MENTRE VELTRONI GIOCA A FARE IL PREMIER DELLA REPUBBLICA DELLE BANANE, A ROMA L’EMERGENZA NOMADI DIVENTA EMERGENZA SANITARIA!

93e7b2934dd329cf80bcc3450a240008.gifProsegue a Roma la sceneggiata degli sgomberi dei campi nomadi, ma nubi minacciose si avvicinano, l’emergenza sanitaria per i quartieri a ridosso dei campi regolari e abusivi sta per esplodere!
Da una parte vengono sgomberati insediamenti abusivi i cui frequentatori risultano intestatari di abitazioni e macchine di lusso, frutto dei proventi del traffico illegale di ferro, rame e altri metalli rubati in giro; dall’altra la Polizia Municipale di Roma si rifiuta di eseguire le ordinanze di sgombero per il pericolo di epidemie dovute alle inesistenti misure igienico sanitarie dei campi nomadi.
Nel frattempo il degrado a Roma aumenta all’aumentare degli insediamenti abusivi che sorgono come i funghi a decine ogni settimana, dalle periferie “povere”alle “ricche” colline del Fleming, lungo le consolari e sotto i ponti in pieno centro. E la sinistra romana che fa? Pensa bene di risolvere la questione dando ai rom case popolari! Quindi secondo la sinistra del XII municipio i romani possono pure rimanere senza una casa o costretti ad occuparne abusivamente, ma per i nomadi, immigrati clandestini, sarà approntata una graduatoria ad hoc. Evidentemente la discriminazione contro gli italiani non è reato!
E il sig. Veltroni? È troppo preso a discutere della legge elettorale col suo dirimpettaio Berlusconi, piuttosto che preoccuparsi del decadimento della Capitale d’Italia. Evidentemente ritiene che alla gente interessi di più il modo in cui la casta riuscirà a conservare il proprio posto di potere e privilegio, piuttosto che la sicurezza di rientrare a casa senza essere scippati e pestati a sangue da un immigrato clandestino.
Roma ha bisogno di un sindaco vero non di una soubrette televisiva! Veltroni dimettiti

MENTRE VELTRONI GIOCA A FARE IL PREMIER DELLA REPUBBLICA DELLE BANANE, A ROMA L’EMERGENZA NOMADI DIVENTA EMERGENZA SANITARIA!ultima modifica: 2007-12-23T07:21:32+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo