti gli altri mercati hanno recuperato terreno alla notizia che i Paesi dell’Unione Europea si sono accordati su un nuovo piano per garantire tutti i prestiti interbancari fino al 31 dicembre del 2009 e ricapitalizzare le banche con problemi di liquidita’. Ondata di acquisti su tutte le maggiori piazze, dunque: a Hong Kong, l’Hang Seng e’ cresciuto del 3,2 per cento (dopo che la scorsa settimana aveva perso oltre il 16,2 per cento). In Corea, il Kospi e’ aumentato del 3,2 per cento. A Singapore, lo Straits Times e’ aumentato del 2 per cento. Dopo che il governo australiano ha annunciato di estendere una garanzia su tutti i depositi bancari, la borsa di Sydney ha chiuso con il 5,55 di aumento (l’indice S&P/ASX 200 ha guadagnato 220 punti chiudendo a 4,180.7). E l’indice Morgan Stanley del Pacifico e’ cresciuto del 3,75 per cento.

AFFARITALIANI

Mercati/ Effetto piano Ue: Borse in recuperoultima modifica: 2008-10-13T15:53:02+02:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento