ENNESIMO TENTATIVO DI INTRODURRE NUOVI REATI DI PENSIERO

 a3d07f491ee0671ea806efbac0787618.gif

Sull’onda emozionale seguita al terribile omicidio, di una donna romana da parte di uno zingaro, il governo si era impegnato a varare un serie di severi provvedimenti relativi alla sicurezza per impedire che tali fatti si ripetessero. Successivamente, sotto il ricatto delle frange più anti-italiane della sinistra estrema, le norme proposte furono sterilizzate fino a divenire completamente inutili ai fini della protezione del cittadino. Per aggiungere al danno la beffa, Rifondazione Comunista ha preteso, per accettare il pacchetto, che vi venissero inserite norme tese a colpire il libero pensiero sul tema dell’omosessualità. E’ stato così che nel “Pacchetto Ordine Pubblico” il governo aveva nascosto un provvedimento contro la cosiddetta omofobia.
La legge, in linea con i più demenziali esercizi repressivi collaudati in Spagna ed Inghilterra, impone a tutti di non tener conto nei propri comportamenti sociali e/o politici la natura omosessuale (o addirittura transessuale) dei propri interlocutori o oggetti dell’espressione delle proprie convinzioni. Per fare alcuni esempi diverrebbe reato:
 negare un’ assunzione per una posto di lavoro ad un omosessuale in virtù delle sue tendenze;
esternare a conseguenza del proprio credo religioso che l’atto omosessuale è un peccato od un oggettivo disordine contrario alla natura; in politica manifestare contro le porno-gazzarre che vanno sotto il nome di gay pride.
Tale legge (soprattutto perché oltre all’omosessualità pretende di inserire nel nostro ordinamento oggettivo il concetto labile e soggettivo di “genere”: es. transessuali e simili) incontra resistenze nei settori del centrosinistra che sono stati eletti approfittando dell’appoggio di alcune diocesi cattoliche molto confuse.
Anche parte del centrodestra  preoccupata di perdere l’appoggio degli italiani che ancora non hanno afferrato la sua intrinseca incompatibilità con ogni criterio etico sembra volersi opporre.
Infine sono contro questo ennesimo abominio contro la natura, il diritto e la logica il comune sentire degli italiani ed il piano strategico di Papa Ratzinger, che su questi punti ha deciso di non mollare.
Questo tentativo naufragherà, ma Forza Nuova ritiene che si dovrà mantenere altissima la vigilanza perché le lobby gay rappresentate da Grillini e Luxuria sono ansiose di vedere i “normali” al più presto in galera

ENNESIMO TENTATIVO DI INTRODURRE NUOVI REATI DI PENSIEROultima modifica: 2007-12-14T06:57:17+01:00da michelepositano
Reposta per primo quest’articolo